Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Noria Oliver chiede di utilizzare l’intelligenza artificiale per affrontare le principali sfide sociali

L’ingegnere delle telecomunicazioni Noria Oliver, vincitrice ieri del Jaume 1 New Technology Award, ha avvertito che “l’intelligenza artificiale è già ovunque e la chiave è come possiamo sfruttarla in modo che abbia un impatto positivo e ci aiuti ad affrontare le grandi sfide” della società , Come il cambiamento climatico, l’invecchiamento della popolazione e le malattie infettive.

La donna di Alicante è co-fondatrice e vicepresidente del Laboratorio europeo per l’apprendimento e i sistemi intelligenti (ELLIS) e ha apportato contributi scientifici fondamentali ai metodi di intelligenza artificiale (AI) per modellare il comportamento umano dai dati.

Per Oliver, è importante sfruttare l’intelligenza artificiale su questioni come il cambiamento climatico, l’invecchiamento e le malattie infettive

Oliver è stato “estremamente emozionato” ed “estremamente grato” per la decisione della giuria: “È un onore far parte di un gruppo così eccezionale di ricercatori e innovatori ricevere il premio”.

dopo la pandemia

Edward Battle: “Spero che ti renda conto che ci sono molti problemi su cui indagare”

Il professore e ricercatore Edward Battle, vincitore del Premio Jaume I nella categoria Ricerca medica, ha elogiato il lavoro della ricerca sanitaria durante la pandemia e ha esortato la società e il governo affinché, nel risolvere questa crisi, “si rendessero conto che c’erano ancora molte questioni da risolvere essere indagato». La giuria ha riconosciuto Patel “per il suo lavoro pionieristico nell’immunobiologia del cancro del colon-retto”: “Le metastasi sono la principale causa di morte per il 90% dei malati di cancro. Studiamo questo processo, come il cancro del colon può colonizzare altri organi ed eludere la funzione del sistema immunitario incapace di riconoscere le cellule metastasi ed evitarle.

La ricercatrice concentra il suo lavoro sulla ricerca di “come sviluppare sistemi intelligenti per aiutare le persone individualmente o collettivamente”. I suoi progetti includono “uno dei primi sistemi di riconoscimento facciale al mondo” e un’auto intelligente che prevede la prossima manovra di un guidatore.

La sfida principale è “come sfruttare la grande quantità di dati disponibili, utilizzando tecniche di intelligenza artificiale, per avere un impatto sociale positivo su larga scala, per aiutare ad affrontare alcune delle grandi sfide”, con iniziative per migliorare l’inclusione finanziaria nei paesi in via di sviluppo, migliorare risposta ai disastri naturali e scoprire i punti caldi della criminalità nelle città, combattendo le malattie infettive come il coronavirus.

READ  Un telescopio a microonde è arrivato a Puerto Buenos Aires

dati contro il virus corona

Il suo lavoro come delegata alla Generalitat per l’Intelligenza Artificiale ha vinto la sfida “Pandemic Response”, organizzata da XPRIZE insieme a Cognizant. Ha spiegato che il suo lavoro nella lotta al virus “consiste principalmente nel coordinare e guidare più di venti ricercatori” che si sono dedicati a quattro aree principali.


Leggi anche

Enrique Boland

Dall’altro, analizzano la “mobilità umana”: “In una malattia infettiva da uomo a uomo, il virus non si trasforma in una pandemia se nessuno si muove, motivo per cui ci limitano. La capacità di misurare la mobilità è fondamentale È utile sapere quali metriche funzionano e prevedere meglio come si diffonde.

Si sono inoltre dedicati allo sviluppo di modelli epidemiologici computazionali che consentono di “prevedere quanti casi potrebbero esserci in futuro” e nei diversi scenari in cui vengono adottate le misure, nonché modelli predittivi di come progredirà lo stress ospedaliero.

Amnesty International contro il Covid

In un’epidemia, analizzano la mobilità umana, i modelli epidemiologici e la percezione complessiva della situazione

Allo stesso modo, il suo team ha condotto un ampio sondaggio sui cittadini che includeva più di 600.000 risposte per “comprendere la percezione dei cittadini” durante la pandemia, uno studio ancora aperto alla partecipazione, ha osservato.

Oliver crede che a seguito di questa pandemia “la stragrande maggioranza si è resa conto che senza scienza e tecnologia non saremmo stati qui, non saremmo stati in grado di continuare a lavorare, imparare, connetterci con i nostri cari o divertirci”. “Neanche noi avremo un vaccino”, dice.

