Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Morales ha dimostrato il suo valore e dovrebbe affrontare un’altra sfida in Italia

Maxi Morales ha eccelso nella categoria esaltante di Kayak a Tetra de Chapelco, dove ha ottenuto il primo posto e ha vinto a titolo definitivo a Tetra de Chapelco. Foto per gentile concessione di Leo Casanova.

Il Chapelco Tetrathlon è senza dubbio uno degli eventi preferiti in una campagna straordinaria per Maxi Morales, che ha ottenuto la sua settima vittoria, sesta consecutiva. La 35a edizione di San Martín de los Andes, in cui non solo ha confermato la sua validità, ma è ad un ottimo livello nella sua corsa alla conquista del nuovo titolo mondiale a XTerra, giocato in Italia.

Non c’è dubbio che Morales stia cercando di mantenere la sua posizione perché sta affrontando grandi atleti. In molti casi sono più giovani e conferma di rimanere nei benchmark delle prove combinate, come ha dimostrato in XTerra Argentina e qualche giorno fa a Tetra de Chapelco, la sfida più seria del Sud America.

Sorprende la naturalezza con cui il corridore Morales commenta come si prepara ad ogni prova nella solitudine di Las Crutas Spa. Si è stabilito in mezzo alla pandemia di coronavirus per perseguire i suoi sogni di Coppa del Mondo Tetra di Chapelle e Xterra in Trentino, in Italia, ad ottobre, dove difenderà il titolo vinto alle Hawaii nel 2019.

Morales spiega ogni sua vittoria in modo naturale, come la vittoria di sabato scorso al Tetra de Chapelco. Ha sottolineato: “Non sono preoccupato di essere avanti nello sci perché non è la mia specialità. Sono entrato nella sezione mountain bike a circa sette minuti dai primi. Ho camminato selvaggiamente da 25 a un secondo quando ho raggiunto le rive del lago Lagar.

Ha aggiunto: “Sapevo che saremmo finiti nell’area del kayak. Non sono rimasto deluso quando hanno annunciato che l’area sarebbe stata ridotta a circa 2 km. Il lago era molto agitato e mi sono concentrato sulla pagaiata, e quando ho catturato Faku (da Romera, che era il leader), si è voltato. Vergognati per averci provato. Sono andato con cautela fino alla fine e ho affrontato la corsa, in una grande incognita per l’infortunio di qualche tempo fa, ma aspetta”.

READ  La Spagna merita il pareggio contro l'Italia

Maxey ha apprezzato il lavoro del suo meccanico, Rodrigo Ceballos, perché “prima del triathlon invernale ad Allen e Chapalgo, ha dedicato molto tempo al mio infortunio e mi ha permesso di adattarmi. È stato molto importante nella mia campagna.

Maxi è risalito al secondo posto nella categoria mountain bike dopo aver concluso 25° con gli sci, a pochi minuti dai primi.

Nonostante si sia goduto la sua vittoria a Chapelco, c’è stato poco tempo per i festeggiamenti mentre lavorava alla sua prossima sfida, che difenderà il suo titolo al Campionato del Mondo XTerra in Trentino, in Italia, il 1° ottobre. Diceva: “Parteciperò, è bruciando carte e prendendo prestiti, perché l’unico supporto che ho è il supporto di alcune società Roga. L’altro giorno, quando sono salito sul palco di Tetra, ​​​​ ​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​ ​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​ ​I dirigenti del Newquin mi hanno detto che era un peccato che non rappresentassi la provincia.

D- Com’è allenarsi in solitaria a Las Crutas e ci sono dei vantaggi dovuti ai risultati?
R- In inverno è difficile a causa del freddo e del vento. Ma remare nell’oceano, correre sulla sabbia e andare in bicicletta hanno molti vantaggi. Si è allenato quasi da solo, ma anche se mi sento a mio agio a Roga, mi sento privilegiato di essere in questo posto.

Morales rimase a Chapelco con sua moglie e parte della sua famiglia durante molte delle prove della sua campagna.

D- Come visualizzi gli esperimenti a cui parteciperai?
R- Ho iniziato a farlo senza saperlo, ho persino chiuso gli occhi e ho pensato a cosa avrei detto alla stampa. Successivamente è venuta alla luce la Programmazione Neuro Linguistica (PNL) che mi ha portato molti risultati. Ci sono momenti in cui le cose incrociano il mio cammino nel bel mezzo di una gara, Tetra mi aiuta, come è successo con la mountain bike e il kayak.