Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Obesità, un’epidemia silenziosa dove l’allenamento è fondamentale | formazione | Economia

Siamo sempre più preoccupati per la salute e il ruolo che il cibo gioca in essa. Tuttavia, i dati continuano a evidenziare il preoccupante impatto negativo del sovrappeso e dell’obesità: secondo Studio nutrizionale della popolazione spagnola (ENPE), più della metà degli spagnoli (53,6%) soffre di una condizione o di un’altra, percentuale che raggiunge 40% per i minori tra i tre e gli otto anni vecchio o vecchio Tra gli adulti, il 31,6% è in sovrappeso, mentre il 22% è obeso, condizione che favorisce l’insorgenza di problemi cardiovascolari e di altre malattie croniche, oltre a contribuire alla scarsa qualità della vita e alla morte prematura. Nel mondo ne soffrono 800 milioni di persone: per molti si tratta di una vera pandemia invisibile che si può combattere solo con l’informazione e il supporto di nutrizionisti adeguatamente formati. Oggi, 4 marzo, Giornata mondiale dell’obesità.

“Sebbene abbiamo accesso a molte informazioni, siamo molto persi. Non c’è maggiore conoscenza, solo maggiore confusione”, spiega Beatrice Robles, dietista, dietista e professoressa all’Università Isabel. Le basi di una dieta sana possono essere di dominio pubblico (una dieta basata su cibi vegetali, con meno carne rossa e cibi meno trasformati ed eccessivamente trasformati, più alcol), ma diverse forze opposte operano su questa conoscenza di base: i responsabili salute pubblica, e professionisti della salute, industria alimentare malsana, società scientifiche con conflitti di interesse… mille lettere che la calunniano. Ci vengono dati cibi in scatola che sono pieni di zucchero ma aiutano nelle nostre difese; frasi come “leggero” Oppure “a basso contenuto di grassi” per dare valore a prodotti malsani in lizza per quote di mercato… Siamo carichi di convinzioni profondamente radicate e prive di basi scientifiche, come la paura di mangiare le uova a causa del colesterolo o l’idea che un bicchiere di vino sia fa bene al cuore”, aggiunge l’esperto.

Quali informazioni non dovrebbero essere attendibili su Internet? In generale, è consigliabile escludere qualsiasi dieta promossa da una persona senza una comprovata formazione, o con conflitto di interessi (perché, ad esempio, vendono integratori o prodotti nutrizionali). Ma anche “tutto ciò che promette risultati rapidi, sorprendenti o magici dovrebbe essere evitato; è proibito il consumo di un alimento o un gruppo di cibi; conflitti con gruppi sanitari rispettabili, comprese storie, storie o testimonianze non documentate, o che esagerano o distorcono la scienza realtà di un nutriente o di un alimento”, afferma Maria del Carmen Cuadrado, professoressa presso Attestato in Nutrizione Umana e Dietetica dell’Università Complutense di Madrid. “Una dieta sana è quella che ci consente di mantenere la salute, ridurre il rischio di malattie e, soprattutto, che possiamo mantenere per tutta la vita”, aggiunge Robles.

READ  Quali e dove sono i vulcani più pericolosi del mondo?

Nutrizionisti

Di fronte a questa vera marea di dati, è estremamente importante fidarsi di professionisti adeguatamente formati. E nessuno è meglio di Dietisti e Nutrizionisti, specialisti la cui laurea li abilita legalmente e professionalmente ad occuparsi dell’alimentazione e dell’alimentazione dell’intera popolazione (sana e malata), in tutte le fasi della vita e in ogni situazione, oltre a poter lavorare in team multidisciplinari. Un diploma universitario fornisce loro non solo una formazione specialistica in nutrizione, dietetica e salute pubblica, ma anche conoscenze di base sulle scienze e tecnologie alimentari (tra l’altro, la conoscenza di come analizzarne la composizione, le proprietà e il valore nutritivo) e altre discipline come la fisiologia , biochimica, anatomia, igiene e sicurezza alimentare.

Hanno notato che il problema principale è la mancanza di una regolamentazione che favorisca l’intervento: “La nutrizione è una questione molto delicata e vicina che riguarda la nostra salute e riguarda tutti noi, ma dobbiamo tenere presente che la nutrizione è una scienza, non un’opinione”, dice Cuadrado. Un intervento che assume forme diverse, spiega Robles: “Influencer che parlano della loro dieta. Aziende che suggeriscono piani nutrizionali basati sui loro prodotti, dove i venditori sono venditori senza formazione formale; E anche, purtroppo, gli operatori sanitari la cui formazione non consente loro di dare consigli nutrizionali”.

