Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Pablo Christi, argentino andato in Italia per tentare la fortuna, brilla oggi come “successore di Michelangelo”: termina una sua opera.

“Sono uno scultore e mi piace perché non so fare altro”Concordare Paolo Christie In conversazione con Nazione. La sua carriera nasce da ragazzo e all’età di 17 anni entra in una fabbrica di marmo. Rosario, Santa Fee ha acceso una passione che potrebbe portare a un percorso professionale migliore.

Christy ha seguito il suo grande sogno Studio architetturaMa qualcosa gli ha impedito di portare a termine i suoi piani. “Quando inizio una scultura, la vedo finita nella mia mente e lì la lascio a metà. All’età di 33 anni ho finito e ho iniziato ad esporre le mie opere“, ha rivelato Nazione.

La sua voglia di crescere I tuoi affari Lo portò in Italia E scopri la “Capitale mondiale del marmo”.Nel 2017 ha vissuto per due mesi e ha realizzato due sculture. Ma, tornato nel suo paese natale, ha dovuto mantenere un vero legame con le cose. “Pochi mesi dopo, Mi hanno invitato da un simposio [una reunión de expertos para debatir un tema sobre su especialidad] a Siena. Y Sono tornato in Italia con mia moglie e mio figlioAveva 6 anni allora. Viaggiamo con solo bagagli e deposito per alcuni mesi. Siamo ancora qui oggi”, ha detto.

La sua nuova casa nel comune italiano di Carrara gli ha permesso di perseguire la sua passione per le sculture in marmo. Tra la fine del 2018 e l’inizio del 2019, Christy è stata invitata a un evento di gruppo a SavonaNe era un membro La famiglia GiustinianiTra il XIII e il XVIII secolo il grande esperto di commercio internazionale di Genova.

La famiglia Gistiniani commissiona a Christi la terza opera della trilogia iniziata da Michelangelo.Grazia: Pablo Christi

“C’era un uomo a cui piacevano le mie sculture, Dopo quattro o cinque incontri, mi fece una proposta incredibile. Il processo è stato lento perché all’inizio c’erano molti discorsi in cui non capivo a cosa si riferissero, finché un giorno mi ha detto di cosa si trattava: Mi chiese se fossi stato ispirato a creare il terzo Cristo di una trilogia che Michelangelo aveva lasciato incompiuta.COMUNICATO E RICONOSCIUTO: “CertoEra un’opportunità che non potevo lasciar perdere”.

READ  Vanno in una remota cittadina dell'Italia, che li fa sentire in Argentina a causa di una strana usanza.

La prima di due sculture di Michelangelo (Christo Giustiniani) fu iniziata nel 1514 e terminata nel 1516. Insoddisfatto di ciò, creò una seconda scultura nel 1517 nel 1520. Se avesse fatto la terza, l’avrebbe iniziata nel 1521: “Esattamente 500 anni dopo, nel 2021, inizio il terzo, e ci sono 500 anni che separano la nascita di lui nel 1475 e di me nel 1975.“, rivela Christie.

Miguel Angel Rimane un simbolo indiscusso del Rinascimento italiano. All’età di 39 anni realizzò una statua in marmo di Cristo, a grandezza naturale, nudo e con un crocifisso tra le mani. Nel 1514 fu firmato un trattato con un gruppo di cavalieri romani, tra cui Metello Vari.

Ma l’architetto ha dovuto affrontare molti ostacoli durante l’esecuzione dei lavori, che lo hanno portato La creazione della seconda scultura nel 1516-20. Nel primo volume, Una vena nera fu scoperta nel marmo all’altezza del viso: decise così di abbandonarla. “Era uno dei blocchi destinati alla tomba di Giulio II, morto mesi prima, quindi Michelangelo lo prese come una maledizione e abbandonò il progetto per pura superstizione, secondo le sue lettere a Tax”, ha sottolineato Christie.

I tre Cristi del triangolo: (da destra a sinistra) il primo di Michelangelo, modello in gesso dello Spirito Santo, il secondo dell'architetto.
I tre Cristi del triangolo: (da destra a sinistra) il primo di Michelangelo, modello in gesso dello Spirito Santo, il secondo dell’architetto.Grazia: Pablo Christi

Architetto Voleva iniziare una terza edizioneMa il cliente, impaziente di ricevere il suo ordine, Ha chiesto la consegna immediata dell’intera scultura.

