Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Nonostante l’incidente di Fukushima, il Giappone dipende ancora dall’energia nucleare | mondo | Dott..

L’11 marzo 2011, un terremoto di magnitudo 9 ha colpito il Giappone, provocando un enorme tsunami che ha sommerso i reattori della centrale nucleare di Fukushima Daiichi. L’incidente nucleare più grave dai tempi di Chernobyl ha causato un rifiuto generale dell’energia atomica. Poco tempo dopo, Berlino ha annunciato un piano decennale per abbandonare il nucleare, una richiesta del Partito dei Verdi.

Più di 11 anni dopo il disastro, e nonostante il Giappone si trovi nel cosiddetto Anello di Fuoco – una linea di vulcani attivi e frequenti terremoti – quest’estate Tokyo si è impegnata per l’energia nucleare.

Il primo ministro Fumio Kishida ha annunciato che il Giappone riavvierà fino a nove reattori nucleari entro l’inverno e altri sette entro la prossima estate, citando la necessità di garantire l’approvvigionamento energetico nel bel mezzo della guerra in Ucraina e contribuire a raggiungere gli obiettivi del Giappone di zero emissioni nette. “L’invasione russa dell’Ucraina ha trasformato il panorama energetico globale”, ha avvertito Kishida ad agosto.

Le proposte a lungo termine annunciate includono l’estensione della vita utile dei reattori nucleari oltre gli attuali 60 anni. “Si ha la sensazione che i politici giapponesi stessero aspettando di impegnarsi nuovamente nella tecnologia nucleare”, ha detto a DW David Hess, analista della World Nuclear Association.

Il Giappone non ha né petrolio né carbone in grandi quantità

Il contesto è cambiato. Le forniture di gas all’Asia erano già scarse lo scorso inverno a causa della pandemia di COVID-19 e la crisi energetica globale ha spinto i prezzi del gas naturale a livelli record mentre i paesi asiatici ed europei hanno lottato per garantire forniture di gas naturale liquefatto (GNL) come alternativa. al gasdotto russo.

READ  Cinque esercizi per allenare bicipiti e tricipiti senza materiali

Alla base della decisione giapponese c’è anche la mancanza di risorse energetiche tradizionali, come petrolio e gas. “Il Giappone non ha molto carbone o petrolio, quindi ha sempre importato una percentuale molto alta del suo fabbisogno energetico, non solo elettricità. [también de transporte y calefacción]spiega a DW Jim Smith, professore di scienze ambientali all’Università di Portsmouth nel Regno Unito.

Prima del crollo di Fukushima, circa un terzo della produzione di energia del Giappone proveniva dall’energia nucleare. Entro il 2020, il numero è sceso a meno del 5%. Tokyo ha fissato un nuovo obiettivo per l’energia nucleare per fornire fino al 22% della fornitura di elettricità entro il 2030.

I limiti delle energie rinnovabili e la mancanza di terreni disponibili per la massiccia espansione dell’energia idroelettrica, solare ed eolica spiegano anche l’atteso ritorno del nucleare. Tuttavia, l’anno scorso il governo ha alzato l’obiettivo per l’energia rinnovabile nella produzione di elettricità al 36-38% nel 2030, il doppio rispetto al 2019.

La decisione del Giappone faceva parte di un “spostamento globale” verso l’energia atomica, ha detto a DW Hess della World Nuclear Association, citando le recenti decisioni di Polonia, Repubblica Ceca, Gran Bretagna, Svezia e Francia. Ha osservato che il sostegno bipartisan all’energia nucleare sta crescendo anche negli Stati Uniti. E aggiunge: “Altri paesi stanno costruendo i loro primi reattori, come l’Egitto, l’Uzbekistan e le Filippine”.

La Germania continua a escludere il nucleare

Nonostante quest’inverno Berlino abbia ordinato un’estensione a breve termine della vita utile delle tre rimanenti centrali nucleari a causa della crisi energetica, la Germania continua a escludere l’energia atomica. Anche Spagna e Svizzera hanno annunciato l’intenzione di fermare la produzione di energia nucleare nel prossimo decennio. Altri paesi come Australia, Austria, Danimarca, Irlanda, Italia, Malesia, Portogallo e Serbia continuano a opporsi al nucleare.

READ  I nonni arricchiscono la vita dei bambini e aiutano la loro salute mentale

L’Unione Europea ha recentemente deciso che l’energia nucleare può qualificarsi come energia verde, per aiutare a liberare potenziali miliardi di euro di finanziamenti da parte di investitori attenti all’ambiente.

(signorina)