Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Monkeypox: 5 chiavi di trasmissione fornite da studi scientifici condotti sui pazienti

L’epidemia di vaiolo delle scimmie nel 2022 ha uno schema e sintomi diversi rispetto ai casi registrati in Africa dal 1970 / Archivio

A più di 34.000 persone è già stato diagnosticato il vaiolo delle scimmie, o vaiolo delle scimmie. In più di 90 paesi nel mondo dallo scorso maggio. Ora ci sono quattro scienziati pubblicati sull’epidemia che dimostrano che i sintomi e il modello di diffusione del virus che causa la malattia non sono simili a quelli osservati dal 1970 in poi nell’Africa occidentale e centrale. In quella regione del mondo, il virus del vaiolo delle scimmie ha causato focolai isolati e vecchi di decenni.

Secondo una serie di nuovi studi, sono state confermate le prime previsioni che il virus del vaiolo delle scimmie fosse trasmesso principalmente attraverso frequenti contatti pelle a pelle tra le persone. “Quando metti insieme tutti questi studi, vediamo che la presentazione clinica è simile ovunque, ma anche sorprendente”, Ha detto alla rivista temperare la natura Il dottor Oriol Mitja, ricercatore in malattie infettive presso l’ospedale universitario tedesco Trias i Pujol di Barcellona, ​​​​in Spagna, è coautore di uno dei recenti studi sulla rivista. bisturi. Casi di studio in Spagna sono stati pubblicati anche sulla rivista Eurosurveillance (vedi quaggiù) e un altro guidato da scienziati italiani in Malattie infettive delle lancette.

La rapida diffusione del virus ha spinto l’Organizzazione Mondiale della Sanità a emettere il suo massimo allarme per la salute pubblica il 23 luglio, dichiarando l’epidemia di vaiolo delle scimmie una “emergenza sanitaria pubblica di interesse internazionale”. Il 4 agosto anche il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, ha dichiarato il vaiolo un’emergenza di salute pubblica. Ecco alcuni indizi dagli studi per capire la situazione attuale:

A più di 34.000 persone è già stato diagnosticato il vaiolo delle scimmie, o vaiolo delle scimmie.  In più di 90 paesi nel mondo dallo scorso maggio / Reuters / Dadu Rovich / File
A più di 34.000 persone è già stato diagnosticato il vaiolo delle scimmie, o vaiolo delle scimmie. In più di 90 paesi nel mondo dallo scorso maggio / Reuters / Dadu Rovich / File

1- Il vaiolo si trasmette per contatto con la pelle durante il rapporto

Sebbene alcune donne e bambini siano stati infettati da maggio, la maggior parte dei casi finora riguarda uomini che hanno rapporti sessuali con uomini (MSM), in particolare quelli che hanno più partner sessuali o che hanno rapporti sessuali con persone sconosciute. Il virus potrebbe aver beneficiato Le reti sessuali della comunità MSM stanno proliferando attivamente, secondo il dottor Metja. Più il virus si diffonde, maggiori sono le possibilità che ha di infettare altri gruppi, compresi gli animali selvatici, che secondo gli scienziati potrebbero creare serbatoi virali che potrebbero infettare ripetutamente gli esseri umani.

«Il nostro studio – ha indicato il giornale ABC Cristina Galvan, MD, dermatologo presso l’ospedale universitario Mostoles di Madrid e co-autrice dello studio in bisturi– È stato riscontrato che i campioni di pelle sono più positivi e riflettono una maggiore abbondanza nel genoma virale rispetto ai campioni prelevati da altre regioni come la gola. Nel contesto del rapporto sessuale, aggiunge, «si verifica indubbiamente questo contatto intimo con la pelle o le mucose esterne della persona colpita. La reazione a catena della polimerasi (PCR) positiva per il virus del vaiolo delle scimmie è stata trovata nelle secrezioni vaginali e nello sperma, ma la sua capacità infettiva e, quindi, se può essere trasmessa attraverso questi fluidi non è stata ancora determinata. Per ora, ha detto, invece di dire che si tratta di un’infezione a trasmissione sessuale, “dovremmo dire che è un’infezione trasmessa durante i rapporti sessuali”.

