Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Nella guerra in Ucraina, l’Europa è in contrasto con i propri interessi.

Maurizio Lazzarato è così interessato a ciò che sta accadendo nel Sud del mondo da rinunciare all’eurocentrismo che oscura la maggioranza in Italia, dove è nato 67 anni fa, o in Francia, dove è andato in esilio alla fine degli anni ’70 per sfuggire alle persecuzioni. Contro i militanti per l’autonomia operaia a Padova. Perché questo aspetto diverso?

Le rivoluzioni del ventesimo secolo sono avvenute o ai margini del capitalismo o al sud. Mi interessa sapere perché le rivoluzioni sono avvenute al sud e non al nord, dove c’è stato il massimo sviluppo capitalista e cosa sarebbe dovuto accadere secondo Marx. Ma è successo in un paese come la Russia, dove la forza produttiva non era così grande, e poi in pochi paesi come Cina, Vietnam e Cuba. “Le forze rivoluzionarie sono venute dal sud”, ha detto. tempo atmosferico, prima di prendere l’aereo per la capitale francese, dove lavora come assegnista di ricerca presso Matisse/CNRS (Università Paris I), parte dell’International College of Philosophy. Una precisazione molto pertinente: per Lazzarato il Sud è un concetto che comprende paesi che furono colonie del centro capitalista. Altra precisazione. Quel capitalismo non avrebbe potuto svilupparsi senza l’oceano che fornisce manodopera a basso costo e materie prime quasi gratuite.

Il sociologo e filosofo Lazzarato è venuto a presentare il suo libro guerra o rivoluzione, pubblicato a Buenos Aires da Tinta Limón. Un altro editore locale, Eterna Cadencia Il capitale odia tutti S Ti ricordi la rivoluzione? Si sente a suo agio qui perché può parlare liberamente. Nota che in Europa il suo aspetto è censurato. “Questa guerra è stata un disastro dal punto di vista ideologico. Non puoi più parlare.” Cosa c’è di così riprovevole nell’attuale pensiero ufficiale?

– Questa non è una guerra tra Russia e Ucraina, è una guerra per riorganizzare l’ordine mondiale, contro la globalizzazione iniziata negli anni ’70 e in crisi dal 2008. È una crisi dell’imperialismo del dollaro. Gli americani hanno costruito un sistema di regolazione del potere globale basato sul dollaro e sull’uso della forza che ha permesso loro di assorbire parte della ricchezza mondiale. Oggi questo sistema è in crisi a causa della presenza di altre forze economiche che instaurano un altro imperialismo locale, come quello russo o cinese. Stanno emergendo perché non hanno la valuta che permette loro di essere globali.

READ  Rodriguez Laretta ha partecipato a un evento internazionale e ha dichiarato: "La macroeconomia di oggi in Argentina è preoccupante"

– La base dell’imperialismo è valuta?

– Sì, dominio imperiale nordamericano. L’imperialismo classico era l’imperialismo come quello di Lenin e Rosa Luxemburg per l’occupazione della terra e l’esportazione di capitali. L’imperialismo contemporaneo si è costruito dal 1971, quando gli Stati Uniti dichiararono il dollaro indispensabile all’oro. Il risultato è una valuta politica e i nordamericani hanno beneficiato dell’utilizzo del dollaro come valuta internazionale per finanziare i deficit attraverso la competizione tra tutto il mondo.

I cinesi chiedono un imperialismo simile?

– Sconosciuto. Hanno fatto molti investimenti in molte parti del mondo: in Africa, Europa e America Latina, ma non hanno una moneta che gli permetta di controllare l’economia globale. L’imperialismo al momento è un po’ debole per poter sostituire gli Stati Uniti. A settembre, all’incontro di Samarcanda (vertice dell’Organizzazione per la cooperazione di Shanghai, Cina, India, Kazakistan, Kirghizistan, Russia, Pakistan, Tagikistan e Uzbekistan) si cercava di immaginare un sistema finanziario alternativo, molto difficile o impossibile, ma solo l’idea è di dichiarare guerra agli Stati Uniti.

