Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Mostra “Ca’cao. L’albero segreto: il viaggio del cacao tra Messico e Italia”

Foto: (Ina)

Mostra K’gaw. L’albero segreto: il viaggio del cacao tra Messico e Italia, È venuto dallo scorso 4 novembre A Milano Un nuovo studio intorno a questa pianta che copre le radici del patrimonio mesoamericano e la sfida di un futuro più sostenibile.

La mostra è stata organizzata dal Ministero della Cultura del Governo del Messico, dall’Istituto Nazionale di Antropologia e Storia (INAH) e dalla Libera Università di Lingua e Comunicazione (IULM) di Milano. In mostra nella sala espositiva contemporanea, Spazio aperto, da quella casa studio, dove Sarà fino al 15 dicembre.

In precedenza era stato condotto un panel con la partecipazione dei professori-ricercatori IULM, Massimo De Giuseppe e Giuseppe Carrieri; Responsabile dell’Assemblea, Sergio Papalletta; La ricercatrice INAH, Clementina Patcock e l’Ambasciatrice Generale del Messico a Milano, Maria de Los Angeles Ariola Aguirre.

Lo ha affermato il segretario all’agricoltura e allo sviluppo rurale Victor Villalopos Arambula. Il cacao è una risorsa genetica vegetale di grande valore per le popolazioni della Mesoamerica, Perché lo consideravano Doni degli dei.

Foto: (Ina)
Foto: (Ina)

Oggi, il Messico è il paese con il maggior numero di cibi e bevande prodotti da questo seme, ha affermato. Ingrediente che dona aroma e gusto ineguagliabili a cioccolato, bosol, toxolate, girino, talpa e tamales, Tra gli altri.

Nelle comunità tribali del Messico sudorientale, Il cacao ha rilevanza culturale, ambientale e socio-economica E, coltivato sotto sistemi agroforestali e contribuisce all’obiettivo del paese Ricarbonatazione del suolo, Produce benessere per le famiglie di produttori e sviluppo regionale nelle regioni del cacao.

Villalobos Arambula, nella sua partecipazione virtuale, ha evidenziato la sua conoscenza della coltivazione del cacao e dell’espansione del cioccolato. Si è diffuso da una comunità all’altra e da una generazione all’altra fin dai tempi preispanici. Ad oggi, all’interno del Messico e tra regioni e paesi.

Foto: (Ina)
Foto: (Ina)

Ida Castillo Gonzalez, segretaria tecnica dell’istituto, a nome del direttore generale dell’INAH Diego Prieto Hernandez di Città del Messico, ha sottolineato che la mostra fa parte di un progetto di “ponti nascosti” tra diversità e imprese. La Storia del Cacao tra Messico e Italia”, co-autore Massimo de Giuseppe, Giuseppe Carrier e Clementina Patcock, a sua volta ai ricercatori dei Centri INAH di Ciabas, Tabasco e del Museo Nazionale Antropologico del Museo Nazionale Antropologico e Storico. .

READ  La Spagna inciampa contro l'Italia - AS.com

L’iniziativa è sostenuta anche dai contributi degli Archivi Pubblici Nazionali, dei Segretariati di Stato della Cultura e dell’Agricoltura in Chiapas e Tabasco, e del Memoriale Storico e Culturale dell’Integrazione Nazionale del Messico (Memorica).

È questo sforzo comune che ha permesso lo sviluppo di diversi tipi di ricerca e la presentazione dei loro risultati in diverse forme, una delle quali è la mostra K’gaw. L’albero segreto: il viaggio del cacao in Messico tra Messico e Italia, No Può essere gustato nel nostro paese entro un anno. La sede sarà il Museo Nazionale delle Culture del Mondo nel centro storico della capitale messicana novembre 2022.

Foto: (Ina)
Foto: (Ina)

Anche, in lontananza, l’ambasciatore italiano nel nostro Paese, Luigi de Sierra, ha sottolineato che questa mostra è un dialogo tra passato e presente, poiché il cacao era considerato il cibo degli dei dalle civiltà precolombiane, oggi. È una risorsa che richiede ancora un consumo responsabile, Condizioni di lavoro dignitose e metodi di produzione standard.

Pertanto, ha affermato, è stato un modo per riflettere le intenzioni delle Nazioni Unite attraverso le Convenzioni del 2021 (COP26) sull’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile e la Conferenza sui cambiamenti climatici a Glasgow, in Scozia.

Massimo de Giuseppe, correlatore, afferma che la storia del cacao è lo scopo della mostra.Fornisce un esempio del processo più ampio ed esplicito di “globalizzazione” (che si riferisce a “pensare globalmente e agire localmente””) Si integra in una transizione permanentemente sospesa tra regioni, viaggi, esperienze, dimensione locale e globale. Una storia che ha avuto nel tempo un profondo impatto sociale, culturale ed economico, e che tocca anche l’immaginario collettivo.

Foto: (Ina)
Foto: (Ina)

Un altro vantaggio del progetto di ricerca è il documentario, girato in Messico questa estate, diretto da Giuseppe Career, da alcuni studenti dell’università, che ha commentato: “Abbiamo registrato una cerimonia di apertura con la guida di sciamani. Abbiamo visto una radice eterna in esso, Ma il record non si avvicina mai all’azione, che non può essere descritta a parole”. Parti del film possono essere viste durante il montaggio all’aperto.

READ  Le regine dei Caraibi battono l'Italia 3-1; Hanno tre vittorie di fila

K’gaw. L’albero segreto L’italianizzazione dell’antica parola Maya sol kagav- espone L’importanza data a questa pianta dalle culture preispaniche non è solo per il suo valore nutritivo ma anche per il suo valore curativo, religioso ed economico., Per il suo frutto Usato come mezzo di scambio e tributo, Collegando così gli arcani del tempo e dello spazio mesoamericano: il mondo sotterraneo, il piano terreno e il soprannaturale. Un viaggio dalle tracce antiche, registrate tra le rovine e perduranti nei borghi Maya, Ma un viaggio nel futuro tra i laboratori di genetisti e biologi.

Il viaggio attraverso gli elementi della terra, i riti umani e il ciclo della vita, attraversando l’Oceano Atlantico, dal Messico all’Italia, passando per Modica, ha trovato più di 10mila chilometri per raggiungere il centro della città di Milano. Giuseppe Carrieri e il legislatore, Sergio Pappalettera.

Infine Clementina Batcock, ricercatrice presso la Direzione di Studi Storici dell’INAH, e Gabriela Pulido Lano, n.Eber Coco rappresentava un rituale importante per le civiltà mesoamericane, non la morte, E desiderava che la mostra includesse un viaggio di ritorno in Messico.

Continua a leggere: