Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Ómicron: un rapporto del Regno Unito mostra che il vaccino utilizzato come booster genera una maggiore protezione

L’Agenzia per la sicurezza sanitaria del Regno Unito (UKHSA) ha pubblicato un nuovo rapporto di sorveglianza per i vaccini antinfluenzali. COVID-19 Ha presentato i risultati ottenuti attraverso la presentazione dosi di richiamo Protezione contro infezioni e ospedalizzazione grazie alla nuova variante omcron.

nel documento 59 pagine che rivelano i risultati ottenuti dopo l’applicazione di una dose di richiamo con vaccini a RNA messaggero (Pfizer e Moderna) Per i residenti che hanno ricevuto in precedenza due dosi di Pfizer, Moderna o AstraZeneca. Il risultato ottenuto lo ha dimostrato booster (Rinforzo) è fondamentale quattro mesi dopo il completamento del regime iniziale.

Anche l’UKHSA ha stabilito che le persone che hanno completato lo schema iniziale per sei mesi o più hanno una protezione vicina o inferiore al 10% contro la variante omicron che è stata identificata in Sud Africa lo scorso novembre ed è oggi più diffusa in tutto il mondo.

Confronto di pazienti asintomatici che assumono un regime completo con AstraZeneca e booster con Pfizer o Moderna. UKHSA
Confronto di pazienti sintomatici con un regime completo con Pfizer e un richiamo con Pfizer o Moderna.
Confronto di pazienti sintomatici con un regime completo con Pfizer e un richiamo con Pfizer o Moderna. UKHSA
Confronto di pazienti sintomatici con uno schema completo con Moderna e rinforzo con Pfizer o Moderna.
Confronto di pazienti sintomatici con uno schema completo con Moderna e rinforzo con Pfizer o Moderna. UKHSA

il efficacia vaccino Viene stimato confrontando i tassi di malattia negli individui vaccinati con i tassi di individui non vaccinati. Pertanto, questo studio ha fornito prove per Efficacia del vaccino su omicron e delta variabile.

Attraversando il database dei pazienti testati con quelli del National Immunization Management System (NIMS) – che raccoglie i dati sulle vaccinazioni nel Regno Unito – nonché i dati delle cartelle cliniche elettroniche e dei sondaggi sull’infezione da Covid-19, l’UKHSA ha ottenuto informazioni chiave sull’efficacia dei vaccini. . L’agenzia sanitaria ha concluso che dopo due dosi di vaccino Astra Zenecae L’efficacia del vaccino contro la variante omicron varia dal 45 al 50 percento e Quindi diminuisce a nessuna protezione venti settimane dopo la seconda dose.

D’altra parte, con due dosi di Pfizer il modernoL’efficacia dei vaccini contro la variante sudafricana scende dal 65 al 70% dopo il completamento del programma di vaccinazione. Mentre scende al 10% dopo 25 settimane dalla seconda dose.

Lo studio ha analizzato le informazioni su oltre tre milioni di pazienti infetti da Covid-19 tra l’ultima settimana di dicembre e le prime tre settimane di gennaio. Il database includeva tutte le fasce d’età: da meno di 18 anni a oltre 80 anni. Così è stato trovato che Il maggior numero di feriti (683mila) si è verificato nei pazienti più giovaniDi questi, poco più di mille casi sono stati rilevati in pazienti con un programma vaccinale completo e potenziato.

Confronto di pazienti ricoverati con un regime completo con AstraZeneca e booster con Pfizer o Moderna.
Confronto di pazienti ricoverati con un regime completo con AstraZeneca e booster con Pfizer o Moderna. UKHSA

Da parte loro, i pazienti rimasti nell’elenco delle infezioni del Regno Unito erano quelli di età compresa tra i 18 ei 29 anni, che avevano accumulato circa 603.000 infezioni. Sebbene il 18% non sia stato immunizzato, oltre il 50% dei casi è stato registrato in persone con un programma vaccinale completo.

In questo contesto, è stato osservato che coloro che hanno ricevuto una dose Rafforzare vaccino Pfizer o Moderna, L’efficacia contro Omicron nei casi sintomatici è compresa tra il 60 e il 75%, mentre diminuisce tra il 25 e il 40% da 15 o più settimane dopo il potenziamento. L’efficacia del vaccino è generalmente leggermente superiore nei gruppi di età più giovani rispetto ai gruppi di età più avanzata.L’UKHSA avverte.

Secondo lo studio britannico, La combinazione che fornirebbe una maggiore protezione per i casi sintomatici sarebbe la ricezione del vaccino Pfizer come programma vaccinale di base e una dose di Moderna come richiamo.. Pertanto, quindici settimane dopo la sua applicazione, la protezione sarà di circa il 60 e il 70%.

