Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Papa Francesco ha detto ai giudici di agire in modo responsabile e ha criticato “l’aumento dell’uso inappropriato della reclusione”

(Reuters)

Il Papa Francesco Ha invitato i giudici nazionali ad agire in modo responsabile e ha criticato il “maggiore utilizzo di non appropriato di chiusura”. Lo ha fatto il Sommo Pontefice attraverso a Messaggio che gliel’ha mandato Alexandre Slocaril capo della corte Associazione Argentina dei Professori di Diritto Penale (AAPDDP). Ha inoltre invitato le istituzioni a “contribuire a rafforzare con esse la pratica delle funzioni accademiche e giudiziarie”. Adesione agli obblighi etici“.

“Vorrei condividere con voi alcune riflessioni su alcune delle questioni relative alla vostra conoscenza che toccano direttamente la dignità umana e sfidano così la Chiesa nella sua missione di evangelizzare e Servizio di giustizia e pace”, ha commentato il Papa in prefazione al suo testo ufficiale e ha spiegato: “Bisogna ricordare che la legge in sé non può mai raggiungere i veri fini della funzione punitiva”.

In questo senso e riguardo all’esercizio del potere, ha ammonito che «una concezione tecnocratica disumanizzante mette in discussione la capacità critica dell’individuo e porta all’irrazionalità che viene importata nelle decisioni scolastiche e giudiziarie».

Poi ha affermato: “Affinché la funzione punitiva non diventi un meccanismo cinico e impersonale, abbiamo bisogno di persone educate nella formazione tecnica, ma soprattutto con la passione per la giustizia, e consapevoli del grande dovere che svolgono. Solo in così nessuna regola sarà fine a se stessa, ma tutti saranno al servizio delle persone coinvolte, siano esse autori di reati o vittime offese”.

Papa Francesco
Papa Francesco

“Servono insegnanti e giudici che si assumano il compito della loro professione di servitori della legge (…) Rivolgo a voi, esperti, il mio appello a contribuire alla promozione dell’esercizio delle funzioni accademiche e giudiziarie in conforme agli obblighi morali”, ha insistito il pontefice.

READ  La Facoltà di Medicina procede con il ritorno della presenza nelle classi ibride

Nei paragrafi seguenti, Il Papa ha confermato la sua critica. In precedenti occasioni ho fatto riferimento al compito che i giuristi devono affrontare Irrazionalità punitiva guarda con preoccupazione Uso arbitrario della detenzione preventivaergastolo, incarcerazione di massa, sovraffollamento e tortura nelle carceri, nonché arbitrarietà e Abuso delle forze di sicurezzacriminalizzare la protesta sociale e minare le più elementari garanzie penali e procedurali”.

Dopo aver fatto riferimento a quei concetti da lui avanzati durante un discorso del 2014, il Papa ha osservato: “Da allora sono sorti dei problemi”. Sono solo peggioratiPoi ha indicato nella lettera: “Questo è quello che succede Aumento dell’abuso di reclusione e il conseguente deterioramento delle condizioni di detenzione, unitamente all’incentivo involontario alla violenza o Uso sproporzionato della forzache viene a comporre i casi non ufficiali di pena di morte originali (vedi lettera a una delegazione del Comitato internazionale contro la pena di morte, 17 dicembre 2018).

Durante una conversazione con i giornalisti mentre tornava in Vaticano dopo aver visitato il Bahrain, A Papa Francesco parlare di Diritti delle donne In diverse parti del mondo hanno confermato che lui stesso proviene “città macho” Perché, a suo avviso, “Gli argentini sono pazzi”.

Prima di consultare un giornalista che lo ha accompagnato nel viaggio di ritorno alla sua residenza, il pontefice ha ringraziato “l’opportunità di dirlo” e ha sottolineato che era qualcosa che portava “nel cuore”.

Continuare a leggere