Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Partita del secolo – Sport

“L’Estadio Azteca rende omaggio alle selezioni: Italia (4) e Germania (3) campioni del Mondiale 1970, nella partita del secolo”. Questa iscrizione può essere letta nel tempio del calcio messicano che ha ospitato una dolorosa vittoria Azzurro In un duello di semifinale di Coppa del Mondo che prevedeva cinque gol in un tratto estenuante e affascinante allo stesso tempo.

La Germania aveva una grande squadra. Alla squadra che è stata sconfitta quattro anni fa dall’Inghilterra con bersaglio fantasma Geoffrey Hearst, a lui si unì un gruppo di giovani uomini di ottima qualità. L’attaccante veterano Uwe Seeler – un’icona scomparso il 21 luglio all’età di 85 anni – era ancora alla guida di una squadra che includeva il grande Franz Beckenbauer e Wolfgang Overath e il potente difensore Karl-Heinz Schnellinger. In Messico, un attaccante con una potenza di rifinitura spaventosa è emerso con il nome di Gerd Muller, un segno duro come Bertie Foggs e un grande arciere si sono dimostrati: partire Mayer.

L’Italia stava ancora vacillando per l’umiliante caduta per mano della Corea del Nord nel 1966. La metà perduta aveva preso il controllo della penisola e le tattiche sempre più conservatrici sembravano essere l’unica ricetta per l’allenatore Ferruccio Valcarigi. Ecco perché, pur avendo due creatori di talento come Sandro Mazzola e Gianni Rivera, ha dato spazio a uno solo di loro. Preferiva affermarsi nella forza difensiva sottolineata da Tarcisio Burni e Giacinto Facchetti – il miglior terzino sinistro dell’epoca – poiché faceva molta osservazione a centrocampo e in attacco si delegava a malapena a Luigi Riva, giocatore pericoloso. Un attaccante del Cagliari.

Se i pronostici sul calcio hanno qualche valore, la Germania è emersa come la favorita per la vittoria. Tuttavia, questo sport non è un terreno fertile per le previsioni. E come se non bastasse, la squadra guidata da Helmut Schön ha tecnicamente superato l’enorme ostacolo posto dall’Inghilterra nei quarti di finale.

READ  Svelano il calvario fisico di Zlatan Ibrahimovic all'età di 40 anni: come si presenta il suo limitato piano di allenamento

Eravamo più forti, ma gli italiani erano più abili. Ed eravamo molto stanchi dopo la partita importante contro l’Inghilterra”, ha ammesso Seeler, il capitano della Germania.

Forse perché le gambe erano pesanti o per precauzioni Zuri I responsabili dell’inseguimento di Beckenbauer e Overath – le forze creative tedesche -, la festa si è spenta su richiesta dei padroni di casa di Valcareggi.

Per quanto la stampa nel suo Paese abbia più volte contestato l’ambiguo ruolo secondario assegnato a Rivera, bambino d’oro Con i tifosi milanisti impressionati, la mossa del controverso allenatore sembrava essere la mossa giusta. Ha bloccato i percorsi al suo avversario e presto la sua squadra è avanzata.

Roberto Boninsegna prova a portare palla a Riva, ma un passaggio rimbalza sul difensore volenteroso Schulz. L’attaccante dell’Inter recupera palla e colpisce Mayer con un tiro potente.

Quelli di Sean non avevano altra scelta che andare al fronte alla ricerca dell’uguaglianza. La sete di vittoria era più forte della fatica. Ma il processo di gioco era il più adatto Zuriche erano specializzati nel cercare rifugio in prossimità del loro arco e si precipitarono fuori quando intravedevano la possibilità di un contrattacco.

Sebbene Enrico Albertosi avesse abbastanza lavoro, la verità era che la Germania era impotente. Il portiere ha avuto difficoltà a malapena prima di un’anomalia di Seeler su passaggio di Beckenbauer. Questo è stato l’unico accesso ovvio in quasi 80 minuti di lavoro.

Rivera entrava da via Mazola. Ma la formula non è cambiata. D’altra parte, i tedeschi hanno giocato tutto o niente. Schön ha modificato la struttura inserendo Siegfried Heald – attaccante – per il difensore Bernd Patzke. La disperazione ha guidato le sue decisioni. E sembrava giusto perché, quasi allo scadere del tempo, Jürgen Grabowski trova smarcato il cross di Schnellinger che spinge la palla in fondo alla porta di Albertosi.

