Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Migliaia di indigeni rinchiusi nel centro di Quito il nono giorno di proteste in Ecuador | La polizia ha represso i manifestanti con i gas lacrimogeni.

Migliaia di indigeni hanno bloccato le strade principali di Quito martedì e sono stati dispersi dalla polizia con gas lacrimogeni Nono giorno di protesteLe forze armate hanno promesso di difendere la democrazia da quella che considera una “grave minaccia”. Fu chiamato dalla forte unione delle nazionalità indigene (cosmico), i manifestanti chiedono il governo di Guillermo Lasso Ridurre il prezzo del carburante e dei beni di prima necessità. Martedì, Laso ha accettato di sedersi per parlare con i rappresentanti di Konequindi ci si aspetta una risposta dal movimento indigeno. Le proteste hanno finora provocato la morte di una persona e il ferimento di 61 manifestanti.Secondo le organizzazioni per i diritti umani.

Repressione e stato di emergenza

“Metti giù le armi, siamo persone di pace.”Alcuni degli oltre 5.000 indigeni che sono arrivati ​​a Quito in una carovana hanno cantato lunedì. Un folto gruppo che si è scontrato con la polizia ha lasciato la propria residenza presso l’Università Salesiana e ha cercato di raggiungere la Casa della Cultura Ecuadoriana (CCE), che le forze di sicurezza hanno occupato in mezzo alla strada. Lo stato di eccezione che governa sei delle 24 province del Paese, tra cui Pichincha, di cui Quito è la capitale.

Per fermare la loro avanzata, la polizia antisommossa ha sparato lacrimogeni contro i manifestanti lacrimogeni e poi si è raggruppata.

La Procura della Repubblica ha condannato l’attacco alla sua sedeE che metta “in un luogo sicuro le informazioni sensibili sulle questioni che sta portando avanti”, mentre invia “un pubblico appello alla pace e al rispetto della legge”. cosmicoIl che ha portato a proteste a cui si sono unite più di 50 organizzazioni e hanno respinto ciò che è successo e Ha sottolineato che coloro che hanno perpetrato l’attacco non facevano parte delle organizzazioni indigene.

READ  Vicepresidente della Colombia nella Commissione interamericana per i diritti umani: "Se vuoi venire, nessun problema".

In altre parti della città, ci sono state così tante chiusure stradali che la Quito Metropolitan Public Transport Corporation è stata costretta a sospendere i servizi “finché le condizioni stradali non saranno diventate favorevoli”.

Le ragioni di questo sciopero sono dovute, indefinitamente, ai prezzi elevati delle forniture di base, alla fragilità degli ospedali pubblici, ai prezzi elevati dei carburanti, alla mancanza di prestiti per favorire la produzione, all’interesse per il settore agricolo e alla privatizzazione dei aziende. , tra le altre cose.

“Le cose (input, fertilizzanti) sono aumentate troppo per noi piccoli agricoltori e la nostra resa non è aumentata affatto”Egli ha detto Tito Zamora, un aborigeno del villaggio di Sigchos nel Cotopaxi. Zamora ha spiegato che mentre un litro di latte viene venduto per $ 1 in Ecuador, ricevono 0,35 centesimi per lo stesso importo.

reazione del governo

Il ministro della Difesa ecuadoriano Luis Lara ha affermato martedì che la democrazia è in “grave pericolo”.Poche ore dopo che il presidente Lasso ha dichiarato lo stato di emergenza in sei contee con l’obiettivo di togliere il movimento indigeno dalle strade. “È un tentativo deliberato di usare la violenza per minare la democrazia e minacciare le istituzioni. “Le forze armate non permetteranno un tentativo di violazione dell’ordine costituzionale o qualsiasi azione contro la democrazia o la legge”, ha detto Lara, accompagnata dal personale dell’esercito.

Il presidente Guillermo Laso martedì ha accettato il dialogo proposto da Kony Ha confermato di essere in attesa di risposta. Il presidente di destra ha indicato che “al di là dei suoi migliori preparativi” e del suo governo, è pronto a partecipare a un processo di dialogo “franco e rispettoso” tra Kony e il resto delle organizzazioni della società civile “che desiderano unirsi a Hezbollah” e quindi essere in grado di “cercare soluzioni per ciascuno dei bisogni legittimi delle famiglie ecuadoriane”.

READ  Anthony Blinken ha avvertito che qualsiasi incursione russa in Ucraina avrebbe portato a una reazione degli Stati Uniti

Avviso AI

Intanto, Amnesty International ha avvertito il presidente Lasso che la repressione delle proteste da parte della polizia “sta causando una crisi dei diritti umani che ricorda la crisi dell’ottobre 2019”.. Il rapporto di Amnesty International afferma che durante la repressione delle proteste del 2019, “organizzazioni per i diritti umani in Ecuador e Amnesty International hanno documentato simili violazioni dei diritti umani, che rimangono impunite”.

Amnesty International Direttore delle Americhe, Erika Guevara RosasE il Il presidente Lasso ha esortato “a desistere dal stigmatizzare e reprimere coloro che esercitano il loro diritto alla protesta pacifica”. Ha chiesto che le informazioni riguardanti le persone ferite e detenute fossero rese pubbliche, nonché le accuse a loro carico. “Il presidente deve porre fine alla repressione e affrontare le cause strutturali delle proteste, compreso l’affrontare la crisi economica e l’impatto delle sue politiche sui diritti delle persone più colpite dalla pandemia”, ha affermato Guevara Rosas.

Dal 14 giugno registra la Coalizione per i diritti umani in Ecuador 79 arresti, 55 feriti, 39 episodi di violazione dei diritti umani come l’uso eccessivo della forzae arresti arbitrari di manifestanti, attacchi a giornalisti e intimidazioni alle organizzazioni della società civile. Lunedì, lo stesso gruppo ecuadoriano per i diritti umani ha denunciato la prima morte in mezzo alla protesta, avvenuta quando un’unità di polizia ha tentato di fermare un gruppo di manifestanti che cercavano di entrare a Quito dalla provincia settentrionale di Imbabura.