Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

“Nove dei miei 19 nipoti hanno lasciato il paese”. Proviene dall’Italia del dopoguerra, è diventato un simbolo della cucina e oggi afferma di essere l’Argentina.

Nonna, non piangere! Andiamo in America! Infine …!

Il motore è andato forte quando Maria Theresa (87) si è affacciata dal finestrino dell’auto. La stazione ferroviaria di Sitanova Marche sul mare Adriatico in Italia era affollata. “Nona” Adelina piangeva: la figlia Fernando ei nipoti Giuseppe, Angelo, Maria Teresa e Gabriella partirono per Puerto de Genova e da lì si recarono nella Terra Promessa.

Aveva raggiunto l’età di 14 anni e sapeva molto bene cosa fosse la guerra, quindi era occupata da una gioia che ricorda ancora vividamente. Per quanto intelligente e intelligente fosse sua madre, ha girato il Santa Cruz da un capo all’altro.

Maria Theresa (a destra) è arrivata da poco in Argentina con la madre Theresa e la sorella Gabriella.

“Ricordo il rumore della barca e lo sventolare dei fazzoletti bianchi. Siamo rimasti in cima alla nave finché non sono scomparsi dalla riva. È lì che, in mezzo all’oceano, sapevamo quanto fosse lontana l’America. La prima tappa è stata a Rio de Janeiro, dove siamo rimasti colpiti dalle sue luci e dalle sue strade maestose. Nel bel mezzo del veloce viaggio, mio ​​fratello minore Angelo, amante della tromba che deliziava i viaggiatori con la sua musica, iniziò a provare forti dolori che rendevano impossibile camminare. L’ho rimproverato: ‘Ora veniamo in America, piangi? Cosa c’è che non va in te?’, dice oggi, a quasi 74 anni di distanza, l’imprenditore che sa integrare la gastronomia italiana a Mendoza sta costruendo una dozzina di ristoranti sulla base della tradizione di Fernando Torresi.

Sbarcarono a Buenos Aires il 2 novembre 1948 sotto un sole radioso. “Angelo è caduto in una bara. Morì di peritonite a bordo. Riesco ancora a vedere mia madre espulsa dal suo dolore come mio padre, Lucio Cordini, musicista e combattente antifascista che è rimasto in Italia fino a quando non ha terminato la sua corrispondenza di pensionamento. Guardo indietro oggi, quello è il potere della vita, e chi lo lascia te lo dà. Ho perso anche due figli, il dolore è indescrivibile ma sta diventando più forte. Sta a noi. “

Maria Theresa Cordini de Barbera nella cucina di uno dei suoi primi ristoranti
Maria Theresa Cordini de Barbera nella cucina di uno dei suoi primi ristoranti

A San Juan li aspettava lo zio Renato, che emigrò in Argentina perché non aveva un documento del patio, ea quel tempo, senza quella carta, nessuno poteva trovare lavoro in Italia. “Sono rimasto deluso quando ho visto la sua capanna. Ho iniziato a cercare mio fratello ovunque ed era nascosto e ho pensato profondamente che fosse uno scherzo. Ha negato la realtà. Lo shock culturale è stato molto forte e con la situazione imbarazzante di perdere Angelo”, racconta.

Ma sua madre si alzò dalle ceneri e iniziò a cucinare per la pensione a cui sarebbero andati gli impiegati di banca. Teresa entrò per dovere perché cucinare non faceva per lei.

“Ho preso una lezione di parrucchiere in Italia. Mia madre era entusiasta del fatto che lavorassi, ma il mio primo e unico cliente ha fallito. L’ho incasinata e le ho bruciato tutti i capelli. La donna non mi ha mai detto niente perché si è innamorata di mio fratello maggiore Giuseppe”, ha detto. Ha ricordato.

Mendoza ha dimostrato di essere una provincia più prospera di San Juan, con un numero maggiore di immigrati italiani. Ci andarono quando il padre sbarcò.

Maria Theresa Cordini de Barbera ha ricevuto Joan Manuel Cerrod, Brad Pitt e Gwyneth Paltrow nei suoi ristoranti.
Maria Theresa Cordini de Barbera ha ricevuto Joan Manuel Cerrod, Brad Pitt e Gwyneth Paltrow nei suoi ristoranti.

“Il vescovo ci ha dato un prestito perché ci era stato raccomandato e ci siamo ritirati nel luogo in cui vivevamo. Inoltre, abbiamo servito cibo italiano al pubblico. Immediatamente le ricette fatte in casa di mia madre iniziarono a guadagnare popolarità, con alcune comuni nei porti italiani come la casseruola di mare e tutti i tipi di pesce. I clienti sono aumentati e ho iniziato a lavorare con loro. “Dato che veniamo da Le Marsiglia, è normale che la gente dica: ‘Se vuoi mangiare bene, vai alla Marciquiana’”, ha ricordato.

Quella prima sala, “La Marchigiana”, si trova ancora in Calle Patricias Mendocinas 1550, base di un continuum che continua con la tradizione gastronomica di figli e nipoti. Già quattro generazioni si sono dedicate alla cucina.

Lì Teresa seppe scoprire i segreti della cucina e osservò sua madre combattere e progredire. «Era una donna incredibile, attenta a tutto, con una visionaria che si arrabbiava quando tornava in cucina senza finire il piatto. Poi quando mio marito notò un cliente che si rivelò essere Francesco Barbera ebbe una visione acuta: ‘ Abbi cura di lui, è italiano». Per il colore della sua pelle pensavo fosse un creolo, ma alla fine aveva ragione, è siciliano, ha lavorato con un marmo che riveste l’ufficio postale centrale», continua.

