Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Passione per Peio Aarbe

conquistare La vita è una corsa a lunga distanza, solitamente piena di ostacoli e dobbiamo mostrare una certa regolarità per raggiungere i nostri obiettivi. Nel mondo dello sport, come oggi, viviamo alti e bassi e momenti di debolezza, ma allo stesso tempo è la stessa passione per l’esercizio che ci porta grandi benefici. E se no, chiedi a Peio Añarbe, che ha solo 16 anni e già nel futuro dello sci di fondo.

In giovane età, il ragazzo di Vitoria ha al suo attivo ben 16 campionati spagnoli di sci di fondo e i campionati del mondo non ufficiali (questa competizione non si tiene ufficialmente nelle categorie inferiori). Alcuni numeri che mettono in evidenza l’incommensurabile lavoro e l’inestimabile sforzo che c’è dietro. “Mi sono allenato e mi sono allenato duramente e penso che i risultati siano stati giusti e spero che migliori, perché ora lo prendo più sul serio”, dice Beau, che scherza dicendo che è stato in questo sport da allora. Comincio a camminare. ”

Quanto alla stagione appena conclusa, anche Pio è molto soddisfatto perché nel campionato spagnolo svoltosi a Belagua ha vinto una gara ed è arrivato secondo in un’altra. “Inoltre, ho corso l’ultima staffetta in assoluto e la prima che ho vinto, il che mi ha fatto sentire molto orgoglioso dei miei sforzi”, ricorda.

anno indimenticabile A gennaio, invece, è stato dichiarato campione della Marcialonga in Italia e nella Coppa Scerre (il Mondiale non ufficiale) è arrivato settimo. “La situazione che non mi ha lasciato l’amaro in bocca, perché non era un bene per me”, si lamenta Pew. Per concludere il suo record di vittorie in questa stagione, il giovane skater ricorda anche la morte di Perrett. “Ho vinto i dieci chilometri e nessun adulto può tenere il passo”.

READ  "La decisione di vincere": Ricorda Icardi dopo essere stato campione d'Italia

Oltre a tutti i riconoscimenti che già custodisce nel suo spettacolo, ciò che spicca soprattutto è che all’età di 16 anni, Pew-One non solo gareggia con atleti adulti, ma li supera anche nelle rispettive categorie. Un atteggiamento che a volte infastidisce lui e i suoi genitori.

“Riceviamo molte critiche. Da minorenne, non mi dicono molto, ma ai miei genitori dicono alcune cose che penso non siano vere. Ad esempio, dicono loro che sono troppo giovane e loro non lo fanno “Devo forzarmi così tanto, ma penso che sia più invidia che altro. Inoltre, sia chiaro che la mia risposta è sempre la stessa, lo faccio perché lo amo e perché voglio allenarmi duramente”, spiega Pew in modo aggressivo .

Naturalmente, anche competere con gli anziani ha i suoi svantaggi. Ovvero che il giovane di Alava si accorge che a volte in lui nasce un po’ di paura, perché “se stai bene con gli anziani ma poi non sei in competizione con quelli della tua età, ti fai pressione e questo può essere pericoloso” .

Quanto a prendere più seriamente lo sci di fondo, Beau ricorda il suo trasferimento a Jaca due anni fa. “Vivendo qui posso allenarmi meglio e posso avere più contatto con la neve, dato che posso allenarmi lì a Vitoria, ma è diverso”, sottolinea. D’altra parte, ha detto che oltre allo sci, “facevo altri sport come la ginnastica o il canottaggio, ma quando ho deciso di venire qui l’ho fatto anche per concentrarmi esclusivamente sullo sci di fondo”.

Per quanto riguarda il suo futuro, Pew non si è ancora seduto a meditare perché ama vivere nel presente. “Ora mi sento molto bene. Nonostante quando le cose non vanno per me mi sento un po’ frustrato, ma è tutta questione di sport, fare esperienza e imparare dagli errori”. Sebbene lo skater non voglia guardare oltre, identifica che il suo sogno è chiaro. Ha dichiarato: “Vincere i Giochi Olimpici. Uno o più. Il mio prossimo obiettivo più vicino è poter partecipare alle Olimpiadi di Milano-Cortina in Italia nel 2026”.

READ  Giovanni Simeone, Calciatore di Serie A del mese di ottobre - Polideportivo

momenti di debolezza Nonostante abbia solo 16 anni, Beau è molto consapevole di tutto ciò che lo circonda e sa già che guadagnarsi da vivere con lo sci di fondo è molto difficile. “È molto complicato. Anche se può essere praticabile, ma è per questo che devi essere molto bravo o migliore. Per questo motivo, ora sono molto grato agli sponsor, Bioracer Clothing e Ski Trab”, sottolinea l’uomo di Gasteiz.

Pio osserva invece come in Spagna non ci sia molta sportività rispetto ad altri paesi. “In altri posti, di solito, le persone gareggiano fino a raggiungere i 30 anni, ma perché di solito c’è un cambio di generazioni. Qui, a causa della mancanza di atleti, sopportiamo più stagioni”.

Fin dalla nascita Peio ha dedicato vita, anima e corpo a questo sport impegnativo e, nonostante abbia avuto momenti di debolezza a causa delle esigenze che si pone, il suo unico pensiero è quello di continuare a crescere. “Tutto ciò che ho vissuto mi motiva a portare avanti il ​​fatto che non ho ancora intenzione di sbarazzarmi di tutto ciò che ho raggiunto e quel pensiero mi aiuta ad andare avanti ogni giorno”, spiega.

Una routine che gli impone di essere sempre al 100%, perché a metà stagione si allena tutti i giorni della settimana al mattino per poi andare in istituto e poi tornare ad allenarsi per una seconda seduta. Nonostante i rigori della vita quotidiana, ammette: “Non riesco a immaginare la mia vita senza allenamento o competizione o senza pattinaggio”.

Inoltre, il ragazzo di Alava è riuscito a centrare il tasto per quanto riguarda il suo allenamento. Ovvero che suo padre è il suo allenatore da diversi anni e nonostante il fatto che “ci sono giorni in cui siamo su una linea pulita, siamo entrambi molto felici e il rapporto è più che buono”, dice Anyarbi.

READ  Sonny Colbrelli dimesso dall'ospedale dopo aver subito un intervento chirurgico | Gli sport

Ciò che è chiaro alla fine è che se la vita è una corsa di fondo e devi tenere il passo nonostante gli ostacoli, sarà lui il vincitore e ancora Pew perché, pur essendo giovane, ha già dimostrato che la vita è pura passione e fatica.

“Non riesco a immaginare la mia vita nel futuro senza allenarmi o gareggiare nello sci di fondo”

“Tutto quello che ho vissuto mi motiva ad andare avanti e questo pensiero mi aiuta a funzionare quotidianamente”

“Il mio sogno è poter partecipare alle Olimpiadi di Milano-Cortina in Italia nel 2026”

“È molto difficile per me guadagnarmi da vivere; anche se può essere praticabile, deve essere molto buono o anche migliore”.

“Anche se ci sono giorni in cui sono in disaccordo con i miei genitori, il rapporto è più che buono”

Dolce e amaro

Sci di fondo di Vitoria