Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Micron ha avviato la transizione da pandemia a endemica?

“In questo momento di pandemia dove convivono passato, presente e futuro”, concordano gli esperti (Efe)

“Il coronavirus non scomparirà, diventerà endemico e sarà come l’influenza”. Più parole, meno parole, è ciò che gli specialisti hanno chiarito dall’inizio della pandemia ogni volta che qualcuno chiede loro del futuro del virus che ha fermato il mondo.

Per endemicità, spiegano gli esperti, significa che il virus continuerà a circolare in parti della popolazione mondiale per anni, ma la sua diffusione e il suo impatto diminuiranno a livelli relativamente gestibili, quindi finirà molto più come l’influenza che come una malattia che si ferma. lo scienziato.

Per classificare una malattia infettiva come endemica, il tasso di infezione deve essersi più o meno stabilizzato nel corso degli anni, piuttosto che mostrare picchi significativi e inaspettati come ha fatto il COVID-19 in quei due anni. “Una malattia è endemica se il numero di riproduzioni è costante a uno”, ha spiegato Eleanor Murray, epidemiologo dell’Università di Boston. “Ciò significa che una persona infetta, in media, infetta un’altra persona”.

Quello a cui si riferisce lo specialista è R0, un indicatore utilizzato per stimare quante persone ha una persona infetta e, secondo chi lo sa, “non ci siamo neanche lontanamente vicini in questo momento”. La variante altamente contagiosa di Omicron mostra che ogni persona infetta infetta più di una persona, per cui i casi sono in aumento in tutto il mondo.

La variante Omicron provoca sintomi più lievi, ma tuttavia, per molti specialisti, non è possibile parlare della fine dell'epidemia a causa della diffusione dell'infezione
La variante Omicron provoca sintomi più lievi, ma tuttavia, per molti specialisti, non è possibile parlare della fine dell’epidemia a causa della diffusione dell’infezione

Ernesto Resnick è uno scienziato, biologo molecolare, immunologo e biotecnologo residente in Minnesota, negli Stati Uniti, che ha spiegato a Infobae: “In questo momento di pandemia in cui passato, presente e futuro coesistono: un’ondata di infezioni, varianti e vaccini che funzionano e Il COVID è all’orizzonte. Ma non siamo né nel passato né nel futuro. Il presente è complesso ma pieno di speranza”.

READ  La Cina ha rinchiuso una città di quattro milioni di persone con 39 casi di Corona virus

per lui, “Anche se oggi può non sembrare, grazie ai vaccini, che la fase endemica sia in corso, e la fase in cui esisterà il virus, ci saranno infezioni, ma non ci stravolgerà la vita”.

Sulla stessa linea, Jeronimo Cello, un virologo della Stony Brook State University di New York, ha affermato che il virus diventa endemico quando la sua circolazione inizia a diminuire e i sintomi sono più lievi. “Diventeremo endemici, perché abbiamo un vaccino e ci sono molte infezioni che generano un’immunità naturaleCiò ridurrà la trasmissione, l’ospedalizzazione e la mortalità. Ma il virus continuerà a diffondersi. Se si guarda storicamente, molte epidemie di virus respiratori iniziano con un’elevata letalità, si incrociano e finiscono con la diffusione epidemica, alcune delle quali sono epidemie”.

A questo punto, Resnick crede che “questo improvviso aumento del numero di infezioni andrà via”. “Penso che nel 2022 passeremo in modo più sicuro da una pandemia all’altra. Ha previsto che nel 2023 inizieremo a tornare alla vita normale”.

Stiamo andando verso una malattia endemica e il virus non scomparirà, rimarrà tale e ci ammaleremo. Ma sarà una malattia lieve. Ha insistito sul fatto che con queste varianti altamente contagiose, praticamente tutti saranno infettati, sicuramente ad un certo punto della loro vita nei prossimi due anni, ma la malattia sarà molto più mite. Lo abbiamo visto con il raffreddore. Lo stiamo facendo. Ci saranno antivirali, che sarà una soluzione migliore. Lavoreremo per ridurre la diffusione del virus in cui troveremo il virus ogni tanto ogni anno, non come è ora che sei fuori e il virus è lì. Finché il virus non entra nella nostra circolazione e diventiamo più sereni, sappiamo già cosa fare è ventilare bene gli ambienti chiusi. E naturalmente vaccinazione, vaccinazione e vaccinazione. Questo è ciò che ci manterrà in salute in questa ondata”.

Il virus diventa endemico quando non è più attivo (Reuters)
Il virus diventa endemico quando non è più attivo (Reuters)

Se Omicron guidi l’endemismo nel futuro, o potrebbe accelerare il percorso verso l’endemismo infettando così tante popolazioni così rapidamente che uno strato di immunità naturale si sviluppa più rapidamente, ha affermato la virologa dell’Università del Saskatchewan Angela Rasmussen, “questa è la domanda da un milione di dollari”. Davvero.” Disse l’esperto, a chi “In generale, un virus diventa endemico quando esperti sanitari, agenzie governative e pubblico decidono collettivamente di accettare il livello di impatto del virus; in altre parole, non costituisce più una crisi attiva”.

READ  Il referendum in Uruguay: cosa si vota domenica, cos'è la LUC e cosa dicono i suoi articoli | Introdotta la controversa legge del governo di Lakal Po per governare le urne

lei ha, Con l’ascesa di Micron in questo momento e molti governi che reimpongono di conseguenza precauzioni più rigorose, è chiaro che il mondo è ancora in uno stato di crisi. “Ma molto dipende dall’onere che imporrà al sistema sanitario”, ha detto Rasmussen. Sarà diverso da una comunità all’altra”.

E mentre a questo punto, per molti, l’aumento dei casi causato dalla nuova variante, seppur spesso lieve, potrebbe portare a un collasso del sistema sanitario, per altri ci sono alcuni dati incoraggianti da considerare. Per Joshua Michaud, direttore associato per la politica sanitaria globale presso la Kaiser Family Foundation, “L’enorme numero di infezioni aumenta l’immunità a livello di popolazione. Ciò sarà cruciale in termini di silenziamento delle ondate future”.

Continuare a leggere