Confronto di pazienti ricoverati con un regime completo con Pfizer e aumento con Pfizer o Moderna.
Confronto di pazienti ricoverati con un regime completo con Pfizer e aumento con Pfizer o Moderna. UKHSA

In particolare, lo studio dell’efficacia dei vaccini contro ricovero Per la variante ómicron, l’implementazione del rinforzo per aumentare la protezione contro le malattie è stata citata come chiave. “Due dosi di vaccini AstraZeneca (ChAdOx1-S) o Pfizer (BNT162b2) sono state associate a circa il 25-35% di efficacia contro il ricovero in ospedale dopo un’infezione con variante omicron, dopo più di 25 settimane (dopo la somministrazione). Lo schema completo”, hanno detto annotato dall’agenzia la salute.

Avvertono: “Dopo a Booster Pfizer (dopo l’eventuale programma vaccinale iniziale), L’efficacia del vaccino contro il ricovero parte dal 90% Diminuisce del 75% dopo 10-14 settimane di utilizzo. dopo booster moderno (mRNA-1273) (dopo ogni ciclo di vaccinazione primaria), l’efficacia del vaccino contro il ricovero è stata del 90-95% fino a 9 settimane dopo la vaccinazione. “

Nell’analizzare diversi scenari, le informazioni recenti non consentono ancora di determinare il livello di protezione dei vaccini contro l’infezione variante omcron. Per i casi asintomatici, l’efficacia nei pazienti trattati con due dosi inizia dal 70 al 25 percento nei primi tre mesi di applicazione e scende a circa lo 0 percento a sei mesi. Una volta applicato il booster, l’efficacia torna tra il 75 e il 50 percento. Sei mesi dopo, le informazioni non sono ancora sufficienti.

Il livello di efficacia nella prevenzione tasso di mortalità Prima della variante omicron, rimane stagnante tra il 70 e il 40 percento sei mesi dopo aver ricevuto il programma di vaccinazione completo, mentre sale a quasi il 100% una volta ricevuto il farmaco di richiamo.

Riassunto delle prove per l'efficacia dei vaccini contro diversi scenari contro la variante omicron
Riassunto delle prove per l’efficacia dei vaccini contro diversi scenari contro la variante omicronUKHSA Gentilezza

consultato prima Nazione, Juan Pablo Jaworski, virologo e immunologo, ricercatore presso il Consiglio nazionale per la ricerca scientifica e tecnica (Conicet), ha spiegato: “Gli studi UKHSA sono standard globali per la qualità e la quantità dei campioni analizzati. Ciò che questo sondaggio dimostra è l’importanza di somministrare la dose di richiamo del vaccino, dopo di che è stato implementato il programma iniziale di due dosi”.

Quando gli è stato chiesto se sarebbe stato meglio farsi una dose di richiamo usando un vaccino con tecnologia a RNA messaggero come è stato fatto nel Regno Unito, ha detto: “Tutti i vaccini sono buoni. Tra non somministrare un richiamo e ricevere un vaccino, è sempre meglio ottenere un richiamo. Quale Risultati migliori possono essere quelli che non hanno un vettore virale o un virus completo, ma quelli che presentano la proteina S del coronavirus, come l’RNA messaggero o, ad esempio, Novavax che si basa su proteine ​​antivirali Utilizza la tecnologia delle nanoparticelle ricombinanti; Sinopharm sta anche testando un vaccino che utilizza questa tecnologia simile. La ragione di ciò è dovuta al targeting immunitario, mediante la somministrazione della proteina S. Stai permettendo alla tua risposta immunitaria di prendere di mira il componente SARS-CoV-2 e non tutto il resto che viene fornito con il vettore”.

Sull’opportunità di aspettare quattro mesi per ricevere rinforzi, Jaworsky ha analizzato: “La cosa concreta è che contro ómicron due dosi non bastano. E non ci sono prove che dovrebbe essere migliore dopo un mese, due mesi, tre, quattro o sei. Quello che è successo è che nei primi paesi con un alto tasso di vaccinazione, come Israele e gli Stati Uniti, hanno iniziato a vedere che le persone hanno ottenuto l’omicron sei mesi dopo aver completato il programma. Lì hanno iniziato a indagare se ciò fosse dovuto al fatto che il vaccino stava perdendo efficacia o se fosse dovuto al fatto che la nuova variante aveva una probabilità maggiore di eludere la risposta rispetto alla produzione di vaccini. C’era un’area grigia all’inizio dell’onda omicron e non sono riusciti a trovare una risposta definitiva nemmeno a queste due opzioni perché c’erano indicazioni che potesse essere dovuta a entrambe le variabili.

READ  Giappone: hanno venduto un grappolo di 27 chicchi d'uva per $ 10.800