Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Nuovi musical, opere raffinate e un flusso di arte contemporanea a Madrid

Maggio 1988. Madrid è stata eletta Capitale Europea della Cultura per il 1992 dal Consiglio dei Ministri della Comunità Economica Europea. C’è polemica. Furono introdotte altre città spagnole. Santiago. Granata. Cordova. e Salamanca. Il ministro della Cultura del Consiglio militare popolare di Castiglia e Leon non è contento. “E’ un altro esempio della centralizzazione del governo, che ha dovuto dare importanza a Madrid nel 1992”, ha denunciato, riferendosi al ministro Javier Solana. “Salamanca, come Firenze, è sinonimo di cultura, mentre Madrid è solo un’altra capitale europea, senza un particolare significato culturale”, aggiunge.

Il prodotto del fastidio: Madrid era allora la città del Prado e delle emergenti Reina Sofia e Thyssen, la città di Movida e Almodovar. Oggi nessuno, nemmeno annoiato, penserebbe a una simile osservazione: Madrid trema e la cultura è diventata una delle maggiori attrattive per attrarre un turismo d’alta gamma. La capitale dell’arte classica e contemporanea. E una capitale mondiale della musica. Una metropoli di vasta portata: di cultura spagnola, europea e anche iberoamericana, le cui élite corteggiano per competere con Miami dando loro una piattaforma di approdo nel vecchio continente. E tutto questo è stato ottenuto grazie al sostegno pubblico – Gallardón-Alicia Moreno Espert insieme nel consiglio comunale e la comunità ha rafforzato molte infrastrutture culturali – e il sostegno privato, che ha raggiunto risultati inimmaginabili: Madrid come terza capitale mondiale del musical dopo Broadway e il West End, con un fatturato annuo prima della pandemia di 110 milioni di euro, con società di produzione globali come Stage – Il Re Leone , che ha quasi cinque milioni di spettatori, ma anche luoghi come SOM e Letsgo. Il musical, che ha sofferto molto per l’epidemia, si è già ripreso e sta per ospitare nuovi progetti, dall’adattamento del romanzo. il è ora tre strati di Maria Dueñas, che arriva a fine febbraio, per annunciare un nuovo grande titolo sul cartellone madrileno come Matilde – Citazione dal lavoro di Roald Dahl che è stato nel West End per almeno un decennio – dopo l’estate.

READ  Un messaggio di Cristián Warnken a un amico che vive a Lisbona

Naturalmente, l’ultima pietra miliare nella trasformazione culturale di Madrid è stato il suo ingresso, la scorsa estate, nel patrimonio mondiale dell’UNESCO con i suoi paesaggi di luce, che comprendono il Paseo del Prado e il Parco del Retiro. Il Distretto Culturale del Comune di Madrid, guidato da Andrea Levy, prevede di dare impulso a questa marcia dei giganti con l’apertura della Piazza della Cultura Ceríria Bilga – dove Medialab è saltato controverso – dove si terranno grandi mostre temporanee. Altro impegno del Comune è l’apertura, il 4 marzo, presso il gigante Matadero Center for Contemporary Innovation, del Center for Immersive Experiences con una mostra su Klimt.

Senza dubbio, l’opera è diventata un’attrazione globale nella capitale della Spagna e nientemeno che la trama della magia, del sesso e della religione dei dannati. angelo del fuoco Diretto da Prokofiev, diretto da Calixto Beto e In gioco c’è Giovanna d’Arco Regia di Arthur Honegger Regia di Alex Ole, da La Fura dels Baus.

Ma se in qualche area Madrid sta vivendo una rinascita culturale, e da questa settimana raddoppierà, è nell’art. Non sarà un grande anno i film Per l’arte classica ma contemporanea. La lista dei nomi che le gallerie e gli spazi espositivi di Madrid hanno iniziato ad assumere per accompagnare l’apertura della fiera di Arco questo mercoledì è sconcertante. Nelle gallerie ci sono già mostre aperte o in procinto di aprire mostre di Marina Abramović (La Nav Sanchez Oberia), Olafur Eliasson (Elvira Gonzalez), Thomas Schott (Carler Gibor), Carmen Calvo (Modern Age), Etel Adnam (Vita) o Jacob El Hanani (Leandro Navarro) ma i musei e le sale pubbliche sono pieni. La patron Francesca Thyssen rivela il marito. Dall’altro il titolo della leggendaria installazione audio di Janet Cardiff e George Boris Miller uccidere i corvi , uno stormo di corvi, ancora più imponente perché installato nel vecchio magazzino frigorifero Matadero. D’altra parte, Tessen prende il lunedì con paesaggio emotivo Quattro delle più famose installazioni video dell’islandese Ragnar Kjartansson, uno dei fari dell’arte contemporanea. Un’altra mecenate, l’italiana Patricia Sandrito, ha installato un altro grande nome dell’arte contemporanea, il keniota Michael Armitage, in una mostra curata da Papa Hans-Ulrich Obrist all’Accademia di Belle Arti di San Fernando davanti alle incisioni di Goya che hanno ispirato le mostre di La Ribot e si esibisce alla Sala Alcalá 31, mostrando ICO Museum of Sustainable Architecture della tedesca Anna Heringer, Mapfre Photography di Jorge Ribalta, La Casa Encendida la prima retrospettiva spagnola da Chiara Fumai, Istituto Italiano di Cultura l’arte povera da Kounnellis a Pistoletto e Merz … E perché le idee non manchino, inizia a marzo di quest’anno l’anno di Pasolini con la fanfara, promossa da Círculo de Bellas Artes e Istituto Italiano, e con la primavera arriva la fiera macchina per la lana che analizzerà lo stato attuale della tecnologia e le sue relazioni con la spiritualità nei teatri canale all’interno del ciclo Canal Connect che unisce scienza, arte e tecnologia e che comprenderà il Balletto Nazionale di Marsiglia, il Danish Dance Theatre e artisti come Hiroaki Umeda , figura di spicco dell’avanguardia giapponese.

READ  Il vaccino Hebra produce più anticorpi di quelli prodotti da Pfizer come dose di richiamo