Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

MotoGP: “È stato bellissimo vincere per la prima volta la battaglia contro Marquez”

Intervista al Circuito Ricardo Tormo con Francesco Bagnaia, Finali in MotoGP nella stagione che finisce adesso. A 24 anni un pilota Ducati Lenovo Ha concluso la sua terza stagione nella classe regina in netta ascesa e si è già posto l’obiettivo esplicito di lottare per il titolo il prossimo anno. Ultimo parlato, con una grande educazione e un perfetto spagnolo.

Conduciamo il colloquio in spagnolo, italiano o inglese?

– In spagnolo va bene.

Cominciamo con quello che penso tra me e me della sua stagione. Penso che quest’anno tu fossi il quartetto di Quartararo l’anno scorso, quello che avrebbe potuto essere un campione ma non doveva esserlo. sei d’accordo?

La somiglianza tra Fabio l’anno scorso e me ora è che abbiamo imparato molto. Le stagioni sono state completamente diverse, perché lui ha iniziato così bene e poi gli è costato così tanto, e io ero il contrario. Ho iniziato ad organizzarmi e poi ho fatto tanti, tanti passi avanti. La somiglianza è perdere la Coppa del Mondo e imparare molto allo stesso tempo.

Cosa pensi che abbia imparato Fabio l’anno scorso che lo ha aiutato a diventare un campione adesso e cosa hai imparato per provare a diventarlo l’anno prossimo?

– L’anno scorso ha perso la Coppa del Mondo perché era il più veloce. Ho notato che la pressione è peggiorata. È cresciuto molto mentalmente e sa davvero come essere più calmo quando deve, e prendere punti. Sono maturato molto. Per me è diverso, perché non avevo quella pressione. Dopo i miei primi due anni in MotoGP, non puoi pensare che potrei vincere il titolo quest’anno, perché l’ho fatto solo di tanto in tanto. Avevo bisogno di un anno come il mio e devo ringraziare il team ufficiale Ducati per la serenità che mi ha dato, che è stata tanta.

Pensi di aver guadagnato lo slancio per essere sicuramente tra i migliori?

– Avevo bisogno di gettare le basi per il prossimo anno e penso che abbiamo fatto un buon lavoro.

Perché ci è voluto così tanto tempo per ottenere la prima vittoria?

La vittoria arriva quando succede. Se non lo aveva fatto prima, era perché non era pronto. È stato bello ottenere la prima vittoria nella lotta contro Marquez fino all’ultimo giro, e ad Aragon, anche se a Misano me l’ha restituita. (sorride).

“Avevo bisogno di un anno come il mio; gettare le basi per il prossimo”


Francesco “Pico” Bagnaia

READ  Confermate le date delle qualificazioni sudamericane rinviate a causa della pandemia: l'Argentina giocherà le classiche contro Uruguay e Brasile.

– Hai cambiato obiettivo d’ora in poi e vale solo il titolo?

L’obiettivo è lottare, lottare per il titolo.

– La gara che hai vinto l’altro giorno a Portimão e questa gara a Valencia serviranno l’anno prossimo?

Voglio continuare a crescere e vedremo cosa succede l’anno prossimo. Con quello che abbiamo fatto quest’anno, e con quello che faremo, possiamo essere tra i favoriti per vincere il titolo, insieme a Marquez, Quartararo, Mir e tanti altri piloti, ma siamo forti.

Pensi che la Ducati sia la moto migliore in griglia come pensano quasi tutti gli altri in pista?

Penso che sia una moto molto dura e non molti piloti la gestiranno in modo aggressivo come le altre moto. È molto difficile. Tutti pensano che sia il più forte, probabilmente perché abbiamo vinto il titolo costruttori. Ha una grande velocità ed è molto stabile in frenata. Possiamo frenarlo duramente, ma non è come una Yamaha o una Suzuki in curva. Quello che è per me il più equilibrato.

– Come ti senti che dicono che hai la moto migliore e non puoi essere un campione con essa?

– Non posso dire che la Yamaha sia migliore o peggiore della mia moto, perché non l’ho provata, quindi non capisco come gli altri dicano che la nostra moto è la migliore. È come se guardassi sempre il giardino del tuo vicino. Se non hai provato la mia bici, non puoi dire com’è la mia bici. Dico che la mia moto è quella che è, ha un profilo molto alto ed è ben bilanciata, ma non so come stanno gli altri.

– Ora sì, Rossi ci lascia. Sei pronto per essere lo standard per le moto italiane ed ereditare un tifoso russo? Nel suo caso aiuta anche la passione per la Ducati.

