Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

MotoGP 2022: Bastianini: “Non faccio magie, lo hanno fatto Rossi, Lorenzo e Marquez”

Enea Bastianini È una delle scoperte della MotoGP. È stato Campione Moto2 nel 2020, ma non è noto al grande pubblico nonostante abbia lottato per andare nel team ufficiale Ducati. Lo chiamano il mostro, ma il suo carattere è completamente diverso.

Una domanda. Cominciamo dal suo nome: Enea. A noi spagnoli sembra strano, non riusciamo a trovare un equivalente.

Risposta. Prima non era molto popolare in Italia, ma recentemente ho sentito che alcuni bambini si chiamavano Enea.

D: Conosci una persona che si chiama come te?

R. Sì, lo so… uno. Ma ora ho sentito abbastanza.

D: Il tuo nome significa qualcosa?

R: Infatti deriva dal greco, da una divinità greca chiamata Enea.

D: In Spagna, l’Enea è una pianta, simile alle canne.

R. Ok, no. Il mio viene dal dio greco.

D: Quindi sei un eroe?

A: No, non l’ho fatto, ma lo era.

Non sono un fanatico della moto, amo la vita al di fuori di loro

P. Continuiamo con il suo cognome: Bastianini, che divenne il suo soprannome: La Bestia. Questo è lo stesso in spagnolo o italiano e più o meno lo stesso in inglese (“mostro”). Vederla dall’esterno, per la sua calma dentro o fuori le gare, però, trasmette qualcos’altro. C’è davvero un po’ di bestia in te?

R. Diciamo di sì, la cosa della Bestia viene da Bastianini, che nasceva da un meccanico della Moto3 che mi diceva “sembravi una bestia” perché si lasciava sempre andare e andava avanti. Ecco perché l’ha definita un mostro. Da allora, ho adorato il fatto che l’abbiano attaccato anche al mio cognome. Ma sono molto calmo.

L’obiettivo è per Bagnaia e Jorge Martn.. da rabbrividire

P. Qualche gara fa, la vostra squadra, Gresini, ha utilizzato una decorazione con lo slogan “Pace e Amore” (Pace e Amore), “Hippies”. Sembra fatto apposta per te.

READ  Biglietti per la nazionale di calcio argentina vs. Qualificazioni venezuelane sudamericane: storia, prezzi e come acquistare

A: L’ho amato così tanto che l’ho completamente distrutto.

P. Lo dico perché dà la sensazione che tu sia uno spirito libero, un po’ “hippie”. È solo un’impressione?

R. Sono molto calmo e non mi piace concentrarmi su una cosa che sto facendo. Ciò significa che non vedo l’ora di essere veloce e di correre, ma in realtà amo la vita al di fuori delle moto. Diciamo solo che non sono un fanatico della moto.

P. Si potrebbe anche dire che è dolce, per il modo in cui gestisce le gomme. Si può conservare meglio?

RS Sono quello che consuma il minor numero di frame. Ebbene, per niente, come al Sachsenring nel 2021, no. Sono speciale, sono strano. Ci sono gare che è molto necessario mantenere e non lo faccio molto spesso. Devo cambiare un po’ di dinamica. Ma, con il mio stile, in generale, sono quello che alla fine colpisce di più le gomme.

P. È un tratto importante che fa la differenza.

R: Sì, è difficile andare forte e tenere le gomme. Ho uno stile in cui guido molto con l’anteriore e scivolo meno con la ruota posteriore, ce la posso fare.

P. Inoltre, esce sempre da dietro e quindi devi forzare di più.

R. Sì, mi complico la vita. Devo renderlo più facile con me stesso.

Con i salti sul trampolino sarebbe arrivato alle Olimpiadi

P. Chi dovrebbe rabbrividire di più con la bestia o Jorge Martin o Bagnaya?

A: L’obiettivo è far tremare entrambi, ma sono dei corridori molto forti. Mi daranno anche problemi durante il torneo.

D: Ami i film di Harry Potter e hai persino chiamato un cane “Agrit”. Pensi di fare anche tu la magia?

R. Non credo. Spero di fare magie un giorno.

P. E pensi che qualcuno lo farebbe in MotoGP?

R. Sì, ci sono piloti che praticano la magia. Alcuni come Valentino (Rossi), Marc (Marquez), Lorenzo, che hanno fatto la storia di questo sport perché avevano altra marcia.

D: Prima delle moto, da bambino, facevo ginnastica e salti su un trampolino. Si è classificato secondo in Italia nel salto di categoria. Quanto lontano può saltare?

R: Non lo so. Era uno sport che amavo molto, ma non mi dedicavo al cento per cento. Mi piacevano di più le motociclette ed ero più coinvolto con le motociclette, ma penso che se mi fossi avvicinato a loro in modo diverso, se fossi stato più serio, probabilmente sarei stato alle Olimpiadi. Non so se avrei vinto, ma penso che l’avrei fatto. In effetti, ci sono molti che gareggiano con me nei giochi.

P. Forse, se mai vincessi un titolo MotoGP, puoi festeggiarlo con un salto?

R. Ebbene, a Valencia c’è un lago…

Q: Johann Zarko, quando ha vinto una gara, stava facendo una capriola all’indietro. Saresti in grado di farne uno?

R. Sì, certo.

D: E perché no?

R. Non sono mai stato in grado di farlo. Amo festeggiarlo ma in modo più sano.

S. Ripensando alla tua vita, sei nato e vissuto a Rimini, sei cresciuto vedendo ovunque le bandiere gialle di Valentino Rossi, ma sembri molto più vicino a Marco Simoncelli, che era anche lui di lì. Era come te a Gresini, il campione della borghesia… vero?

R. Marco è ancora con noi per molte persone. Mi è piaciuto molto guardare le sue gare e com’era: faceva ridere. E inoltre, viveva più vicino. Valentino abita in direzione di Psaro in Tavolia. Io invece essendo riminese ero più vicino a Riccione, più vicino a Coriano, dove viveva. Vedi sempre il numero “58” ovunque. Ora vivo a San Marino, perché la mia ragazza è di lì.

D: È vero che non hai mai partecipato a un ballo prima d’ora?

un. Giusto, non ancora. Amo anche la musica classica. Lo ascolto in inverno vorrei poter andare a un concerto.