Un esperto spagnolo ha detto, invece di affermare che si trattava di un'infezione a trasmissione sessuale,
Un esperto spagnolo ha detto, invece di affermare che si tratta di un’infezione a trasmissione sessuale, “dovremmo dire che è un’infezione trasmessa durante il contatto sessuale”. (Getty Images)

2. I sintomi sono spesso diversi dai focolai che si sono verificati in Africa negli anni precedenti

READ  Il CSJ ha approvato il controllo statale dell'autocoltivazione della cannabis per uso medico

Quando una persona ha il vaiolo delle scimmie, può avere sintomi simil-influenzali, linfonodi ingrossati e caratteristiche lesioni piene di liquido sulla pelle. Sebbene alcuni ricercatori abbiano suggerito che il virus del vaiolo delle scimmie può diffondersi attraverso goccioline respiratorie o particelle sospese nell’aria, come fa SARS-CoV-2, Mitja e colleghi riferiscono che i campioni prelevati quando a una persona vengono diagnosticate lesioni cutanee contengono una quantità significativamente maggiore di DNA virale rispetto a quelli della gola. Le lesioni sembrano essere relativamente “infestate da virus”Bogoma Titanji, un medico di malattie infettive presso la Emory University di Atlanta, in Georgia, che non è stato coinvolto nello studio, ha affermato in una dichiarazione. bisturi.

Nel primo caso di vaiolo delle scimmie diagnosticato in Argentina senza una storia di viaggio all’estero, il paziente presentava anche sintomi che non erano i sintomi classici descritti per la malattia. in conversazione con Infobae Uno dei medici e coautore del lavoro pubblicato sul Journal of Medicine (Buenos Aires), Maria Celia CuestaOggi può essere difficile diagnosticare il vaiolo perché è una nuova infezione nel paese e non tutti i pazienti hanno i sintomi tradizionali, ha affermato un membro della Società argentina delle malattie infettive. “Nel caso da noi segnalato, il paziente presentava un tipo di faringite con essudato, che non è stata segnalata frequentemente in altri paesi”ha commentato il dottor Cuesta.

In un altro studio, ricercatori provenienti da Regno Unito, Israele, Germania, Canada, Messico, Spagna, Svizzera, Italia, Belgio, Francia, Paesi Bassi e Danimarca, tra gli altri paesi, Ha pubblicato dati sui sintomi e sulla trasmissione di oltre 500 pazienti provenienti da 16 paesi. Il documento pubblicato sulla rivista Il New England Journal of Medicine (NEJM), lo ha avvertito Le singole lesioni cutanee genitali e quelle che colpiscono i palmi delle mani e le piante dei piedi possono facilmente portare a una diagnosi errata della sifilide. e altre malattie sessualmente trasmissibili, che a loro volta possono ritardare la loro individuazione. “Gli esperti hanno notato che l’identificazione di questi nuovi sintomi clinici dell’infezione da vaiolo delle scimmie aiuterebbe nella diagnosi futura e limiterebbe la diffusione dell’infezione. Poiché molti degli individui infetti nello studio sono risultati positivi per vaiolo delle scimmie. Ha presentato sintomi non caratteristici delle attuali definizioni mediche del vaiolo delle scimmie.

Brufoli sulla pelle, febbre e mal di gola possono essere sintomi di vaiolo delle scimmie / ARfile
Brufoli sulla pelle, febbre e mal di gola possono essere sintomi di vaiolo delle scimmie / ARfile

3- La trasmissione per via aerea del virus del vaiolo delle scimmie è ancora allo studio

READ  La nave da crociera di classe MSC ha molti vantaggi a bordo delle banchine di Barcellona

Diversi studi, tra cui lo studio Mitjà, mostrano che poche persone sviluppano la malattia da un familiare infetto con il quale non hanno avuto contatti sessuali. Questa scoperta, insieme ai dati sulla carica virale, suggerisce che le goccioline respiratorie e le particelle sospese nell’aria potrebbero non essere la principale via di trasmissione, ha affermato Titanji.

Non sono ancora disponibili dati dettagliati su come la carica virale di una persona cambia nel tempo, ha affermato la dott.ssa Jessica Gastman, medico di malattie infettive presso la Columbia University di New York. Sebbene Mitja e colleghi non abbiano rilevato molto DNA virale nei campioni raccolti dalla gola delle persone all’inizio dell’infezione, è possibile che se li avessero raccolti più tardi – o anche prima – i livelli virali sarebbero stati più alti, ha riconosciuto. .

