Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Missione Starlink 4-2: i record di SpaceX continuano mentre una nuova minaccia emerge nel cielo notturno

Il 2022 passerà alla storia dei lanci orbitali poiché l’anno in cui il Falcon 9 di SpaceX ha finalmente battuto tutti i record di lancio e riutilizzo. E la cosa più meravigliosa, senza fallimenti (finora ovviamente). Oggi, 11 settembre 2022 alle 01:20 UTC, SpaceX ha lanciato la missione Starlink 4-2 dalla pendenza 39A al Kennedy Space Center. A bordo c’erano 34 satelliti Starlink e Blue Walker 3. La prima caratteristica di questa missione è stata che il primo stadio B1058 ha volato per la 14a volta e, ancora una volta, è stato recuperato con successo. Questo è il maggior numero di missioni svolte dalla prima fase di Falcon 9 fino ad oggi. Seguono le fasi B1051 e B1060, entrambe con 13 missioni alle spalle, B1061, con 10 lanci, e B1062, con 9 missioni. La fase B1058 ha completato queste 14 missioni in poco più di due anni, non dimentichiamo che ha debuttato a maggio 2020 nella missione con equipaggio DM-2 di Crew Dragon. D’altra parte, in questa missione, il secondo stadio ha effettuato cinque lanci, un altro nuovo record per SpaceX, per schierare i satelliti Starlink e BlueWalker 3 in orbite diverse (oltre al lancio finale per deorbitare lo stadio).

La missione Starlink 4-2 decolla dalla rampa KSC 39A mentre un altro Falcon 9 attende sulla rampa SLC-40 (SpaceX).

Finora quest’anno, SpaceX ha già lanciato 41 missioni Falcon 9, un numero sbalorditivo che supera tutte le altre agenzie spaziali e società private (nemmeno la Cina, la seconda potenza spaziale per missioni orbitali, ha lanciato finora molti razzi). , anche considerando le diverse versioni dei lanciatori di Lunga Marcia). Il numero è ancora più impressionante se si tiene conto che negli ultimi due anni SpaceX ha lanciato rispettivamente 31 e 24 Falcon 9… E non dimentichiamo che mancano ancora tre mesi e mezzo alla fine del 2022. Di quelli 41 missioni, 27 delle quali interamente dedicate o parzialmente per lanciare in orbita i satelliti Starlink. Questa missione è stata chiamata Starlink 4-2 come lo era per la classe –conchiglie– o Gruppo n. 4. I 34 satelliti in questo lancio consentiranno a 1.260 satelliti di operare in questo livello. Ricordiamo che la massiccia costellazione di Starlink avrà cinque strati con inclinazioni di 53°, 70° e 97,6°. Lo strato 4 è costituito da 1.584 satelliti ad un’altitudine di 540 km in orbite con un’inclinazione di 53,2 gradi, divisi in 72 diversi piani orbitali.

READ  Google TV integrerà centinaia di canali in streaming gratuiti
Un’altra foto del lancio (SpaceX).

Nel corso di quest’anno, Elon Musk ha lanciato nello spazio ben 1.349 Starlink 1.5. L’enorme costellazione di Starlink ha già in orbita più di tremila satelliti (!), di cui circa 2.500 in funzione (il resto lo sarà nei prossimi mesi). Sebbene ci siano molti progetti di mega torri in lavorazione, il vantaggio numerico di Starlink rispetto ai suoi concorrenti è semplicemente sorprendente. In questo blog abbiamo parlato più volte dell’impatto negativo che enormi costellazioni hanno sul cielo notturno, e questo particolare lancio ci ricorda che il pericolo non viene solo da SpaceX. Il motivo è che, insieme a 34 satelliti Starlink, BlueWalker 3, un satellite da 1,5 tonnellate della AST SpaceMobile in Texas (USA), è stato messo in orbita. Il BlueWalker 3 costa circa 85 milioni di dollari ed è un prototipo di una costellazione che AST SpaceMobile vuole implementare per le comunicazioni dirette con i telefoni cellulari. Per fare ciò, il satellite, che originariamente doveva essere lanciato con un razzo Soyuz, ha una grande antenna dispiegabile con un diametro di 10 metri e un’area di 64 metri quadrati. L’antenna è composta da 148 singole antenne suddivise in sezioni di 4 x 4 blocchi chiamati micron. Sebbene esistano satelliti per comunicazioni con antenne simili, la maggior parte di essi si trova a migliaia di chilometri di distanza, in orbita geostazionaria. Al contrario, BlueWalker 3 è stato posizionato in un’orbita con un’altitudine di circa 513 chilometri. Con un’antenna così grande, satelliti come BlueWalker 3 avranno una grande luminosità e promettono di diventare un nuovo incubo per gli astronomi dilettanti e professionisti.

READ  Il fantastico gioco di sopravvivenza gratuito per un tempo limitato su Steam
BlueWalker 3 è progettato per la comunicazione diretta con i telefoni cellulari (AST SpaceMobile).
La grande antenna di BlueWalker 3 (AST SpaceMobile).

Basandosi sull’esperienza BlueWalker 3, AST SpaceMobile prevede di schierare una costellazione operativa di satelliti con enormi antenne. Questi satelliti per comunicazioni si chiameranno BlueBirds e le prime cinque copie, che SpaceX lancerà il prossimo anno, avranno dimensioni simili al BlueWalker 3, mentre il resto sarà più grande (i numeri esatti non sono noti). Il gruppo finale sarà composto da 168 satelliti nella prima fase, con la possibilità di espandersi a 243 unità in un secondo momento. I satelliti saranno posizionati ad un’altitudine compresa tra 725 e 740 km, in orbite inclinate a 0°, 40° e 55°. AST SpaceMobile ha già firmato contratti con più di una dozzina di operatori telefonici in tutto il mondo per fornire i propri servizi. In ogni caso, è importante sottolineare che più alto è il satellite, maggiore è l’impatto globale sulle osservazioni astronomiche (e in termini di inquinamento dello spettro radio). Il motivo è che sebbene la loro luminosità sia inferiore quando sono più alti, trascorreranno più tempo a sorvolare la stessa area del cielo, quindi le possibilità di interferire con alcune osservazioni sono maggiori.

BW3 è più di una parabola satellitare (AST SpaceMobile).
Autobus centrale BlueWalker 3 (AST SpaceMobile).

L’impatto di una costellazione di satelliti con antenne così grandi sull’astronomia non è stato adeguatamente valutato, il che non sorprende dato che è stato solo con i primi lanci dei satelliti Starlink che la comunità di astronomi e radioastronomi ha iniziato a preoccuparsi delle enormi costellazioni . Bene, ora è il momento di preoccuparsi delle costellazioni di satelliti con grandi antenne. Come nel caso di Starlink, il problema non si limita a questa nuova costellazione di AST SpaceMobile, poiché molte aziende stanno progettando torri simili per la comunicazione diretta con i dispositivi mobili. Se enormi costellazioni sono davvero un mal di testa, cosa accadrà al cielo notturno quando avremo centinaia o migliaia di satelliti dotati di enormi antenne?

READ  Jashin-chan Dropkick mostra i suoi "emozionanti" guadagni su YouTube - Kudasai
La missione Starlink 4-2 (SpaceX) decolla.