La Russia sembra un imperialismo di secondo livello.

Sì, è l’imperialismo interno. Si difende e attacca, ma non ha la forza economica o demografica di chi pretende di essere il motore di una grande guerra. La Cina, invece, sì, ma prima deve farsi forza. Intanto vedremo. Ma siamo di fronte alla fine della globalizzazione così come la conosciamo. Il contributo viene riorganizzato tra i paesi alleati. Stanno imponendo sanzioni alla Russia così come alla Cina. Hanno appena messo al bando cinque compagnie cinesi che operano sul suolo nordamericano e stanno attaccando anche l’Europa. La prima parte sconfitta in questo conflitto è l’Europa.

READ  Economia forte e resiliente

L’Europa sembra essersi suicidata.

È il secondo suicidio.

-Qual è stato il primo?

-Prima guerra mondiale. Ma questo è stato un suicidio incomprensibile. L’Europa non ha una politica indipendente perché durante la guerra fredda ha seguito una politica sottomessa alla politica degli Stati Uniti. Nessun uomo politico, tipo (Charles) de Gaulle, si è opposto, solo qualche (Angela) Merkel lo ha fatto. Sono tutti soggetti al potere americano. Ma l’Europa dovrà affrontare problemi economici il prossimo anno, con la recessione che inizierà quest’inverno. Il Parlamento europeo ha appena firmato un documento che designa la Russia come stato terrorista. loro sono pazzi. Un paese terrorista sono gli Stati Uniti, che hanno condotto molte guerre. Non pensano, e non si sa perché, è vago

– Qui al sud è incomprensibile.

– Al Nord no, perché pensano contro i propri interessi, sparano ai piedi.

– Ma la guerra è contro l’Europa o contro la Germania?

– contro la Germania. Il problema per gli Stati Uniti è che la Germania ha costruito una politica ostpolitica per i rapporti con l’Est. Il modello europeo è il modello tedesco basato sulle esportazioni russe di energia a basso costo. Questo modello è stato preso di mira dagli Stati Uniti e ovviamente volevano distruggerlo ed è per questo che Nord Stream l’ha sabotato. Gli Stati Uniti vogliono creare un’economia di guerra e l’economia che incontra le maggiori difficoltà è quella europea. Gli Stati Uniti hanno aumentato i prezzi dell’energia da cui dobbiamo acquistare con l’obiettivo di mettere in difficoltà l’economia tedesca, che è la più esportata in Russia e Cina, anche se (il primo ministro Olaf) Schulz era d’accordo. Vendita di parte del porto di Amburgo alla Cina. Le persone stupide sono persone verdi che non capiscono a kazoo Perché negano. Il ministro dell’Economia è verde (Robert Habeck) e non capisce niente nonostante si tratti della guerra in Ucraina e abbiano fatto un casino del genere (va da sé che gesto con entrambe le mani).

READ  Queste sono le procedure per andare a lavorare se non sei stato vaccinato

Sono Atlantidei.

– Sì, Atlantidei, ma suicida. Gli Stati Uniti continuano la politica protezionista iniziata con (Donald) Trump. Gli unici paesi neoliberisti sono i paesi europei, il Nord America è neoliberista per gli altri ma non per loro. L’Europa e la Germania dovrebbero pensare alle loro economie perché sono praticamente bloccate, cosa che gli Stati Uniti hanno già fatto con i giapponesi. Gli Stati Uniti hanno sempre cercato di non rendere troppo forte nessuno dei loro alleati.

– Cosa ci aspettiamo al sud in queste circostanze?

– Non è che sia troppo complicato, perché è uno scontro di diverse forme di capitalismo. Succede che per la prima volta il Sud ha abbastanza potere economico per rifiutarsi di sottomettersi all’economia nordamericana. Ha la capacità di farlo, nonostante la dislocazione degli Stati Uniti nell’usare metodi duri, non solo economici. «