Nessuno potrà sostituire Valentino, ma quello che vorrei di più è riuscire a trasmettere alle persone la sua passione per questo sport. L’Italia è fortunata ad avere così tanti piloti forti in questo momento, perché ci sono Morbidelli, Bastianini, Marini e Bezzecchi se sale in MotoGP e Dovizioso. Ci sono molti piloti italiani forti. Abbiamo un ottimo futuro.

READ  Terza newsletter sportiva - Prensa Latina

“Non capisco come gli altri dicano che la Ducati è la moto migliore se non l’hanno provata”


Francesco “Pico” Bagnaia

Tanta competizione per essere degli idoli italiani, e la cosa buona è che sono amici nella maggior parte dei casi. Lo mordono?

– Non ne parliamo, ma la cosa bella è che ci alleniamo insieme e facciamo una gara in casa mentre ci prepariamo.

-Cos’è il russo per te?

Amico, feticcio, il più grande. Da quando ero un ragazzino che guardavo le gare l’ho visto. Ricordo molto bene il 2004 (il primo anno di Rossi con la Yamaha) ed è normale essere il tuo modello quando vedi una stagione come questa e i tuoi genitori ti raccontano come ha lasciato la Honda. L’ho seguito per il resto degli anni ed è il più grande. Sono molto fortunato a poter lavorare e stare con lui.

– Rossi ha lottato con la Ducati nel 2011 e nel 2012. Pensi che sarebbe stato un campione con l’attuale Ducati?

-Penso di sì. Sono sempre stato un fan di Ducati e Rossi, quindi quando si sono incontrati è stato un sogno diventato realtà per me. Quello che è successo è che non era come previsto, ma era più un incubo che un sogno. Vorrei che provassi la nostra moto ora che sei in pensione.

-Non l’hai mai chiesto?

– (sorride). Lui è con Yamaha.

Credi che il tuo rapporto con Marquez tornerà alla normalità un giorno dopo il ritiro?

-Non lo so. Questi sono i loro problemi.

Cosa ne pensi della situazione di Mark?

– Mark è il riferimento ora perché è il più forte nonostante l’infortunio dell’anno scorso. Quest’anno è stato il suo ritorno e ha vinto tre gare. Ora è di nuovo infetto e io lo odio. Questo non va bene per lui. Quando ho letto che non avrei corso a Portimao a causa di una botta alla testa, in realtà ho pensato che avrei potuto avere questo problema di visione doppia, perché l’avevo già avuto prima. Inoltre, spesso sbatti la testa ed esci la domenica, quindi mi è sembrato strano. Mark combatte sempre molto e penso che tornerà.

“Valentino è un amico, un idolo, il più grande”


Francesco “Pico” Bagnaia

READ  Saranno 2.200 i tifosi dell'Albiceleste nella finale tra Argentina e Brasile

– Darren Bender è stato molto critico nei confronti di quello che ha messo in scena all’ultimo giro di Portimao 2 e ha parlato della necessità di una super licenza per entrare in MotoGP. Lo ordinerai al Comitato per la sicurezza?

-Penso di essere stato imbarazzante e probabilmente troppo imbarazzante, ma la situazione in Moto3…non fa queste cose. È una di quelle persone che le fanno di più, ma ce ne sono molte che fanno sempre le stesse cose. Non mi piace vederlo. Non si può passare a correre in Moto3, perché li vedo sempre sull’orlo dell’infarto. Ho fatto un po’ di moto in Moto3 ed ero davanti, lottando, ma con rispetto e ora quel rispetto manca. Non si può insegnare. Ci sono conducenti che corrono senza pensare di poter fare del male agli altri. Onko ad Austin non pensava di essere un pericolo per gli altri, ma Alcoba al Barcellona stava facendo lo stesso, Rodrygo faceva sempre cose simili. Alcoba, ad Austin, ha fatto due round con Macia prima, la stessa cosa che ha fatto Onko con lui dopo. Il rigore di Öncü era giusto, ma bisogna darlo a tutti allo stesso modo. Bender è stato squalificato da questa gara solo quando ha lanciato gli altri. E lo stesso in MotoGP. Le stesse sanzioni per tutti.

Fanno impazzire piloti, giornalisti e fan.

– Non capisco perché si comportano così. Ci sono piloti che, se lo fanno solo una volta, è un incidente, ma ce ne sono altri che lo fanno costantemente e non gli dicono nulla.

Binder sarà mai stroncato in MotoGP?

– Spero che non succeda in MotoGP. Inoltre in MotoGP non è così facile come lo è in Moto3, perché se sei lento in MotoGP non avanzerai a causa di errori, come succede in Moto3. È difficile avere una gara di squadra in MotoGP, ma la Superlicenza sarebbe una cosa intelligente da fare. Ci sono piloti che possono passare dalla Moto3 alla MotoGP, ma quelli che lottano in tutte le gare li aspettano.

-Grazie mille e buona fortuna.

-Grazie.