READ  "Dopo la finale di Barcellona, ​​le sedie dello spogliatoio sono state fatte saltare in aria"

Questo gol rappresentava anche una sorta di riscatto, perché a quel punto era quasi fermo Beckenbauer, vittima di una violenta offesa di Pierluigi Serra, e si era lussato la spalla destra. È rimasto in campo con il braccio in fionda, ma ha potuto contribuire solo poco o nulla.

Mezz’ora per raggiungere la meta

La parità ha obbligato entrambe le squadre a giocare mezz’ora di tempo supplementare per determinare chi sarebbe stato l’avversario del Brasile, il boia uruguaiano, in finale. Per la Germania, il supplemento è una cattiva notizia. La sua resistenza prosciugata gli ha impedito di andare oltre. Ma non aveva intenzione di arrendersi.

Muller ha portato la sua squadra in vantaggio dopo un mix verticale con Sealer. L’Italia è stata costretta ad abbandonare la sua proposta conservatrice. Rivera ha iniziato a mettersi in mostra da grande pilota che era. Una brutta respinta di Held ha lasciato la palla inviata sul tabellone a Burgnich per il pareggio. Prima della fine del primo quarto d’ora Riva si sbilancia sfruttando un cross di Angelo Domenghini.

Il Zuri Hanno inferto un duro colpo a un avversario fisicamente handicappato e un calciatore. È noto che i tedeschi non si arrendono di fronte alle avversità e, con un posto in finale in palio, onoreranno questa tradizione. Con un peso di 33 anni e mille battaglie, Zeller è riuscito a lasciar andare un feroce Muller 3-3.

A dieci minuti dalla fine, la suspense e l’eccitazione erano i re e i principi della scena. Non c’era tempo per distrarsi. Sulle tribune, più di centomila spettatori hanno assistito con stupore a un’eroica battaglia. Ma appena 60 secondi dopo il giovane attaccante del Bayern Monaco, Rivera, lo stesso che era stato evitato dal suo allenatore, ha sferrato un superbo tiro fuori area che non era a portata di mano. partire Mayer.

READ  Lucho Herrera: il miglior ciclista colombiano incontra Gianni Bugno - ciclismo - sport

Obiettivo bambino d’oro Cala il sipario su un incontro indimenticabile. Italia e Germania avevano salutato il calcio con una mezz’ora di tensione soffocante. Credere che in quel momento non ci si aspettasse che i tiri del calcio di rigore si decidessero e che il vincitore potesse essere deciso con un lancio di moneta… Per fortuna ciò non è accaduto e ha impedito alla possibilità di rovinare la partita. partita del secolo.

sintesi

Italia 4 – Germania Ovest 3

Italia: Enrico Albertosi Tarcisio Burgnich, Roberto Rosato, Pierluigi Serra, Giacinto Facchetti; Mario Bertini, Angelo Domenghini, Sandro Mazzola, Giancarlo de Sesti; Roberto Boninsegna, Luigi Riva. DT: Ferruccio Valcarigi.

Germania: Josef Mayer, Hans Hubert Vogts, Wilhelm Schulz, Bernd Patzke, Karl-Heinz Schnlinger; Franz Beckenbauer, Wolfgang Overath; Jürgen Grabowski, Uwe Seeler, Gerd Muller, Johannes Lohr. DT: Helmut Schön.

incidenti

Primo tempo: 8m, gol di Bonnisgna (primo). ancora: Gianni Rivera per Mazzola (I); Reinhard Leboda su Loehr (pbsl); 21 m Siegfried, Stadio Patzky (in trasferta); 45m gol di Schnellinger (fuori terra). Primo lavoro aggiuntivo: Fabrizio Politi per Rosato (I); 4m gol per Muller (fuori terra); 8m gol di Burgnich (1°); 14m gol di Riva (1°). Secondo tempo supplementare: 5m gol per Muller (in trasferta); 6m gol di Rivera (primo).

stadio: Azteco (Città del Messico). Regola: Arturo Yamasaki, Perù. Data: 17 giugno 1970.