Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Non posso parlare, solo WhatsApp: stiamo perdendo la capacità di parlare?

I giovani usano quotidianamente app come Facebook Messenger, WhatsApp o Instagram. Nel mondo anglosassone, sono già chiamati la generazione silenziosa, che si distingue per la preferenza per la messaggistica istantanea rispetto alle chiamate telefoniche tradizionali. Tuttavia, questa tendenza non è popolare solo tra gli adolescenti. Gli adulti si sono anche rivolti all’invio di messaggi o audio per chiamare familiari e amici, piuttosto che effettuare una chiamata. Dato questo fatto, sembra chiaro che le nostre abitudini sono cambiate. Ma possiamo continuare a parlare delle vere conversazioni? Perdi o perdi la capacità di parlare? Perché i loro telefoni sono silenziati per sempre?

“L’uso di telefoni cellulari e schermi è stato di grande importanza per la civiltà, principalmente per lo sviluppo delle comunicazioni. Oggi non si torna indietro a questa rivoluzione tecnologica. In vista di ciò, sarà necessario identificare i vantaggi, e valorizzarli, e gli svantaggi, per ridurli”, dice lo psicologo Graciella Chamotte.

Tra i vantaggi di un telefono cellulare, lo specialista cita che facilita la comunicazione remota, consente un rapido accesso alle informazioni sul Web, promuove la comunicazione e il mantenimento di collegamenti virtuali, espande i social network e democratizza l’informazione. “È davvero un grande vantaggio”, dice. Tuttavia, si concentra immediatamente sui punti negativi e suggerisce che vale la pena riflettere sul modo in cui l’era digitale sta cambiando il modo in cui comunichiamo. Egli descrive: “Possiamo dire che il linguaggio su un telefono cellulare è caratterizzato da acronimi, immediatezza, che è lontano dal testo scritto a mano e che i sentimenti e le emozioni sono espressi, in molti casi, da simboli e immagini”.

Partendo da questo panorama, Chamotte parla dell’impoverimento della comunicazione. “Se il dialogo viene costantemente generato attraverso sistemi di messaggistica, come WhatsApp, finiamo per ignorare le regole di ortografia e incorrere in alcune correzioni durante la scrittura. In definitiva, il linguaggio alfabetizzato è compromesso”, afferma. Secondo il suo punto di vista, anche l’uso eccessivo del volgare volgare, comune negli hadith, ci porta a questa povertà linguistica e deviazione dal linguaggio.

READ  Addio visione notturna verde: sviluppano una fotocamera che scatta foto come se fosse di giorno

Il miracolo del dialogo. La conversazione tradizionale ha importanti caratteristiche di socializzazione, che mancano. un file

Chamut cita poi alcune ricerche che rivelano che i giovani studenti universitari gestiscono la metà delle parole che usavano circa 30 anni fa. “Ovviamente, questo si manifesta anche nella completa assenza di lettura e nel deterioramento della cultura. È difficile per i ragazzi parlare con precisione ed esprimere ciò che vogliono”, osserva. A sua volta, questa disabilità linguistica li spinge ad agire quando mancano le parole. In psicologia – prosegue lo specialista – si comprende che le parole permettono di non andare verso le aggressioni.

Infine, si riferisce ad altre preoccupazioni sull’uso eccessivo di telefoni cellulari o schermi, come diminuzione della memoria a breve termine, insonnia, difficoltà di vista, dipendenza, riduzione delle relazioni reali, disturbi cerebrali (per questo è vietato ai bambini di età inferiore ai due anni). età) e impoverimento della capacità di Attenzione. Per non parlare del fatto che complica i rapporti in famiglia! Di fronte a questa narrazione, l’esperto conclude che ha la precedenza l’assoluta necessità di un contatto reale, visivo, uditivo e fisico con le persone. Conclude: “Si parla molto dell’importanza degli abbracci per la salute mentale. Oggi, molte persone sono in rete e condividono momenti. Ma nel profondo, hanno un grande senso di solitudine”.

Anche uno psicologo Cecilia Juarez Pensa a come le app, in particolare WhatsApp, influenzano il modo in cui parliamo. “I miei pazienti adolescenti mi dicono che un messaggio di testo o vocale è istantaneo, veloce e non disturba l’altro perché sta leggendo o ascoltando quando può. Fondamentalmente, non pensano a un altro modo per comunicare”, dice. Nelle parole dei giovani sul divano, questa forma di conversazione offre molta libertà e richiede pochissimo impegno. WhatsApp ci permette di organizzare gli orari come vogliamo.

READ  Rivelano l'esplosione di un oggetto interstellare nel 2014

La verità è che nell’era digitale, la nostra capacità di connettersi sembra non avere limiti. Bisogna però ricordare che perché la conversazione abbia successo occorrono due interlocutori attenti e reciprocamente disponibili, ed è questo che fa risaltare lo specialista. E con i dispositivi accade l’esatto contrario: la nostra attenzione sembra essere più distratta che mai.

– Perdiamo la capacità di parlare?

– Stiamo riscontrando velocità di connessione mai viste prima. Tutto cambia. Il dialogo reale e l’interazione amorevole sono trascurati. Non ci prendiamo il tempo per contattarci. L’altro non si prende nemmeno il tempo di ascoltarci, anche per pochi minuti. Oggi, un’emoji indica come ci sentiamo. La magia del parlare è andata perduta.

Come il suo collega, Juárez afferma che bambini e adolescenti non possono immaginare un giorno senza telefono e lamenta la freddezza del testo scritto o l’inserimento di messaggi vocali come unico metodo di interazione. Tuttavia, ci salva nei momenti peggiori della pandemia, che questi strumenti ci abbiano salvato. “Siamo riusciti a entrare nelle case degli altri senza uscire dalla nostra. Siamo riusciti a entrare, educare, guarire, ascoltare e coccolare…” Finisce.