Antonio Cabrales, Premio Economia

Il professor Antonio Cabrales, vincitore del Premio Jaume I nella categoria Economia, ha evidenziato l’interesse degli economisti per le politiche pubbliche e le loro relazioni con settori come l’istruzione e la salute. “Perché l’economia funzioni bene, è importante che le persone siano sane”.

READ  Paesi che vaccinano i bambini

La giuria riconosce i suoi “contributi alla teoria dei giochi, all’economia comportamentale e sperimentale e all’analisi dei social network”. La teoria dei giochi cerca di spiegare “come vengono prese le decisioni quando le decisioni che si prendono hanno un impatto sugli altri e viceversa”, secondo lo stesso Cabrales.

Premio Economia

Antonio Cabrales: “Studio il genere di cose che possono accadere quando le persone non hanno una perfetta razionalità”.

Il lavoro di Cabrales è specializzato nello studio di “cosa succede quando i decisori non sono esseri onniscienti che calcolano freddamente come se fossero semplici calcolatori”. “Studio il tipo di cose che possono accadere quando le persone non hanno una perfetta razionalità”, ha detto.

Fisica per capire l’universo

L’astrofisica italiana Licia Verdi, che vive a Barcellona dal 2007, ha ammesso di sentirsi “estremamente orgogliosa e scioccata” di aver ricevuto il premio per la ricerca di base.

I risultati del Green Lycian Universe hanno “giocato un ruolo fondamentale nell’attuale comprensione del Modello Standard della cosmologia e gli strumenti che ha sviluppato fanno ora parte dei libri di testo di cosmologia”, secondo il verdetto della giuria.

Premio per la ricerca di base

Il lavoro di Licia Verde ha “giocato un ruolo fondamentale nell’attuale comprensione del Modello Standard della cosmologia”

Licia Verde ha iniziato il suo lavoro di mappatura galattica e successivamente ha lavorato alla missione WMAP (per verificare le teorie sull’origine e l’evoluzione dell’universo), studiando la radiazione a microonde che permea l’intero universo.

Originaria di Venezia (Italia), Verdi ha deciso di venire a vivere e lavorare a Barcellona grazie a un contratto ICREA presso il Campus Diagonal dell’Università di Barcellona, ​​​​dal suo precedente incarico presso un centro di ricerca negli Stati Uniti.

Fernando Valadares: “Siamo nel secolo dell’ecologia”

Il ricercatore e giornalista scientifico Fernando Valadares, vincitore di un premio nella categoria Protezione ambientale, “è molto entusiasta di ricevere un premio in questa categoria. Mette uno in cima a molti scienziati brillanti, che devono misurare”.

READ  Perché l'immunità di gregge non raggiunge anche se il 70% della popolazione è vaccinato?

“Siamo nel secolo dell’ecologia, in un momento in cui dobbiamo capire, gestire e invertire il degrado ambientale, e gli scienziati che vi si dedicano hanno una doppia responsabilità, forse qualche decennio fa, che non era così grande”. spiega.

Premio per la protezione dell’ambiente

“Non si può cadere in un disastro, ma il degrado della biodiversità deve avere il suo grado di attrattiva”, afferma Valadares.

L’editore ritiene che portare il messaggio del declino della biodiversità abbia “molta profondità ed è un messaggio che devi saper calibrare”, perché non puoi cadere costantemente in “apocalisse e catastrofe”, ma puoi darlo” il punto di gravità che ha”.

Questo messaggio dovrebbe essere sempre “accompagnato da alternative che potremmo avere in mano”, e ritiene che “ci sono sempre più alternative di quanto si pensi, bisogna essere creativi ed essere veloci nel suggerire alternative o modi socio-economici di organizzarsi che hanno una minore impronta ecologica”.

Imprenditore: Benito Jimenez

Verdure surgelate Navara in 90 paesi

L’imprenditore Benito Jiménez di Navarra, vincitore del primo Jaume Entrepreneur Award, ha sottolineato il suo impegno nel “collegare il locale e il globale” e il suo ruolo nelle “società in trasformazione”. La giuria apprezza, tra l’altro, la sua carriera “iniziata in una multinazionale per fondare una propria azienda per la produzione di verdure surgelate con il chiaro obiettivo che il suo lavoro lo renderà felice e potrà essere in Navarra, la sua terra” . Attualmente esporta prodotti in circa 90 paesi in tutto il mondo ed è lieta che le sue iniziative stiano “cambiando le aree in cui sono installati”, o cambiando l’agricoltura, i servizi o l’occupazione in quelle aree. “Rendiamo globali i prodotti locali e trasferiamo la produzione locale nei ristoranti di New York o in India”, afferma.