Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Novak Djokovic è stato nuovamente trasferito al centro di detenzione per immigrati di Melbourne

Novak Djokovic è stato nuovamente trasferito al centro di detenzione per immigrati di Melbourne

Il tennista serbo Novak Djokovic, il cui visto è stato revocato per la seconda volta venerdì, è stato revocato Trasferimento questo sabato in un hotel che funge da centro di detenzione per immigrati a Melbourne Dopo l’incontro con gli avvocati che lo rappresentano.

L’atleta balcanico è arrivato al Park Hotel, dove Aveva già trascorso il sesto giorno in detenzione quando il suo permesso di ingresso è stato revocato per la prima volta. Una volta fino a lunedì, con indosso una tuta verde e una mascherina, il canale pubblico ha confermato con le immagini ABC.

Djokovic aveva autorizzato questa mattina a incontrare i suoi avvocati e discutere le loro argomentazioni cercando di impugnare la decisione presa ieri dal ministro dell’Immigrazione australiano, Alex Hawke, che ha deciso di revocare il permesso di ingresso a Djokovic.

Al momento, i colloqui tra i Balcani ei suoi rappresentanti legali, durati diverse ore, non hanno avuto luogo.

E i media si sono affollati fuori dal luogo in cui il tennista stava incontrando il suo avvocato
E i media si sono affollati fuori dal luogo in cui il tennista stava incontrando il suo avvocato

Verso le 14:45 ora locale (03:45 GMT, venerdì) due veicoli hanno lasciato l’ufficio dell’avvocato, uno dei quali era un uomo vestito di verde che si copriva il viso e le orecchie con un cappello. modalità.

Meno di un’ora dopo, L’ingresso di Djokovic all’hotel utilizzato dall’immigrazione è stato sequestrato dai media locali.

Secondo un’ordinanza del tribunale emessa ieri sera dalla Corte Federale di Melbourne – che ha deferito il caso a un tribunale superiore – Djokovic, 34 anni, Potrebbe essere arrestato al termine del suo appuntamento con gli avvocati.

READ  Il campione del mondo con il Boca ha chiesto a Gallardo della nazionale e ha detto perché ha detto no a un suggerimento di Riquelme

L’atleta trascorrerà la notte in questo centro, dove da anni sono trattenuti anche i clandestini ed è noto per le scarse condizioni di benessere, prima dell’udienza prevista per domani alle 9:30 locali (22:30 GMT, sabato) davanti al Federal Tribunale per affrontare con urgenza una possibile deportazione balcanica.

In un documento di 258 pagine presentato alla corte, il ministro dell’immigrazione australiano ha accusato la presenza di Djokovic di “accrescere il sentimento anti-vaccino nella società” che potrebbe portare a rivolte, come quelle precedentemente segnalate a Melbourne.

Djokovic ancora non sa se giocherà agli Australian Open
Djokovic ancora non sa se giocherà agli Australian Open

Djokovic Viaggia il 5 gennaio a Melbourne dalla Spagna con un’esenzione medica per non essere vaccinato, avendo recentemente contratto il covid-19, anche se le autorità di immigrazione hanno annullato il suo visto e lo hanno trattenuto all’arrivo.

Lunedi, Un tribunale ha ordinato il rilascio del tennista dopo che si è appreso che non era stato trattato “equamente”.Ieri, però, il ministro ha nuovamente revocato il visto e gli avvocati di Djokovic, a loro volta, hanno impugnato la decisione, che potrebbe portare alla sua espulsione.

Non si sa al momento se potrà partecipare agli Australian Open, che inizieranno lunedì, in cui affronterà al primo turno il suo connazionale Miomir Kekmanovic.

La reazione di Nadal

Lo ha spiegato lo spagnolo Rafael Nadal, riferendosi alla possibile assenza di Novak Djokovic Nessun tennista è al di sopra di un evento come l’Australian Open. Alla sua conferenza stampa prima dell’inizio del programma australiano “Pioneer” che si terrà lunedì.

Se gioca andrà tutto bene, altrimenti. Gli auguro il meglio, abbiamo fatto grandi cose insieme sul ring”. Ha aggiunto dopo aver terminato il suo allenamento mattutino con l’americano Taylor Fritz.

READ  Egan Bernal si sta già preparando per il 2022

Lo spagnolo ha affermato che era “importante accettare che non tutto va bene dopo un’assenza di sei mesi” dalla competizione.

“È normale fare degli errori o andare un po’ più lentamente. Qualche mese fa non sapevo nemmeno se sarei andato, quindi sono molto felice di essere tornato”.Il 20 volte campione del Grande Slam, che affronterà l’americano Marcus Jeron al primo turno, è stato sospeso.

(Con informazioni da EFE)

Continuare a leggere: