Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Nonostante il divieto della dittatura di Castro, l’opposizione cubana ha ratificato la manifestazione del 15 novembre

FOTO DI FILE: Protesta contro il governo cubano all’Avana (Immagine: Reuters)

L’opposizione cubana ha deciso martedì Prenota il bando per la marcia civile del 15 novembre, Sebbene il Le autorità lo hanno vietato poche ore faHa accusato i suoi organizzatori di voler portare a un cambio di regime con il sostegno di Washington.

Il 15 novembre prossimo, la nostra decisione sarà la marcia civile e pacifica per i nostri diritti.”, ha annunciato su Facebook il gruppo di discussione politica Archipiélago, organizzatore e sostenitore della manifestazione.

Secondo la dittatura cubana, è stato dichiarato illegale perché i suoi promotori intendevano promuovere il cambio di regime, sostenendo che non c’erano cause e il rapporto dei promotori con “organizzazioni sovversive”.

La Marcia Civica per il Cambiamento fu presentata dal 20 al 15 novembre di quel mese dopo il primo ostacolo dell’Avana: Il regime annuncia che dal 17 al 20 novembre condurrà “Manovre di preparazione difensiva”.

Il sistema si è concluso annullando la possibilità di ottenere il permesso.

In una lettera in risposta alla richiesta, hanno affermato che “Le ragioni addotte per la marcia non sono state riconosciute come legittime” e hanno affermato che i promotori dell’evento avevano “relazioni con organizzazioni o agenzie sovversive finanziate dal governo degli Stati Uniti”..

Inoltre, hanno sostenuto che l’esercizio dei diritti, come la libertà di espressione, è limitato ai diritti degli altri, “sicurezza collettiva, benessere pubblico”.

Un uomo partecipa a una manifestazione antigovernativa cubana, foto d'archivio.  EFE / Raul Martinez
Un uomo partecipa a una manifestazione antigovernativa cubana, foto d’archivio. EFE / Raul Martinez

La lettera, firmata da Alexis Acosta Silva, sindaco del Consiglio di amministrazione dell’Avana Vecchia, concludeva che: “E’ chiaro che, pur invocando un diritto costituzionale, esso non può essere esercitato contro i diritti, le garanzie e gli altri concetti basilari della Costituzione stessa, che determinano l’illegalità del corteo.“.

READ  Gli Stati Uniti hanno confermato di essere aperti alla declassificazione di ulteriori documenti l'11 settembre

D’altra parte, Gli Stati Uniti hanno chiesto alla dittatura cubana di “rispettare i diritti fondamentali” dei cubaniSRespingendo la decisione dell’Avana di vietare la manifestazione dell’opposizione.

“È la libertà di espressione, è la libertà di riunione pacifica che il governo cubano ha negato al proprio popolo”, ha detto ai giornalisti il ​​portavoce del Dipartimento di Stato Ned Price. “Chiediamo al governo dell’Avana di rispettare le libertà fondamentali ei diritti fondamentali del popolo cubano”, ha affermato.

Price ha negato che dietro questa mobilitazione ci fossero gli Stati Uniti.

Quello che è successo a luglio, quello che è successo nei giorni e nelle settimane che seguirono, non riguardava gli Stati Uniti. Riguardava il comportamento del regime cubano e le aspirazioni insoddisfatte del popolo cubano alla libertà, alla dignità e alla prosperità, elementi che questo regime aveva negato a lungo dal 1959.confermato.

Gli agenti di polizia arrestano un uomo quando, l'11 luglio 2021, la gente ha manifestato in una strada dell'Avana (Cuba).  EFE / Ernesto Mastrascusa / Archivio
Gli agenti di polizia arrestano un uomo quando, l’11 luglio 2021, la gente ha manifestato in una strada dell’Avana (Cuba). EFE / Ernesto Mastrascusa / Archivio

Portavoce ufficiale per la diplomazia degli Stati Uniti Ha chiesto il “rilascio immediato” di tutti loro, dopo aver denunciato “arresti arbitrari”, “sparizioni” e “processi sommari”..

“La violenza che abbiamo visto, gli arresti che abbiamo visto, la repressione a cui abbiamo assistito e ora il divieto di protesta pacifica che abbiamo visto, ci ricordano tutti che il popolo cubano sta pagando un prezzo pesante nella sua lotta per la libertà ,” Egli ha detto. . il prezzo.

La marcia è stata preceduta dalle proteste senza precedenti dell’11 e 12 luglio in cinquanta città cubane, che hanno provocato morti, decine di feriti e centinaia di arresti.

READ  Elezioni storiche in Germania per succedere ad Angela Merkel

Queste manifestazioni spontanee, senza precedenti dalla vittoria della rivoluzione del 1959, hanno avuto luogo, cantando “Abbiamo fame”, “Abbasso la dittatura” e “Libertà”., nel contesto di una grave crisi economica, la peggiore degli ultimi 30 anni.

Da allora, diverse figure dissidenti, come Jose Daniel Ferrer e Luis Manuel Otero Alcantara, incarcerate dall’11 luglio, sono state arrestate. Altri oppositori come Manuel Cuesta Moroa, Guillermo Farinas e Berta Soler sono stati rilasciati a poche ore dal loro arresto dopo essere stati avvertiti di non chiedere una protesta.

(Con informazioni da AFP)

Continuare a leggere: