Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Nutrinform, l’alternativa italiana a NutriScore

Se la Spagna aveva optato per quello noto come NutriScore, creato in Francia e già accettato da sette paesi europei, ora l’Italia presenta una propria proposta, denominata Nutrinform, che è stata approvata dal governo e dalla comunità scientifica specializzata in quel paese . Entrambi cercano di aiutare a migliorare la dieta dei consumatori fornendo dati sui valori nutrizionali dei diversi prodotti e sul loro potenziale impatto sulla dieta.

NutriScore, che è stato più volte segnalato, lo fa con cinque semafori che vanno dal verde scuro (per i più corretti) al verde chiaro, giallo, arancione e infine rosso (per i meno corretti) e comprende anche cinque lettere dalla A alla E, con la stessa funzionalità.

Croissant valutati da NutriScore

Getty Images / istockphoto

algoritmi per una sana alimentazione

L’etichetta, che al momento deve apparire volontariamente nell’introduzione agli articoli, ha già suscitato polemiche, perché l’algoritmo che calcola il punteggio ha dato alcuni risultati sfavorevoli per alcuni prodotti stellari della gastronomia spagnola e della dieta mediterranea.

Il dietista e gastroenterologo Luca Beretta, Professore all’Università di Roma Medical Campus e promotore di Nutrinform, spiega che questo sistema “fornisce indicazioni del tutto oggettive di calorie e nutrienti, in modo che i consumatori possano prendere decisioni informate senza il rischio di essere ingannati”.

Fornisce indicazioni completamente obiettive su calorie e nutrienti, in modo che i consumatori possano prendere decisioni informate senza il rischio di essere fuorviati



Luca BerettaDietista e gastroenterologo

Invece, commenta, “L’algoritmo alla base di NutriScore mira a classificare ogni alimento come sano o malsano, a cinque diversi livelli, con intervalli definiti arbitrariamente e trascurando molti nutrienti essenziali per un valido stato di salute (antiossidanti, vitamine, ecc.). “. Aggiunge che Nutrinform “non si basa su alcun algoritmo, ma su assunzioni di riferimento europee che sono state studiate dai nutrizionisti per una dieta sana ogni giorno”.

READ  Wellness Sages: 5 consigli per il successo con l'intelligenza emotiva

Da semafori e colori a batterie e percentuali

Quindi, al posto dei semafori e dei colori, il dato percentuale è rappresentato da un “carico” più o meno grande di alcuni grafici sotto forma di “batterie” o “batterie” che mostrano il livello di apporto calorico e nutritivo rispetto al massimo consigliato . Non è un caso se si guarda al caso dell’olio extravergine di oliva o del prosciutto iberico, che secondo NutriScore ottiene un “cattivo voto” ed è meno salutare della cola senza zucchero.

Mentre questo assume un colore verde brillante e la lettera B (la seconda opzione più corretta), qualifica l’olio con un semaforo giallo, che porta la lettera C, proprio al centro della tabella, cioè poco raccomandato (e questo è dopo la recensione, perché in primo luogo ho preso il colore rosso ed E). Questo colore e la lettera sono gli stessi del colore e del messaggio dato a oli come colza o noce.

Etichettatura NutriScore vs Nustrinform

Etichettatura NutriScore vs Nustrinform

pagina web

Le batterie Nutrinform, dal canto loro, indicano che ogni porzione da 10 g di olio extra vergine di oliva fornisce 90 kg di energia, il che significa il 5% della dose giornaliera di riferimento; 14% di grassi, 8% di grassi saturi, 0 zucchero e 0 sale, come indicato sulla carica della batteria. Ciò consente al consumatore di sapere come evitare l’olio se il grasso non gli si addice, ma non farà male se lo zucchero lo limita.