Si sospetta anche che ci siano casi che non sono stati ancora diagnosticati. Non possiamo conoscere la percentuale di pazienti che sono rimasti non diagnosticati, o perché questa possibilità non è stata presa in considerazione o perché presentavano pochi sintomi.. Ma abbiamo studi in corso volti a rispondere a questa domanda, che è molto importante per controllare la diffusione della malattia”, ha detto Galvan.

Non sono ancora disponibili dati dettagliati su come la carica virale di una persona cambia nel tempo / Cdc
Non sono ancora disponibili dati dettagliati su come la carica virale di una persona cambia nel tempo / Cdc

4. Le autorità sanitarie devono migliorare la comunicazione sulla prevenzione del vaiolo

Dott.. Mutja e i suoi colleghi È stato riscontrato che nei soggetti esaminati, avere più lesioni alla bocca e alla gola era associato al sesso orale e che avere più lesioni dentro e intorno all’ano era associato al futuro sesso anale. Dati tutti questi risultati, Titanji ha dichiarato che è necessario I funzionari della sanità pubblica non si vergognano di parlare di sesso nelle loro linee guida e di essere in anticipo sui tipi di protezione disponibili.

Anche l’incertezza sulle lacune di conoscenza deve essere condivisa con la comunità. Non è ancora chiaro se il vaiolo delle scimmie sia trasmesso sessualmente in termini assoluti, cioè se viene trasmesso da persona a persona attraverso il sangue, lo sperma o altri fluidi corporei durante il rapporto sessuale.. Tuttavia, diversi studi hanno scoperto che il DNA del virus del vaiolo delle scimmie è presente nello sperma di una persona per settimane dopo l’infezione. Uno studio ha isolato il virus infettivo dal seme di un individuo sei giorni dopo l’insorgenza dei sintomi.

READ  Nuove notizie sulla salute di Isabel Macedo

Tenendo conto dei dati epidemiologici dei focolai in corso, «sembra che il sistema respiratorio non sia stato coinvolto in modo importante nella trasmissione. “Il numero di persone infette è già abbondante e i casi di trasmissione in circostanze diverse dal contatto sessuale sono quasi inesistenti”, ha affermato il dottor Galvan. Ma preferisce stare attento. “Nei casi di vaiolo delle scimmie classico, che ha colpito paesi endemici o in focolai limitati a paesi non endemici dopo un volo o altri attacchi di infezione sporadica, il virus può essere dimostrato nelle mucose respiratorie. Come con la sua rilevazione nei fluidi genitali e nella saliva , la ricerca già in corso è molto importante per determinare la sua capacità di trasmettere l’infezione”.

I funzionari della sanità pubblica dovrebbero discutere di genere nella loro guida ed essere chiari sui tipi di protezione disponibili.
I funzionari della sanità pubblica dovrebbero discutere di genere nella loro guida ed essere chiari sui tipi di protezione disponibili.

5. L’accesso al vaccino contro il vaiolo può essere limitato

Alcuni ricercatori sono già preoccupati che l’epidemia abbia superato il punto di contenimento, date le segnalazioni di scorte insufficienti di vaccini e trattamenti antivirali insostenibili, nonché di test insufficienti. I finanziamenti e la motivazione per studiare il vaiolo delle scimmie sono limitati rispetto a COVID-19, Il dottor Gustman ha avvertito.

Se studi futuri troveranno un virus infettivo nello sperma, sarà importante capire per quanto tempo può rimanere nei fluidi corporei. Virus come l’Ebola possono persistere nello sperma per mesi, se non anni, dopo l’infezione, il che ha complicato gli sforzi per prevenire le epidemie. Fino a quando i ricercatori non ne sapranno di più, l’Agenzia per la sicurezza sanitaria del Regno Unito raccomanda alle persone di continuare a usare i preservativi per otto settimane dopo l’infezione.

Continuare a leggere:

COVID-19 e vaiolo delle scimmie: quali sono le cinque differenze tra due emergenze sanitarie che devono affrontare il mondo
Monkeypox: con oltre 10.000 casi nelle Americhe, PAHO lavora per promuovere un accesso equo ai vaccini
Monkeypox: come evitare di stigmatizzare i pazienti in modo che quello che è successo con l’HIV non si ripeta