Ora la prima opera è nella cappella del monastero di San Vincenzo-Basano Romano. Il secondo è esposto nella Cappella Giustiniano all’interno della Basilica di Santa Maria Chopra Minerva a Roma. Vincenzo GiustinianiUn aristocratico e banchiere Raccolse più di duemila sculture e 800 dipinti, che conservava nei suoi palazzi. Il suo occhio esperto lo ha portato a identificare Il Cristo imperfetto di MichelangeloMercatino dell’antiquariato dei primi del 1700. Scultura Lo finirò dopo un secoloSu richiesta dell’architetto italiano Marchese Giustiniani Gian Lorenzo BerniniMorto nel 1680.

READ  Chicago | Il video della morte di una guardia di 13 anni ha scioccato gli americani

Il terzo Cristo che porta la croce è ora Rosario e le armi completerà il lavoro di Una trilogia storica: Padre, Figlio e Spirito Santo.

Pablo Christi si sente “nel mezzo della tempesta”. “Non ho ancora una vera idea di quello che sto facendo. Ero così fissato nel realizzare il compito che non sentivo che sarebbe arrivato. È una responsabilità enorme”, ha detto.

Il 2019 è un progetto in cui è immerso. “Prima ho realizzato modelli in scala e misure naturali in gesso lo scorso novembre, ea dicembre ho iniziato a lavorare sul blocco. Il primo passo è stato la cantina, dove ho disimballato il blocco e ho tolto il peso L’ho spostato in una vecchia tettoia del castello che era stata bombardata durante la seconda guerra mondiale a Moneglia. Lì lavoro davanti al mare e davanti al pubblico, accessibile nei fine settimana”, ha spiegato.

La scultura prende forma. “In questo momento sto lavorando sul lato del piede e sulla parte umana. Egli doveva rappresentare lo Spirito Santo nell’uomo E questa è una sfida. Quindi l’ho semplificato e ho scelto di prendere tre componenti: La croce, come simbolo misurazione [medida] tempo e luogo; L’uomo, come la natura; E il mantello che unisce tutto. Ad un certo punto si fondono e prendono una forma diversa”, ha spiegato.

Scultore Presentato in precedenza un modello in gesso alto 2,60 metri, come esempio. “Ma sono abituato a lavorare direttamente con la materia perché è il marmo che ha venature, segni o imperfezioni che indicano la direzione da prendere. La scultura è già molto diversa dal modello iniziale E finisce in modo univoco. Adesso arriva la parte più difficile, il mantello”, ha avvertito.

Una delle opere di Pablo Damien Christie.
Una delle opere di Pablo Damien Christie.Grazia: Pablo Christi

Christie ha sottolineato l’importanza del simbolismo nel raggiungimento della sua rappresentazione idealizzata dello Spirito Santo. “Sebbene la famiglia l’abbia progettata come una scultura religiosa, il progetto è diventato troppo grande per tutti noi e ha assunto una vita propria. Voglio rappresentare Cristo come un simbolo universale che non dovrebbe essere diviso. Il cristianesimo è antecedente al cattolicesimo e non ha nulla a che fare con ciò che rappresenta la Chiesa attuale. Voglio che diventi un angelo di luce, più che rappresentativo di un pregiudizio. Una persona superiore, come il Buddha o personaggi storici, era illuminata ed egocentrica, senza meta. Soprattutto nei tempi in cui viviamo, tutto è divisione e conflitto”, ha spiegato.

READ  Un'isola in Italia offre 15mila euro a chi vi si trasferisce: requisiti

In questo senso, lo scultore ha affermato che l’idea alla base di questo Cristo è inclusiva di tutti all’interno di questa visione e che è universale. “Probabilmente la famiglia Giustiniani volle portare le prime due opere alla terza. Quanto a me, le mie mani toccano il cielo. Questa volta voglio mettere i piedi per terra”, ha ammesso.

Il lavoro di Christie gli è valso il premio come miglior scultore internazionale d’arte contemporanea nel 2015; Premio Marble Art, 2018; e il Premio Franco Borghetti VI al Festival di Torano nel 2019.