Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Papa Francesco: Il Papa aspetta la Messa del Gallo per il secondo anno domani, che sarà alle 19:30.

Roma, 23 (Stampa Europea)

Il Papa ha presentato due ore della Messa del Gallo in programma venerdì 24 dicembre nella Basilica di San Pietro, che si svolgerà alle 19,30, come avvenuto lo scorso anno a causa della pandemia di coronavirus. Tuttavia, questo Natale offrirà la benedizione ‘Urbi et Orbi’ affacciandosi sul balcone della Loggia Centrale, senza limiti di capienza in Piazza San Pietro, nonostante l’Italia abbia imposto maggiori restrizioni a coloro che non sono vaccinati contro il Corona virus per fermare la diffusione del virus. L’impatto dell’epidemia. Come specificato da fonti della Santa Sede.

Da giovedì 26 novembre scorso è diventato obbligatorio in Italia per tutti gli arrivi dall’Unione Europea sottoporsi a un test antigenico o molecolare (PCR) con esito negativo, per entrare nel Paese, anche se vaccinati o ammalati. Inoltre, coloro che non sono stati vaccinati devono rimanere in quarantena per cinque giorni. Queste regole saranno in vigore fino al 31 dicembre.

Inoltre, vista la velocità con cui si sta diffondendo il coronavirus con la variante Omicrom, il governo italiano di Mario Draghi ha deciso di prorogare lo stato di emergenza di altri tre mesi, fino al 31 marzo. Inoltre, a Roma, l’uso della mascherina all’aperto è stato reso obbligatorio in alcuni luoghi, alcuni vicino al Vaticano.

La prima grande celebrazione del Papa sarà la Natività di Dio nella Basilica di San Pietro. L’intera Chiesa papale tornerà a partecipare all’evento a cui sono attesi fino a 120 sacerdoti festivi, secondo il nuovo sistema di accreditamento lanciato dall’ufficio liturgico il 1° dicembre per sacerdoti e diaconi. Al momento la capienza non è limitata, anche se è necessario indossare la mascherina all’interno della Basilica di San Pietro.

READ  Le istituzioni finanziarie europee voltano le spalle alla Russia | Economia

Il giorno dopo, come di consueto, Francesco consegnerà il messaggio di Natale e alle 12:00 trasmetterà la benedizione “Urbi et Orbi”. L’ufficio liturgico pontificio, guidato da monsignor Diego Ravelli, ha precisato che si sarebbe svolto nel tradizionale portico centrale della Basilica di San Pietro e non all’interno della Sala delle Benedizioni come l’anno scorso, quando si è scelta questa opzione. Lo spazio è più piccolo e la capacità è stata limitata a causa dell’epidemia.

La prossima celebrazione che sarà presieduta dal Sommo Pontefice sarà venerdì 31 dicembre, alle ore 17, con i primi Vespri della Festa di Maria SS.ma Madre di Dio, e il Papa reciterà il ‘Te Deum’ in ringraziamento per l’anno passato.

Il 1° gennaio, festa di Santa Maria, Madre di Dio, il Papa presiede alle ore 10.00 la Messa per la V Giornata Mondiale della Pace. Nel suo messaggio di quest’anno, il Papa ha richiamato l’attenzione dei governi sull’investimento del denaro speso in materiali per la difesa e armi in aspetti legati all’istruzione. Nel suo discorso per la Giornata mondiale della pace della Chiesa cattolica, Francesco ha anche chiesto un migliore equilibrio tra un’economia di libero mercato e la necessità di aiutare coloro che hanno meno e proteggere l’ambiente, oltre a denunciare i crescenti costi militari a scapito dei servizi sociali.

Il 6 gennaio il Papa celebrerà la Messa dell’Epifania alla quale è nuovamente invitata l’intera Chiesa pontificia. Non è stato determinato se ci sarà un battesimo nella Cappella Sistina la domenica successiva come di consueto.