Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Nel mezzo delle tensioni con gli Stati Uniti sul Fondo monetario internazionale, Alberto Fernandez diventa capo di un’organizzazione dal carattere antiamericano

L’Argentina è stata finalmente eletta venerdì Presidente ad interim della Comunità degli Stati dell’America Latina e dei Caraibi (CELAC). Questo dopo aver ottenuto il sostegno del regime nicaraguense, che inizialmente si rifiutò di sostenere il governo Alberto Fernandez, in questa elezione di consenso.

Fernandez Sarà presidente per un anno Questo meccanismo di discussioni e cooperazione politica che include Venezuela, Nicaragua e Cuba, ma esclude Stati Uniti e Canada. Il Brasile al momento non esiste perché Jair Bolsonaro ha deciso di ritirarlo.

Come aveva già previsto questo giornale, l’accordo della presidenza argentina è stato raggiunto in una riunione al San Martin Palace, dove si erano incontrati in precedenza i ministri degli esteri degli Stati membri.

Ministri degli Esteri e Capi delegazione dei Paesi che compongono la Comunità degli Stati dell’America Latina e dei Caraibi (CELAC). Foto EFE / Juan Ignacio Roncoroni.

Quando il ministro degli Esteri Santiago Cafiero ha ricevuto la conferma della presidenza dal suo omologo messicano Marcelo Ebrard – che era seduto accanto a lui in una stanza del palazzo – c’è stato un applauso in sala. Il paese ha il sostegno di 32 stati membri Anche Celak è stato ascoltato e segnala il sostegno alle negoziazioni sul debito con il Fondo monetario internazionale e alla rivendicazione del Regno Unito sulle Isole Falkland.

“E’ motivo di grande orgoglio e onore per noi assumere la presidenza ad interim del SILAC. Lavoreremo per l’integrazione, il rispetto delle istituzioni democratiche e la lotta alla corruzione». Ha detto in un messaggio in cui ho sentito per la prima volta la parola democrazia, molto sensibile in questo spazio e per questa Presidenza argentina della CELAC.

READ  Prima di tutto servono più gesti

Ma nel tentativo di giustificare la presenza dei regimi nicaraguense, cubano e venezuelano nel blocco, che sta generando conflitto nella regione e con gli Stati Uniti, Caviero ha affermato che Celak Era uno spazio “senza eccezioni”.

Il presidente Fernandez e il segretario di Stato Cafiero hanno organizzato giovedì una cena per tutti i ministri presenti. Era al CCK e si sono rifiutati di rivelare il suo contenuto e la sua foto. Hanno notato che “era intimo”.

L’Argentina presiede questo spazio di incontro regionale su una scala geografica molto ampia e una situazione politica, economica e culturale diversificata, in un momento in cui sta negoziando il suo debito con il FMI 24 ore su 24 e ha bisogno del sostegno politico di un governo Joe Biden che ancora non è arrivato. Celac è erede del Gruppo Contadora e del Gruppo Río, è stato promosso dal compianto Hugo Chávez e ha poi assunto l’occasionale impronta antiamericana. Oggi Celac è in realtà uno spazio di comando per il Messico, che d’altronde ha il suo inestricabile rapporto con gli Stati Uniti. Washington non aveva voce in capitolo, per ora. Né sull’alleanza che la Cina sta stringendo con questo forum.

Sebbene Fernandez e Cafiero abbiano ricevuto l’ordine di non avere segnali antiamericani al vertice, Abbracciando senza dubbio i regimi di Cuba, Venezuela e Nicaragua, Ma le democrazie occidentali le respingono con veemenza. Sono regimi che sono al potere rispettivamente da 63, 25 e 15 anni e stanno subendo una crescente protesta sociale che viene messa a tacere con la forza.

Il problema del Messico, dell’Argentina e della Bolivia da un lato e il problema dell’asse bolivariano dall’altro è il problema dell’Organizzazione degli Stati americani (OSA). Lo conferma il governo Celak non cerca di confrontarsi con nessuno. A quel tempo, il presidente Andres Manuel Lopez Obrador stava giocherellando con Fernandez sull’idea di nascondere l’OAS. Questa idea è stata annacquata e i due alleati si sono concentrati sulla lotta al segretario generale Luis Almagro, che aveva quattro anni prima del suo mandato.

READ  Tre cosmonauti russi sono arrivati ​​alla Stazione Spaziale Internazionale indossando uniformi blu e gialle

Come capo ad interim della CELAC, il presidente argentino dovrà organizzare un vertice a Buenos Aires dove dovrà invitare Nicolas Maduro, Daniel Ortega e Miguel Diaz-Canel. Cosa dirai loro quando dovrai tenere il tuo discorso?

Oggi ha parlato Cafiero La prosecuzione del mandato popolare e regionale, Ed è progresso nell’integrazione nonostante le difficoltà “perché” questo è il tempo della pandemia.

Ha osservato che “forse la pandemia è stata la difficoltà più grande, ma questo non ha impedito al Messico (che sta lasciando la presidenza ad interim) o a tutti coloro che fanno parte di Celac di lavorare nel 2020 e nel 2021 e quindi si prevede che lavoreranno nel 2022 tutti insieme nelle diversità”.

Ha affermato che l’obiettivo della presidenza ad interim dell’Argentina è quello di Promuovere un’agenda aperta nel compito di promuovere il dialogo nella regione, Gli Stati parti e, in sostanza, continuano a utilizzare gli strumenti di integrazione necessari per continuare a costruire una regione in pace”.

AFG