Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Mirino teso tra Cynthia Fernandez e socialite: “Sono felice di mostrare la mia coda”

Cynthia Fernandez ha criticato il leader del Polo Obrero

Mentre venivano mostrate le foto di una manifestazione a 9 Julio Street, Edoardo Peleboneil leader del Polo Obrero, intervistato da momento d (Altris) la nuova serie guidata da Fabien Dumann. Come spesso accade con questi programmi, l’attenzione si è concentrata sulla riduzione del traffico e non sulle affermazioni avanzate.

Fu uno dei primi ad alzare la voce Cinzia Fernandez, che ha affermato che ogni volta che deve andare a lavorare nel canale (situato nel quartiere di Constitución), è difficile da raggiungere a causa degli scioperi che si verificano quotidianamente, secondo lei. “I poliziotti hanno steso un tappeto rosso quasi per farti camminare.. L’oratore ha gridato, e sfortunatamente il leader sociale è stato portato fuori dagli schemi.

“È scandaloso. No, no, ‘tappeto rosso’ no. Ci hanno appena soppresso nelle missioni, quindi non dire sciocchezze. A meno che tu non voglia che succeda quello che è successo con Kosteki e Santillán. Non dire cose che non lo sono‘, ha risposto Pelebone Riferendosi all’omicidio Della seduta di polizia, avvenuta nel giugno 2002. A quel punto, Fernandez si è messa nel ruolo umiliante: “Non alzi la voce, signore, sta parlando con una donna. Non lo rispetti, tu può parlare rispettosamente, signore.”

“Non mi rispetti perché dici che ho un tappeto rosso con la polizia. Ho subito molta repressione da parte della polizia, ho ferite e per di più mentono, perché ci sono corsie libere”, ha insistito il detenuto . Lì, il docente ha cercato di portare la questione nell’ombra: “Di solito si tratta di memorie che vanno ai comizi e con il microfono per chiedere e la gente non sa nemmeno cosa chiedere: “No, vado perché mi pagano 12 Luca”… e ci esce tutto dalle tasche‘ ripeté, in tono arrabbiato.

“La polizia ha quasi messo un tappeto rosso su cui camminare”, ha detto Cynthia Fernandez, una delle leader del Polo Obrero.

“Molte persone hanno paura della telecamera. Molte persone dicono quello che pensano. Ma ci sono anche molti giornalisti che dicono qualcosa quando mettono un microfono davanti a loro e tuttavia non mi lamento. Quel che è certo è che qui ci sono colleghi che hanno delle necessità. Devi vedere i bisogni dietro di esso e non una dichiarazione circostanzialedisse Bibiloni.

READ  All'asta le foto del matrimonio di Maria Felix e Jorge Negret

Fernandez ha continuato: “Ci rovinano la vita, dobbiamo venire al lavoro e per di più li paghiamo”.Avere sit-in ogni giorno, che non sempre contattiamo, significa che c’è conflitto sociale. Questo è ciò di cui dobbiamo parlare‘ rispose il leader, che fu metodicamente interrotto dalla commissione. Anche Gabriel Schultz fece un passo avanti e fino all’ironia:Quanti sit-up hai fatto e cosa hai preso? Il metodo non funziona“.

"Eduardo Peliboni ha detto:
Eduardo Peliboni diceva: “I diritti si conquistano nelle strade e nei combattimenti”.

“Se non ci fossero stati sit-in, movimenti e scioperi nella storia degli ultimi 50 anni, non avresti un solo diritto se non fosse stato per le persone che sono venute a protestare.I diritti di strada sono stati invasi, combattendodisse Belloni.

Infine, Doman ha voluto attenuare la discussione e ha chiesto al leader se alla prossima manifestazione “possono lasciare libere le corsie del metrobus, così in caso di emergenza passerebbero almeno gli autobus o un’ambulanza”. Cinzia lo interruppe:Se ce la faccio, me ne vado con il filo interdentale nel bel mezzo dello spettacolo. Ti giuro che ce la faccio, ehdetto malizioso.

Rispettiamo le donne e non vogliamo che tu lo faccia‘, questo è ciò che Pelebone le ha detto, ottenendo la risposta al 100% di Cynthia:Sono felice di mostrare la coda, eh. Mi rispetto, sono libero. Lo amo… inoltre il mio culetto è divinoFernandez stai zitto.

Continuare a leggere: