Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Oursabel: “Non siamo meno dell’Italia”

Il calciatore spagnolo Michael O’Reilly offre una conferenza stampa alla Ciudad del Football di Los Rosas questa domenica. EFE / Rodrigo Jimenez

Los Rosas (Madrid), 4 luglio (EFE).- “Non abbiamo dubbi in ogni momento”, ha avvertito Michael O’Reilly, che ha attaccato la Spagna, avanzando alle semifinali di Euro 2020 con un punteggio decisivo di rigori, sottolineando la “fiducia” della squadra che “la Spagna non è meno dell’Italia” lo avverte.
“Sarà una partita molto dura. L’Italia ha dimostrato il livello che ha e sta arrivando un grande momento, ma noi abbiamo. Dobbiamo concentrarci su noi stessi. Se facciamo le cose meglio, se abbiamo ragione, abbiamo maggiori possibilità di vincere. Oltre a loro, hanno un alto livello. La squadra. La cosa più importante è pensare a noi “, ha detto in conferenza stampa al Ciudad del Futbol di Los Rosas, Madrid.
“Dobbiamo giocare come abbiamo fatto finora, abbiamo giocato le migliori partite di tutti, abbiamo fornito un ottimo quadro. E continuare a credere in noi stessi come prima, assicurandoci che vada bene”, ha detto, prima che il suo avversario posizione, “battili e lasciali andare”. Può segnare un goal. “
“Hanno una squadra di alto livello, giocatori ad alte prestazioni e grandi squadre, ma noi non siamo diminuiti. Dobbiamo avere fiducia che chi è davanti a noi può costruire un grande gioco, e qualunque sia la competizione.. abbi piena fiducia in noi , quello che facciamo, Abbiamo un’idea “, ha detto il nazionale spagnolo.
“Fin dal primo giorno in cui siamo arrivati, la squadra che eravamo qui era solida, unita, di livello. Giocheremo un ruolo importante in questo Europeo. Crediamo di averlo dimostrato così com’è. Commenti dall’esterno, puoi vedere cosa pensa ognuno di noi. Ma in nessun momento abbiamo alcun dubbio, in ogni momento abbiamo fatto affidamento su noi stessi, la squadra qui e il resto “, ha detto.
Sono descritti dall’esterno come una squadra giovane, una squadra inesperta in passato. “Per quanto logico sia nel calcio e nella vita, ci sono momenti che devono essere cambiati poco a poco. È logico che chi ha dato tanto a questa squadra e ha mostrato quanto ha si sta perdendo”, ha detto.
“Ma logicamente c’è anche un cambio generazionale. Arriva un momento in cui gli anziani e tu devi smettere di giocare a calcio”, ha proseguito il calciatore, considerando che ormai la maggior parte della squadra sta “parlando delle tipologie” di essere selezionati in le categorie inferiori e diventare campioni.
“Di tutti gli europei a cui sono stato, il livello di selezione è molto alto. Penso di poter affrontare chiunque in questo esame dove ci sono molti giovani e dare quel livello in qualsiasi momento”, ha sottolineato.
Il fatto che quattro semifinalisti abbiano giocato la prima fase nel suo paese non ha coinciso con l’importanza che ha dato. “Qualsiasi squadra che è in semifinale di una Eurocup come questa è, a quel livello, soggetta ai propri meriti”, ha detto.
Non sapeva se lunedì contro l’Italia sarebbe partito da titolare a Wembley: “Sono pronto a fare tutto quello che mi chiederà il mister. Se c’è voglia di giocare all’inizio sarò contento, altrimenti sarò in panchina, cercando di aiutare i miei compagni. Se avrò tempo di entrare subito, giocheranno tutti”. Come, ma su 24 ne giocano solo 11 o 16. Il resto, anche se non giochiamo, aiutiamo. Voglio fare quello che voglio, benvenuto”.

READ  Dove dormire in Italia quest'estate