Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

“Non è necessario sottoporsi al test, quando si hanno i sintomi di un raffreddore o di COVID, ci si dovrebbe autoisolare”, ha affermato Nicholas Kreplak.

“Nel complesso, ciò che si osserva è un'”epidemia di casi lievi””, ha affermato Nicholas Kreplak (Reuters/Agustin Markarian).

L’aumento delle infezioni da virus Corona in Argentina è continuato per sei settimane consecutive: La scorsa settimana nel Paese sono stati registrati 51.178 casi di COVID-19, con un aumento del 19% rispetto ai sette giorni precedenti.E il Quando sono stati segnalati 43.487 feriti. Nei rapporti precedenti, l’aumento settimanale era più pronunciato: il 22 maggio i contagi sono cresciuti del 28% e il 15 maggio sono aumentati del 93%. Di fronte a questo scenario, “Non è necessario testare” contro l’insorgenza dei sintomi e ha raccomandato l’autoisolamento per 5 giorni o fino alla scomparsa dei sintomi, ha affermato il ministro della Salute provinciale di Buenos Aires Nicholas Creplaak.

Il funzionario ha sottolineato che sebbeneIl numero degli infortuni è in aumento, Il tasso di aumento è stato notevolmente ridotto. Due settimane fa, il numero di casi è aumentato ogni settimana del 100%. È aumentato del 45% la scorsa settimana e la settimana appena conclusa è aumentata del 25%” nella provincia di Buenos Aires.

questi numeri”Può avvertirci che abbiamo raggiunto la vetta‘, ha detto Kreplak nei commenti a Radio 10, e stima che gli infortuni potrebbero diminuire nei prossimi giorni o settimane se l’andamento della curva continua.

La scorsa settimana nel Paese sono stati registrati 51.178 casi di COVID-19, in aumento del 19% rispetto ai sette giorni precedenti, quando sono state segnalate 43.487 infezioni.
La scorsa settimana nel Paese sono stati registrati 51.178 casi di COVID-19, in aumento del 19% rispetto ai sette giorni precedenti, quando sono state segnalate 43.487 infezioni.

Nonostante l’aumento delle infezioni da COVID-19, l’aumento delle infezioni non ha avuto alcun effetto sui ricoveri e sui ricoveri in terapia intensiva, i livelli di occupazione dei letti di terapia intensiva rimangono al di sotto del 43% in tutto il Paese. Per questo, Il responsabile del dossier sanitario di Buenos Aires ha affermato che quella che generalmente si osserva è “un’epidemia di casi lievi”.

READ  Giro Ditalia: Yates appare in Zonkolan ed Egan lo colpisce duramente | Gli sport

L’importante è saperlo Non è necessario fare il test, quando si hanno sintomi, che potrebbero essere da raffreddore o COVID-19, quello che bisogna fare è isolarsi per 5 giorni o i giorni in cui compaiono i sintomi fino a quando non trascorre un’intera giornata senza sintomiil ministro della Salute di Buenos Aires ha affermato e insistito affinché i bambini con sintomi come febbre, naso che cola e simili non dovrebbero andare a scuola.

in ogni caso, il Esperti di malattie infettive Hanno avvertito che se le persone con sintomi non vengono testate, le statistiche epidemiologiche non riflettono completamente la vera situazione sanitaria nel paese.

Sebbene da aprile l’uso delle mascherine nelle scuole e nei luoghi di lavoro sia facoltativo nella provincia di Buenos Aires, il funzionario ha sottolineato che di fronte a questo scenario, La raccomandazione è di utilizzare la maschera all’interno, come le aule, e mantenere una ventilazione incrociata continuaCiò significa che le finestre sono sempre aperte. “Quel mito che mi sono ammalato perché avevo freddo non esiste, e quello che esiste è che quando fa freddo si chiudono le finestre e quindi si incoraggia la diffusione delle malattie respiratorie”.

Quasi il 60% della popolazione argentina non ha ricevuto una dose di richiamo del vaccino COVID-19.  (Reuters/Agustin Markarian/foto d'archivio)
Quasi il 60% della popolazione argentina non ha ricevuto una dose di richiamo del vaccino COVID-19. (Reuters/Agustin Markarian/foto d’archivio)

Inoltre, Kreplak ha sottolineato che se una persona viene testata attraverso test di auto-rivelazione venduti in farmacia ed è negativa ma mostra sintomi, si dovrebbe comunque autoisolarsi poiché il risultato potrebbe essere non negativo.

Lo ha riferito il ministero della Salute Dal 22 al 29 maggio si sono registrati 64 decessi per Corona virus e 51.778 contagi. Rispetto alle tre settimane precedenti, il numero di persone contagiate è quasi triplicato.

READ  Cancro della pelle: il tipo di approccio più comune | diario di koyo

Pertanto, dal 1° all’8 maggio, sono stati segnalati 17.646 casi; Nella settimana successiva, dall’ottavo al quindicesimo dello stesso mese, il numero è praticamente raddoppiato: 33989. Infine, nella settimana dal 15 al 22 maggio sono stati 43.487. Con questi numeri, il numero totale dei casi dall’inizio dell’epidemia ha raggiunto 9.230.573, mentre il numero totale dei decessi ha raggiunto 128.889..

Kreplak ha raccomandato di utilizzare la maschera in spazi chiusi, come le aule, e di mantenere la ventilazione incrociata (REUTERS/Agustin Marcarian)
Kreplak ha raccomandato di utilizzare la maschera in spazi chiusi, come le aule, e di mantenere la ventilazione incrociata (REUTERS/Agustin Marcarian)

Inoltre, il portafoglio sanitario ha indicato che è così lontano 346 casi di coronavirus sono stati ricoverati in terapia intensiva (23 in più rispetto alla settimana precedente), con un tasso di occupazione delle famiglie, sia nel settore pubblico che privato e tutte le malattie, del 42,2% nello stato.

Nonostante l’alto livello di infezioni, Quasi il 60% della popolazione argentina non ha ricevuto una dose di richiamo del vaccino COVID-19. Sebbene oltre l’80% abbia completato il programma di vaccinazione di base, Solo il 40,7% ha ricevuto la prima dose di richiamoE il Uno strumento chiave per aumentare la produzione di anticorpi nel contesto della nuova ondata di casi che il Paese sta vivendo.

Secondo gli ultimi dati finora forniti dal Ministero della Salute, L’89,7% dei residenti nel paese ha iniziato il proprio programma di vaccinazione; L’81,6% ha completato la dose e il 40,7% ha applicato la prima dose.

Continuare a leggere: