Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Museo del Cinema a Los Toldos • Diario Democracia

Il regista e produttore Roque Catania, in un’intervista a Democracia, ha svelato i dettagli di questa esperienza unica all’interno del Paese, che racconta la storia del cinema, attraverso l’esposizione delle sue attrezzature e macchine, ricordando gli organizzatori dello spettacolo: il lavoratori.
In un servizio esclusivo, ha annunciato che a metà gennaio apriranno il museo del cinema “Lanterna Magica”, all’interno dell’Associazione Cinema Italiano Los Toldos, tradizionale sede della città che riaprirà anche in quei giorni.
Dopo l’apertura del Museo del Cinema “Lanterna Magica”, si tratta oggi di un evento quasi unico nel Paese, ad eccezione del museo situato nella capitale federale e quello di proprietà di un privato.


Da sempre è una produttrice cinematografica dedita alla settima arte e attualmente è programmatrice, operatrice teatrale e direttrice del Museo del Cinema, ha detto Catania. Per diversi anni ha vissuto nella sua città natale, Los Toldos. Ha scritto tre lungometraggi e circa 30 cortometraggi documentari.

il Museo

Riguardo ai pezzi del Museo della Lanterna Magica, Catania afferma: “Come in quasi tutte le città, a Los Toldos avevamo due cinema, uno di fronte all’altro, e una piazza in mezzo. Gli operatori, i miei colleghi, hanno collaborato prestando le loro collezioni private a questo museo, e hanno la generosità di presentare i loro tesori personali, di cui ho sette proiettori in mostra, oltre a macchine fotografiche, 8 superproiettori, proiettori da 16 mm, una pletora di scatti, poster, obiettivi e lampade.”
Ha spiegato che all’inizio il museo avrà un orientamento tecnico, svelando lo stand, e i segreti dello stand espositivo, ma poi avrà un progetto, che si svilupperà a lungo termine, con una biblioteca di film e varie attività.
“Abbiamo chiuso il cinema nei giorni festivi, e anche per motivi di sicurezza, a causa dell’epidemia di Covid. Stimiamo che a metà gennaio potremo riprendere gli eventi e l’apertura del Museo della Lanterna Magica situato nell’atrio del cinema C’è uno showroom e due armadietti espositivi dove è possibile vedere l’attrezzatura.
Ha confermato che in quell’occasione Roberto Nicholson, operatore storico del cinema italiano, e Mario Espejo, operatore storico del cinema spagnolo, ha iniziato a lavorare in italiano e ha terminato la sua carriera di attore in italiano. Anche onorato.

READ  La prima foto di Gimena Accardi e Nico Vázquez dopo la tragedia di Miami, sull'aereo che li ha riportati in patria

cinema italiano

Per quanto riguarda il cinema italiano a Los Toldos, Catania ha dichiarato che quest’anno sono 15 anni da quando il teatro è stato intitolato a Leonardo Favio. “In quell’occasione, in occasione della riapertura di detta sala, nel 2007, abbiamo avuto la presenza di Leonardo Favio. Da allora siamo stati aperti con orgoglio, ottima vita, felici. Siamo sopravvissuti a una pandemia di due anni , che non è poco».
Vale la pena notare che la sala, intitolata a Leonardo Fabio dal 2007, esiste da 91 anni e appartiene all’Associazione Spagnola, che ha iniziato a proiettare film nel 1914, 107 anni fa.


Il 14 giugno 2022, saranno 92 anni da quando il teatro è stato costruito, ma i film sono stati proiettati al suo interno dal 1914, 107 anni fa. La storia della stanza è stata la motivazione che mi ha fatto desiderare di creare un museo. Ho iniziato a indagare, inizialmente per realizzare una sceneggiatura per un documentario, infatti ho realizzato un documentario omaggio ai due operatori cinematografici su You Tube. Mi ha colpito la ricchezza della storia e il rapporto che l’associazione italiana ha con il cinema quasi fin dall’inizio», ha spiegato Roque Catania.
Nel 1914, Isidoro Castaño venne con il suo biografo a mostrare Los Toldos. Si stabilì qui e fu fino al 1925 a mostrare per la prima volta film muti, assegnandole al pianoforte, perché era un pianista, e fondò la prima accademia di musica a Los Toldos ”, ha detto.
Nel 1925 il Comitato della Società Italiana iniziò a pensare alla costruzione di un cinema, che era già un fenomeno di massa nel mondo. È stata una rivoluzione globale, non solo intrattenimento e arte ma comunicazione. Hanno chiamato Luis Bertillo, un costruttore impressionante, che ha fatto il teatro e l’ha aperto nel 1930″, ha concluso.

READ  Daniel Osvaldo ha proposto a Gianna Maradona e Dalma è esploso: "No..."