Tra gli altri prodotti popolari nella gastronomia spagnola, il prosciutto iberico riceve un semaforo rosso e la lettera E, che è il meno salutare, il formaggio Manchego rimane arancione e D, che è il secondo peggiore. Un esempio di quanto sia controverso il sistema, che diventerà obbligatorio dal 2022, è che il governo ha proposto di esentare l’olio extra vergine di oliva dal semaforo. Una misura che potrebbe essere estesa ad altri prodotti a causa delle pressioni dei produttori.

READ  Più di 100 premi Nobel chiedono la fine della guerra in Ucraina e sollevano la minaccia nucleare

Un altro prodotto di punta della gastronomia spagnola, il prosciutto iberico, riceve un semaforo rosso e la lettera E, ed è il meno salutare

La grande differenza tra i due, secondo il professor Luca Beretta, è che “Nutrinform racconta ai consumatori l’impatto di ogni porzione sulla loro dieta quotidiana. Calorie, sale, zuccheri e grassi sono presentati sia in forma numerica che come percentuale delle quantità massime consigliato per un’alimentazione sana ed equilibrata (basata sulle normative europee di riferimento).

NutriScore, invece, fornisce solo un giudizio sintetico sul singolo alimento, senza tener conto né della porzione consumata né della frequenza di consumo, e non permette di comprendere il vero impatto di ogni alimento al giorno. dieta.” Conclude che questo è “un grave errore, perché la scienza della nutrizione crede che le diete siano sane o malsane, e non cibo individuale, perché ogni cibo, in quantità appropriate, può consistere in una dieta sana”.

Grandi catene contro piccoli produttori

Un’altra differenza tra i due sistemi è che i principali produttori dell’industria alimentare hanno partecipato e approvato NutriScore, mentre il sistema italiano è stato sviluppato da tre ministeri (Salute, Agricoltura e Sviluppo economico), con la collaborazione scientifica dell’Istituto Superiore di Sanità e il Consiglio della Ricerca in Agricoltura e Nutrizione, d’intesa con le Associazioni Consumatori e tutti i rappresentanti della filiera agroalimentare: agricoltori, industria, distribuzione.

Un altro aspetto che spicca è che i prodotti artigianali, tipici della gastronomia dei paesi europei, sono presi in maggiore considerazione e c’è grande unanimità tra i piccoli produttori. Un aspetto che i creatori di Nutrinform considerano importante è che “aiuta i consumatori nella loro educazione alimentare, afferma il professor Pevita, a seguire una dieta quotidiana sana, varia ed equilibrata secondo i principi della dieta mediterranea.

READ  Mescyt apre un bando per borse di studio internazionali in più di 50 università nel mondo
Carne serrano con olio d'oliva e pane

Carne serrano con olio d’oliva e pane

Getty Images / istockphoto

In effetti, questo sistema alimentato a batteria rende consapevole il consumatore di quanto sia vicino alle quantità massime raccomandate di singoli nutrienti critici e mostra loro (e quindi li educa) la strada per le scelte migliori anche per altri alimenti nel mondo . Oggi “.

La quantità conta

Non può succedere con questo metodo, spiega, quello che è successo con la carne di maiale o con l’olio, perché “non discrimina nessun prodotto, è conforme alla normativa europea (a differenza di NutriScore, il cui semaforo verde è un’indicazione sulla salute) e non condiziona impropriamente i consumatori Piuttosto, li informa su cosa contiene il cibo”.

Ritiene inoltre che l’algoritmo NutriScore non riesca a classificare gli alimenti come sani e malsani, “senza prendere in considerazione le porzioni, la frequenza di consumo o il modo in cui vengono cucinati. Ecco perché commette errori evidenti per tutti”. Cita come esempio le patatine fritte surgelate, classificate come salutari, cioè verdi, perché la successiva frittura non viene presa in considerazione. Le arachidi americane sono verdi e salutari, e la pizza da 400 g è verde perché il loro effetto è calcolato solo su 100 g e non sul totale.

Leggi anche