Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Papa Giovanni Paolo I sarà beatificato

Juan Pablo I (Creative Commons)

Il Papa Francesco Questa mattina ha autorizzato l’emanazione di un decreto di beatificazione Juan Pablo I, il Santo Padre, che durò solo 33 giorni come massima autorità ecclesiastica fino all’alba del 28 settembre 1978, fu trovato morto nel suo letto. La sua morte era sotto il velo di sospetti e teorie cospirative. Il Vaticano conosciuto come Il miracolo del caso di una ragazza argentina che era 10 anni fa in coma e senza speranza di sopravvivenza, ma inspiegabilmente guarita dopo le preghiere della madre Albino Luciani, che era affettuosamente conosciuto come “Il sorriso di Dio”.

Si aprì così la strada alla canonizzazione del rabbino veneziano e Solo ora è la data previstaessere deciso da Papa Francesco.

Albino Luciani nasce il 17 ottobre 1912 a Forno di Canal, Italia. Dopo un’infanzia segnata dalla fame e dalla povertà, entra a scuola all’età di dodici anni. Ordinato sacerdote nel 1937. Ha conseguito il dottorato in teologia e il suo lavoro con i bisognosi ha attirato l’attenzione dei suoi colleghi. Così salì nella gerarchia ecclesiastica: vescovo, patriarca di Venezia, cardinale. Fu anche membro del Concilio Vaticano II. Dopo la morte di Paolo VI, All’età di 66 anni, Luciani divenne Papa nel 1978.

Durò solo 33 giorni come massima autorità ecclesiastica. Non ha lasciato un’eredità tangibile né nella Chiesa né nel mondo, ma i suoi gesti ripetuti quotidianamente erano simboli di un tentativo di mettere da parte il solito lusso del Vaticano, per proiettare un’immagine più modesta. Infatti, in un breve periodo di tempo, scoprì che le sue finanze e altri affari interni erano stati sconvolti. Il lungo periodo e la vecchiaia di Paolo VI permisero a molti di compiere falsi lavori. In questo contesto, si segnala che Giovanni Paolo I stava preparando una serie di scambi tra vescovi e cardinali di maggiore influenza con l’obiettivo di combattere la corruzione.

Giovanni Paolo I morì all'età di 66 anni, un mese dopo essere stato eletto Papa
Giovanni Paolo I morì all’età di 66 anni, un mese dopo essere stato eletto Papa

Il resoconto ufficiale del Vaticano ha indicato che è morto per un attacco di cuore la mattina presto del 28 settembre 1978. Ma la sua morte è stata contaminata da sospetti e teorie cospirative con varie teorie che affermano che è stato assassinato.

READ  Sei terroristi scappano attraverso un tunnel carcerario di massima sicurezza in Israele

Luciani fu il primo ad usare un doppio nome in onore dei suoi immediati predecessori, Giovanni XXIII e Paolo VI. Cosa c’è di più Fu l’ultimo papa d’Italia quattro secoli dopo. Dopo la sua morte l’egemonia italiana terminò. I prossimi saranno un polacco, un tedesco e Francesco un argentino. era troppo L’ultimo papa è morto nel ventesimo secolo.

Nel 2003, il suo successore, Juan Pablo IIe Abdullah lo annunciò e iniziò il cammino verso la santità. nel 2017 E papa Francesco lo dichiarò venerabile. Il Vaticano ha ora approvato un miracolo legato a Luciani che ha a che fare con la storia di una ragazza argentina.

Nel 2011, Candela Giardia È iniziato con mal di testa che in seguito hanno portato a vomito e febbre. A Parana, la sua città natale, nessuno poteva spiegare a sua madre come trattare la ragazza, ma l’aveva solo informata che stava incubando un virus. Le sue condizioni sono peggiorate fino a quando non è finita in terapia, in coma e con un ventilatore. “Ho avuto convulsioni e ho provato diversi anticonvulsivanti, ma niente ha funzionato”., ricordare Roxana SousaLa madre di Candela.

Candela Giarda, Padre Jose Dabusti e Roxana Sosa
Candela Giarda, Padre Jose Dabusti e Roxana Sosa

La bambina di 10 anni è stata portata in ospedale Fondazione Favaloro Inoltre non sono stati in grado di dare una diagnosi accurata. Anni dopo, gli specialisti conclusero che la patologia era FUOCHI (Sindrome da Epilessia Infettiva), una malattia rara che colpisce 1 persona su 1 milione, quasi sempre non ha possibilità di sopravvivenza.

