Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

miti, credenze e mezze verità; Da dove viene la nostra paura dei vampiri?

vampiri europei

Per questo motivo, le paure dei vampiri spesso coincidevano con epidemie di peste. Nel 2006, gli archeologi a Venezia, in Italia, hanno scoperto un teschio del XVI secolo che è stato sepolto tra gli appestati con un mattone in bocca. Forse il metodo di sepoltura in mattoni era quello di prevenire strige (Vampiri o streghe italiani) uscivano dalla tomba per mangiare le persone.

Non tutti i vampiri sono emersi fisicamente dalle loro tombe. nel nord della Germania, natchezher, o ‘mangiatori successivi’, rimasero a terra masticando i loro sudari. Ancora una volta, questa convinzione potrebbe avere qualcosa a che fare con il fluido purificatore, che potrebbe causare il cedimento o la lacerazione del sudario, creando l’illusione che il cadavere lo stia masticando.

Si ritiene che coloro che non si muovono causino problemi in superficie e siano anche più attivi durante le epidemie di peste. Nel trattato del 1679 Dei morti che masticanoaccusava il teologo protestante natchezher di danneggiare i loro parenti sopravvissuti attraverso operazioni segrete. Ha scritto che le persone potrebbero fermarli portando fuori il cadavere e riempiendogli la bocca di terra, forse un sasso e una moneta come buona misura. Il trattato stabiliva che senza la capacità di masticare, il cadavere sarebbe morto di fame.

Le storie di vampiri continuarono a prosperare nei paesi dell’Europa meridionale e orientale nel XVII e XVIII secolo, con grande dispiacere di alcuni leader. A metà del Settecento papa Benedetto XIV dichiarò che i vampiri “False fantasie dell’immaginazione umanaLa sovrana asburgica Maria Theresa condannò le credenze sui vampiri come “miti e frode”.

(Imparentato: La sanguinosa leggenda dell’omicida contessa d’Ungheria)

Tuttavia, gli sforzi contro i vampiri continuarono. E forse la cosa più sorprendente di tutte, una delle ultime grandi paure dei vampiri è arrivata nel New England del 19° secolo, due secoli dopo i famigerati Processi alle streghe di Salem.

READ  Alejandro Lanari: “Sono più attaccato alla medicina” - ex

Dal vecchio mondo al nuovo mondo

Nel 1892, la diciannovenne Mercy Brown di Exeter, Rhode Island, morì di tubercolosi, allora nota come tisi. Sua madre e sua sorella erano già morte e suo fratello Edwin era malato. I vicini preoccupati temevano che una delle donne brune recentemente decedute potesse ferire Edwin dalla tomba.

Quando la tomba di Mercy Brown è stata aperta, hanno trovato del sangue nella sua bocca e nel suo cuore e lo hanno considerato un segno di un vampiro (anche se non la chiamavano così). I vicini hanno bruciato il cuore di Mercy e hanno mescolato le ceneri in una pozione da far bere a Edwin, una tattica comune contro i vampiri. La dose aveva lo scopo di trattare; Invece, morì pochi mesi dopo.

Questo non è stato un incidente isolato. Folclorista e autore cibo per i mortiMichael Bell stima che ci siano 60 esempi conosciuti di rituali anti-vampiri nel New England del XVIII e XIX secolo e molti altri in altre parti del paese. Questo rituale era più comune nel Connecticut orientale e nel Rhode Island occidentale, dice Brian CarrollD., professore di storia alla Central Washington University che sta scrivendo un libro sull’argomento.

Carroll crede che questo rituale anti-vampiro sia stato “introdotto come procedura medica all’epoca della Rivoluzione americana” dai medici tedeschi che lavoravano per le forze di Hess. Per questo motivo, si ritiene che i vampiri nel New England dipendessero natchezher Tedesco. A differenza dei vampiri romani, i vampiri del New England sono rimasti nelle loro tombe, danneggiando i vivi con la “magia simpatica” a distanza, sostiene.

Tuttavia, Bell crede che le pratiche anti-vampiro del New England provenissero da diversi luoghi e che i presunti vampiri del New England fossero in realtà più simili ai vampiri romani che a quelli di Nachzehrer. Come i romani, dice, i cittadini del New England “cercavano sangue liquido negli organi vitali, non prove di sudari masticatori”. Il trattamento anti-vampiro di “strappare il cuore, ridurlo in cenere e dare cenere ai malati” era (ed è tuttora) praticato anche in Romania.

READ  Raphael in Technopolis: Com'è la mostra che restituisce lo spirito del genio del Rinascimento

(Imparentato: Vampiri a piede libero in Serbia)