Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Oggi Von der Leyen consegna personalmente la persona autorizzata a Pedro Sánchez

I primi pagamenti per i soldi del rimborso sono più vicini. Ieri la Commissione Europea ha portato sui mercati 20.000 milioni di euro, e oggi la sua presidente, Ursula von der Leyen, inizia un mini-tour attraverso la Spagna e altri quattro Paesi per consegnare la prima approvata, anche se ancora provvisoria, approvazione, che darà accesso a questi fondi. La prima emissione di debito per finanziare i piani di risanamento europei è stata effettuata ieri ed è stata un successo: sono stati raccolti 20.000 milioni di euro in titoli a 10 anni allo 0,1% ed è stato emesso un ordine di sette.

“Oggi abbiamo raggiunto una tappa fondamentale per l’attuazione del Recovery Fund. Abbiamo attuato con successo la prima emissione di debito del Recovery Plan. È solo il primo passo di un lungo cammino, per portare 800 miliardi di euro a prezzi correnti nel L’economia dell’UE”, ha affermato il commissario al bilancio Johannes Hahn.

L’emissione di debito è senza precedenti nell’Unione Europea, per le sue proporzioni e determinazione, perché è garantita dal bilancio dell’UE, cioè da tutti i paesi, anche se alcuni, come Spagna e Italia, ne beneficeranno molto più di altri.

prima trasmissione

20.000 milioni di titoli a 10 anni allo 0,1% e tanto necessari

Ieri erano 20.000 milioni e seguiranno altre due uscite a giugno e luglio, poi a settembre. In totale, entro la fine del 2021, Bruxelles prevede di aver raccolto 80.000 milioni di obbligazioni che saranno integrate da lettere. L’importo esatto dipenderà dalle tue esatte esigenze di finanziamento e l’obiettivo è coprire tutte le richieste nei piani di rimborso.

READ  Debito estero: l'Argentina evita il “default” con il Club di Parigi | Economia

Dal 2022 al 2006 Bruxelles continuerà ad andare sui mercati tra i 150.000 ei 200.000 milioni all’anno. Inoltre, i piani della Commissione sono di raccogliere il 30% degli 800.000 milioni (750.000 a prezzi 2018) attraverso fondi verdi che confermano l’impegno europeo per la trasformazione ambientale.

Dalla prima emissione del fondo di recupero crediti, Bruxelles ha squalificato dieci banche per aver violato in passato le regole della concorrenza. Colpisce Bank of America, Natixis, Nomura, Natwest e Unicredi, multate a maggio per manipolazione del mercato obbligazionario; Deustche Bank e Credit Agricole per una decisione analoga ad aprile; E Citigroup, JP Morgan e Barclays in un caso di manipolazione del mercato valutario scoperto nel 2019. “Queste banche devono dimostrare e dimostrare di aver intrapreso le necessarie azioni correttive richieste dalla Commissione”, ha affermato il commissario Hahn.

Le banche sono escluse

Dieci enti fuori per aver violato le regole della concorrenza

Con parte dei fondi già raccolti, la stessa Ursula von der Leyen trasporta oggi i piani approvati in Spagna e Portogallo. Consenso da fornire attraverso una procedura scritta per rendere il consenso appropriato per la tua visita. Seguiranno Danimarca, Grecia e Lussemburgo. Sono i primi cinque.

In Spagna, il capo del governo, Pedro Sánchez, riceverà von der Leyen presso la sede di Red Eléctrica, dove visiterà il Centro di controllo elettrico (Cecoel). Lì, Sanchez riceverà l’approvazione della Commissione europea. Successivamente, l’approvazione del Gabinetto rimarrà incompleta, poiché è stato fissato un periodo massimo di un mese. Quindi, con i soldi in fondo e l’approvazione finale dei piani, i primi pagamenti potrebbero arrivare a luglio o agosto. Il primo pagamento è il 13% del piano totale, nel caso spagnolo, circa 9000 milioni di euro di sussidi.

READ  Draghi e la sua infinita luna di miele in Italia