Maria Theresa Cordini e il marito Francesco Barbera.
Maria Theresa Cordini e il marito Francesco Barbera.

Si sono sposati nel 1954 nella chiesa di San Nicola a Mendoza. Sei dei loro sette figli (Santina, Beatrice, Maria Luisa, Fernando, Joaquin e Angelo) sono nati a “La Marquijiana”, che era ancora una casa di famiglia. La lista si è conclusa con la giovane Bernardina. Gli ultimi due figli sono morti rispettivamente nel 1989 e nel 1994, e quei capitoli hanno segnato un avanti e indietro nella vita di Theresa.

Dopo quel primo ristorante aprirono via Venito; Vecchia Roma; Strada del Sole; nonna Fernanda; Pasta; Marciquiana Palmares; Sistemazione in Italia (Renaga, Cile); Francesco Restaurante, Geo Bar e La Rotonda, nel Parco San Martினn. Oggi, inoltre, gestisce Bosco e Nibot sui nipoti.

Salone della Vecchia Roma, uno dei ristoranti di Maria Theresa Cordini de Barbera.
Salone della Vecchia Roma, uno dei ristoranti di Maria Theresa Cordini de Barbera.

“Con oltre 70 anni di esperienza in cucina, ho imparato che il cibo è più che soddisfare la fame del cliente. Un piatto a tavola rappresenta soddisfazione, famiglia, unione e, soprattutto, cibo; Con il blend di olive olio, da oltre mezzo secolo è un segno distintivo dei nostri ristoranti”, racconta.

“Ciò include il duro lavoro di professionalizzare i tanti team responsabili di ciascuno, dal personale principiante a quello più esperto. Consiglio loro di impararlo quando vengono a lavare i piatti, di andarsene rapidamente. Rispetto tutto il lavoro, ma quando si lavano per molti mesi, direi loro: ‘Vieni qui, impara qualcos’altro, progredisci, hai la capacità’. Il mondo culinario è infinito…”

Maria Theresa Cடிrdini de Barbera con il marito Francisco circondato dai figli
Maria Theresa Cடிrdini de Barbera con il marito Francisco circondato dai figli

-Dopo molti anni su questa terra, ti senti come un altro Mendoza?

-Questa provincia mi ha aperto le porte e ha posto le basi per la scoperta della mia famiglia Mendoza con radici italiane. Ma con Franco, come adesso chiamo mio marito, che ha 94 anni ed è molto debole, non vogliamo mai perdere l’accento italiano. Parliamo e cantiamo la nostra lingua, e anche se non torno in Italia da oltre 20 anni, i suoni della mia città natale aleggiano ancora nel mio cuore. Nel pomeriggio le mie zie, la mia città natale, la dolorosa guerra, mio ​​padre gridava contro il fascismo..che non si può dimenticare.

-In molti casi ha scritto numerose lettere contro questo governo, molte delle quali sono diventate virali. Anche nel 2001 non ha permesso ai politici di entrare nel suo ristorante. Perché è andata così?

-Non è solo una questione politica, mi rattrista vedere la fame vissuta da bambini e giovani che pensano solo all’immigrazione in un paese così ricco. Nove dei miei 19 nipoti sono fuori dall’Argentina e mi si spezza il cuore perché questo Paese mi ha dato tutto e mi ha spalancato le porte. So cosa vuol dire vivere momenti strazianti, e sono convinto che sia seminato nell’amore, non nelle divisioni. Andiamo avanti insieme con i criteri! Questo è tutto ciò di cui ho bisogno. Non possiamo vivere senza merito, studio, sacrificio e fatica.

– Come vedi l’Argentina?

-Nel mezzo di una guerra che ricorda la guerra ho vissuto in Italia quando avevo dai 6 agli 11 anni. Guerra civile come risultato dell’odio, dell’ipocrisia e della civiltà. Mi rammarico profondamente per la poca umiltà del governo che non ha accettato la sconfitta. Le nazioni che sono diventate ricche sono sempre state unite e dobbiamo seguirle.

Maria Teresa Cordini di Barbera.
Maria Teresa Cordini di Barbera.Centro commerciale

– Cosa scrivi e perché?

– Perché sto scendendo. Mio figlio Fernando di solito mi darebbe del pazzo, ma sentiamo la vergogna del mondo e devo esprimerla. Capi che pensano di non saper approfittare. Juliet, una delle mie nipoti, mi ha aiutato a scrivere qualcosa al computer dopo aver sottovalutato la qualifica presidenziale della nazione quest’anno. Mi ha detto: “Nonna, questo è troppo. Le ho detto: “Mamma, no, l’hai messa come ho detto”. Non avrei mai pensato che quelle parole avrebbero avuto un tale impatto sui media. I miei nipoti hanno un totale di 175 dipendenti nelle loro aziende gastronomiche che sono bianchi, sono pagati in modo laico il 5 di ogni mese e mi addolora sapere che vengono puniti senza fallo. Sopravvivono solo e mi vedo resistere a loro.

– Sei rilassato?

-Ovviamente. Ho vissuto tutta la mia vita e la mia coscienza è calma. Non sono una guerriera, ma la scorsa festa della mamma ero sola con mio marito, una nipote e due pronipoti. Il resto lavora o festeggia con i propri figli. Ho detto: “Mio Signore, grazie. Grazie per questa pace, per questa famiglia. Io ho tutto “.

Maria Teresa Cordini di Barbera.
Maria Teresa Cordini di Barbera.
READ  Tour in Italia: Ettaba 6, Grotte di Frossi