Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Patto di stabilità: Bruxelles esclude la richiesta di drastici tagli del debito dopo la pandemia | Economia

Il vicepresidente esecutivo per gli affari economici, Valdis Dombrovskis (a sinistra), e il commissario economico dell’UNHCR, Paolo Gentiloni.

Indipendentemente da ciò che accadrà per riformare il Patto di stabilità dopo la pandemia, la Commissione europea sta già partendo dal presupposto che le vecchie regole non saranno di nuovo pienamente applicabili a lungo. La prima regola che cadrà, secondo le fonti consultate, sarà quella che esige un ritmo accelerato di riduzione dell’avanzo del debito pubblico. La Commissione ha scelto di essere paziente con gli Stati membri per ridurre le montagne di debito che hanno accumulato per mitigare l’impatto della pandemia (e la devastazione della recente crisi finanziaria).

La discussione sulle modifiche inizia ufficialmente martedì con l’avvio della consultazione pubblica. Ma le domande messe in onda dal vicepresidente della Commissione Valdis Dombrovskis e dal commissario europeo all’Economia Paolo Gentiloni provocheranno probabilmente una contrattazione per mesi e anni. Sulla revisione o riforma delle regole finanziarie, il cosiddetto Patto di stabilità e crescita.

Questi regolamenti sono stati ora sospesi a causa della pandemia almeno fino alla fine del 2022. Ma quando torneranno in vigore, l’amministratore delegato Ursula von der Leyen intende rendere la loro applicazione più flessibile, adattandosi alle realtà di ciascun paese e non richiedere tagli a marce forzate del debito che portano alla deflazione Economico per i partner nelle peggiori condizioni di bilancio.

È chiaro che le nostre politiche devono adattarsi alla realtà. Nessuno vede che è possibile attuare la regola del debito nel 2022, 2023 o nei prossimi anni”, hanno ammesso fonti vicine alle future riforme. Questa regola, introdotta a seguito della crisi dell’euro, impone riduzioni del debito che superano Soglia del 60% a un tasso che significherebbe per paesi come la Spagna, i tagli annuali nei numeri rossi equivalgono a tre punti di PIL per decenni.

READ  Il COVID progredisce in Europa all'inizio delle vacanze

Nella consultazione pubblica aperta dalla commissione non ci saranno molte precisazioni, indicano fonti che hanno familiarità con il documento presentato questo martedì. Se questo è fatto, la discussione che stai cercando non richiederà molto tempo. Le situazioni peggioreranno e si raggiungerà un vicolo cieco.

Naturalmente, prima della sua apertura, sono già state lasciate molte ovvie posizioni di partenza e apprezziamo le grandi distanze. chiama falchi, guidata dai Paesi Bassi, ha avvertito a settembre di essere pronta a discutere la governance dell’accordo, ma senza legarla alla disattivazione della clausola di salvaguardia generale, il meccanismo che ha permesso di fare a meno del cuscinetto finanziario durante la pandemia e che è valido fino alla fine del 2022. Dall’altra parte, la Spagna o la Francia o l’Italia, che vogliono davvero nuove regole in quel momento.

Inoltre, c’è ancora un nuovo cancelliere a Berlino, che è molto cruciale in queste discussioni. Nonostante ciò che si sa dei negoziati tra socialdemocratici, verdi e liberali, sembra che quest’ultimo stia impostando il ritmo in questo momento, una posizione più vicina all’Aia oa Vienna che a Parigi. .o Roma. Né Olaf Schultz, potenziale consigliere SPD e ancora ministro delle finanze, non è un ardente riformatore delle regole fiscali. E come se non bastasse, lunedì la cancelliera Angela Merkel ha indicato la strada a coloro che stanno negoziando l’alleanza: “Il Patto di stabilità così com’è oggi ha molte possibilità, che sono state utilizzate ampiamente e correttamente. Ecco perché non sono molto entusiasta”. Cambiare il Patto di stabilità. Come affrontarlo sarà senza dubbio una decisione importante per il futuro governo federale”.

accumulo di debiti

Il debito e come viene ridotto sarà un punto importante in questa discussione. I paesi più colpiti dalla Grande Recessione hanno già raggiunto la pandemia e hanno impegni molto grandi. Con lei, il peso è aumentato ancora di più. Nell’Eurozona nel suo insieme si avvicina al 100% del PIL, ma con punte molto più elevate: Grecia (200%), Italia (155%), Portogallo (133%) o Spagna (120%), quelle che hanno già uscito il più ammaccato dalla crisi finanziaria.

READ  Koxka vende antichi beni e prodotti Kobol, situati nella città di Navarra a Peralta

Infine, se nel 2022 non ci saranno nuove regole e verranno ripristinate le vecchie, bisognerà vedere la solidità con cui quest’ultima viene applicata. Ed è qui che la commissione appare pronta a dare ossigeno, tenendo presente quanto accaduto durante la pandemia e applicando gli insegnamenti appresi.

Quando il debito supera il 60% del PIL di un paese, le normative attualmente in sospeso impongono che tale aumento venga ridotto a un tasso di un ventesimo all’anno. In altre parole, nel caso della Spagna, questi 60 punti in più porterebbero a un calo annuo del PIL di tre punti, un aggiustamento importante visto che negli ultimi anni di ripresa non si è realizzato nulla e che, inoltre, è necessario realizzare importanti investimenti pubblici spianando la strada alla trasformazione ambientale e digitale. E se il percorso spagnolo è difficile, il percorso che l’Italia o la Grecia dovrebbero seguire sembra praticamente impossibile.