Non c’era speranza per Candela. I medici hanno persino raccomandato alla madre di tornare a Paranà per morire a casa. Se fosse sopravvissuta, la prognosi era frustrante: gli specialisti dicevano che sarebbe rimasta in coma, cieca. La notte del 22 luglio 2011, il medico di Roxana ha detto che non potevano fare altro: “Candy sta morendo stanotte”. Disperata, piangendo, andava in chiesa dove andava sempre a pregare, parrocchiani signora Rabidametri dalla clinica.

Nel 2011, Candela non aveva alcuna aspettativa di vita, i medici non sono stati in grado di trovare una cura per la sua malattia e hanno raccomandato a sua madre di tornare nella sua città natale in attesa dell'esito fatale, che non si è mai verificato.
Nel 2011, Candela non aveva alcuna aspettativa di vita, i medici non sono stati in grado di trovare una cura per la sua malattia e hanno raccomandato a sua madre di tornare nella sua città natale in attesa dell’esito fatale, che non si è mai verificato.

era lì Padre Jose Daboste che poi si avvicinò al letto dove si trovava e affidò il destino della ragazza a Juan Pablo I. Roxana non sapeva nulla della storia di quel papa, ma pregò e rimase con sua figlia, aspettando che passassero le ore. Aggrappati alla possibilità di un miracolo, finalmente. Almeno non c’è alcuna spiegazione a sostegno di come poche ore dopo che Giovanni Paolo I fu convocato, Candela ha iniziato a svilupparsi positivamente fino a quando non ha finalmente lasciato l’ospedale. Oggi, a 21 anni, Candela è una giovane donna che vive una vita normale, studia sicurezza e igiene degli animali all’università, ha mille progetti di vendita, ma soprattutto è sana, senza le conseguenze dei giorni drammatici che ha vissuto. dieci anni fa.

READ  La famiglia che l'ha buttata fuori dalla voragine a Puebla è stata vittima di una truffa telefonica

È stato padre Jose a scrivere una lettera a papa Francesco raccontandogli cosa era successo. Il miracolo di Candela è stato studiato dalla commissione medica vaticana, che in questo caso ha emesso unanime verdetto positivo. Anche i teologi hanno dato il loro giudizio positivo. Alla fine i cardinali affermarono di nuovo che si trattava di un miracolo.

Com’è il processo di beatificazione e santificazione?

Il percorso per riconoscere un candidato come beato e santo è rigoroso, impegnativo e anche estenuante.. È un processo che può durare non solo anni, ma decenni e addirittura secoli, come nel caso della beata Argentina Mamma Antola, che dopo aver aperto la teca nel 1905 non è stato ancora dichiarato santo.

Mama Antola non è stata ancora dichiarata santa
Mama Antola non è stata ancora dichiarata santa

Affinché una persona possa essere candidata per il libro dei santi, Il primo passo è che in vita sia già famoso per la sua santità e che continui dopo la morte. Un altro requisito è che Dopo la morte, le persone chiedono la sua intercessione per ricevere benedizioni. Una volta soddisfatte queste condizioni, il vescovo della diocesi, dove è nato il candidato, chiede che il processo sia aperto a Congregazione delle Cause dei Santi. Una volta aperta la pratica, il candidato viene rinominato Abdallah. Una volta avviata la causa, sono chiamati a testimoniare i testimoni che hanno conosciuto o sentito parlare della persona. Tra questi potrebbero esserci anche testimonianze contrarie. Un relatore del caso prepara un documento chiamato posizione, che consiste in un’indagine completa. Se la Congregazione per le Cause dei Santi approva la Positio, il papa emette il decreto dell’eroismo delle virtù che rendono così onorato il servo di Dio. Una volta convalidati i dati trasmessi, inizia la fase romana.

READ  Corona virus in Messico 8 agosto: nelle ultime 24 ore si sono registrati 7.573 contagi e 172 morti

Quando la causa raggiunge Roma, i postulati devono dimostrare un miracolo per intercessione del candidato: la guarigione deve essere sempre scientificamente inesplicabile.. Una commissione medica di 50 specialisti sta studiando che soddisfi queste caratteristiche e poi vescovi e cardinali devono dare un giudizio positivo sul miracolo. Poi il sindaco fa un’ordinanza che il Papa ratificherà. Quando è d’accordo, si può fissare la data della beatificazione e così si proclama la benedizione. Il prossimo passo sarà la santificazione, che richiede un altro miracolo dopo la beatificazione. È chiaro che si attribuisce all’intercessione del nuovo beato. In questo modo si dichiara santo.

Ordinanze del Sinodo delle Cause dei Santi
Ordinanze del Sinodo delle Cause dei Santi

Continuare a leggere: