Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Nicaragua: accusato di aver attaccato l’AMIA ha assistito al giuramento di Daniel Ortega, approvato dall’Argentina

Mohsen Rezaei, uno degli iraniani accusati dal giudice argentino di organizzare Attacco contro l’AMIA Nel 1994 ha assistito per conto del suo governo all’atto di subentro Daniele Ortega, in Nicaragua, a cui ha partecipato anche l’Ambasciatore del Governo Alberto Fernandez, Daniel Kapitanicsenza sollevare obiezioni.

Un’allerta rossa dell’Interpol pesa su Rezai come partecipante all’attacco che ha ucciso 85 persone al quartier generale ebraico di rue Pasteur. è la corrente Vicepresidente per gli affari economici iraniani Al momento dell’attacco, era un comandante delle Guardie Rivoluzionarie. È accusato di essere uno dei capi militari che hanno dichiarato il piano criminale. Uno dei suoi figli ha persino testimoniato contro di lui negli Stati Uniti, anche se in seguito è stato respinto.

Mohsen Rezaei sulla presa in consegna di Daniel Ortega

La mia soddisfazione ha ricevuto Ortega che Rielezione Ed è stato messo in discussione da innumerevoli paesi perché l’ha ottenuto dopo che la maggior parte dei suoi concorrenti sono stati incarcerati. Lo ha fatto accanto al Presidente del Venezuela, Nicola Maduro, e Cuba, Miguel Diaz-Canel. Capitanec è stato il rappresentante del governo argentino alla cerimonia: con la sua presenza, la Casa Rosada ha legittimato il nuovo mandato del leader sandinista, pochi giorni dopo il voto del Nicaragua Fernandez Presidente della Comunità degli Stati dell’America Latina e dei Caraibi (CELAC).

Daniel Kapetanic, Ambasciatore dell'Argentina, saluta Daniel Ortega durante una cerimonia ufficiale
Daniel Kapetanic, Ambasciatore dell’Argentina, saluta Daniel Ortega durante una cerimonia ufficiale

La posizione del governo nazionale sul regime di Ortega è stata ambigua negli ultimi mesi. Mentre l’ambasciatore è al Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite Federico Villegas Unisciti alle condanne derivanti dalle relazioni dell’Alto Commissario che presiede Michelle Bachelet – Soprattutto per quanto riguarda la persecuzione degli oppositori nell’Organizzazione degli Stati americani – Ambasciatore Carlos Raimondi Ha ribadito i principi del “non intervento” e si è astenuta dal condannare il regime sandinista.

In mezzo a questo scenario, Kapitanic è tornato al suo incarico diplomatico, che aveva ritirato per consultazioni a giugno e in una mossa congiunta con il Messico. Arrabbiato con l’Argentina per la sua posizione, Ortega a settembre aveva ordinato a Fernández di non votare per la presidenza di Celak., che è finalmente cambiato venerdì scorso quando il ministro degli Esteri nicaraguense Denis Moncada ha detto sì a Fernandez.

Ebrahim Raisi, il presidente dell'Iran, ha nominato Mohsen Rezaei, accusato dell'attacco dell'AMIA, vice capo degli affari economici.
Ebrahim Raisi, il presidente dell’Iran, ha nominato Mohsen Rezaei, accusato dell’attacco dell’AMIA, vice capo degli affari economici.

Ortega ha vinto lo scorso 7 novembre con il 75 per cento dei voti, ma nel bel mezzo del processo elettorale ha imprigionato tutti i candidati dell’opposizione con la prospettiva di lottare per la sua leadership. A causa di questi eventi, Bachelet riferisce che tra maggio e ottobre ci sono stati almeno 39 arresti arbitrari di politici, difensori dei diritti umani, uomini d’affari, giornalisti, contadini e leader studenteschi.

Nomina di Rezaei e un altro accusato dall’AMIA, Ahmed Wahidi, così come i principali funzionari domanda dal governo di Fernandez nell’agosto dello scorso anno. “Ripeti la Repubblica argentina, avendo avuto modo di annunciare al momento dell’annuncio della nomina di Ahmad Vahidi alla carica di ministro dell’Interno iraniano, posizione confermata in tale data dal parlamento di quel Paese. Il ministero degli Affari Esteri ha affermato che questa approvazione, insieme alla nomina di Mohsen Rezaei a Vice Presidente degli Affari Economici, costituisce un insulto alla giustizia argentina e alle vittime del brutale attacco terroristico contro la Mutua Argentina-Israele”. , quindi responsabile Filippo Sola.

Questa mattina l’opposizione ha chiesto chiarimenti al ministro degli Esteri Santiago Cafiero sulla posizione che è stata mantenuta durante l’inaugurazione di Ortega. Non solo l’aiuto di Capitanich ma l’assenza di reazione alla partecipazione di Rezai allo stesso atto. Ben presto, il Dipartimento di Stato ha rilasciato una dichiarazione in cui negava la presenza degli iraniani in Nicaragua. “L’Argentina condanna fermamente la presenza di Mohsen Rezaei all’inaugurazione del presidente del Nicaragua, Daniel Ortega. La loro presenza è un insulto al sistema giudiziario argentino e alle vittime del brutale attacco terroristico contro l’AMIA”, si legge nel testo ufficiale.

READ  Le Nazioni Unite hanno annunciato la formazione di una commissione per indagare sui crimini di guerra durante l'invasione dell'Ucraina