Altre possibilità accademiche sono fornite da doppi diplomi universitari che combinano nutrizione umana e dietetica con altre discipline come farmacia o attività fisica e scienze dello sport; Classe superiore di FP, per diventare un tecnico superiore in Dietetica; o master post-laurea, che aprono anche la strada a laureati di altre discipline come medicina, biologia o infermieristica “per integrare le loro conoscenze e ottenere una visione più ampia del loro campo, anche se è importante ricordare che non consentono diete o valutazioni indicative dello stato nutrizionale” sottolinea Robles.

READ  Il dottor Bracero ha sottolineato che i cambiamenti del ciclo mestruale dovuti al vaccino COVID-19 mancano di validità scientifica

Molteplici opportunità di carriera

Sebbene il numero di un dietista sia solitamente associato al profilo clinico che consulta o assiste le unità di alimentazione ospedaliere, la verità è che questi specialisti hanno molte opzioni per lo sviluppo professionale come l’insegnamento; Ricerca nei laboratori, integrandoli in team multidisciplinari; rivelazione; l’azione comunitaria (incentrata sulla prevenzione e la promozione della salute, ad esempio la partecipazione a programmi di politica alimentare); L’industria alimentare Robles spiega che l’alimentazione personale o sportiva è “un settore che richiede una specializzazione molto precisa e precisa perché, oltre alle generalità, ogni sport ha esigenze nutrizionali specifiche”. “C’è una crescente consapevolezza dell’impatto del cibo sulle prestazioni atletiche e, fortunatamente, gli viene data l’importanza che merita”.

Robles aggiunge che la sfida più grande per il futuro è con il sistema sanitario pubblico: “La sfida principale è entrare nel campo della salute pubblica. In questo momento, non lo siamo, nonostante i dati mostrino chiaramente che avere un dietista e nutrizionista nella sanità pubblica è economicamente redditizio, ad esempio riducendo i problemi di malnutrizione ospedaliera (che aumentano le degenze).” Aggiunge che la mancanza di questi professionisti “apre un divario sociale, perché è un servizio privato spesso inaccessibile alle popolazioni con minori risorse e che, invece, hanno i maggiori problemi di salute legati all’alimentazione”.

Mangiamo in modo sano?

Ogni anno rapporto Analisi della cucina nel mondo (Global Cooking Index), Gallup e Cookpad mirano a sottolineare l’importanza della cucina casalinga come sana abitudine ed evidenziare le abitudini alimentari in tutto il mondo: come mangiamo, quanto tempo dedichiamo a cucinare, chi (e quando) tende di più alla cucina o sfide che devono superare per cucinare di più a casa. “Alcune barriere sono legate all’accesso e al costo del cibo. In molti paesi del mondo, il divario di genere è un fattore importante per dividere i compiti e conciliare vita personale e familiare. Fortunatamente, tende a diminuire, soprattutto in Europa”, spiega Rebecca strappato, ufficiale dell’organismo da Cookpad.

READ  Guarda oggi una trasmissione in diretta tra Italia e Svizzera: segui la diretta via DirecTV Sports nelle qualificazioni europee Qatar 2022

Per quanto riguarda la Spagna, la conclusione principale è che, in generale, tendiamo a cucinare di più e meglio, a ridurre gli sprechi, a utilizzare prodotti locali e di stagione ea cercare alternative sane o leggere ai nostri piatti preferiti. In un solo anno le ricerche di ricette senza zucchero sono aumentate dell’80%, il che mostra una tendenza a ridurne il consumo; Mentre la carne di coniglio torna nel carretto; Loro vinsero Utensili Come la friggitrice ad aria, sono comparsi nuovi ingredienti, dai cibi fermentati come il kimchi ai dolcificanti e alle fonti proteiche di origine vegetale o al tofu.

Secondo lo studio, la Norvegia è il Paese europeo con pasti settimanali fatti in casa (8,4), seguita da Belgio (8,3), Irlanda e Italia (8,2); La Spagna, con un punteggio di 7,8, si colloca all’ottavo posto, ancora sopra la media (7,4). La pandemia ha influito anche sui ritmi e sulla capacità di cucinare in casa: in tutti i Paesi analizzati, cittadini con condizioni di vita peggiori e che hanno visto diminuire il proprio reddito nel corso del 2020. Tuttavia, i residenti dei Paesi europei hanno cucinato di più, indipendentemente dalla propria condizione lavorativa.

Formazione El Pais a Twitter E il Facebook

Iscriviti a le notizie PER LA FORMAZIONE EL PAÍS