Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

“Mi è piaciuto, non è andato storto”

Poco meno di due settimane al suo settantesimo compleanno, Charlie Garcia Ha ricevuto consensi emotivi nello show televisivo il petto E tramite una telefonata, è andato in onda per ringraziare il tributo ed esprimere quanto gli sia piaciuto.

“Stavo guardando lo spettacolo e mi è piaciuto molto. Le canzoni sono venute molto bene. Niente è andato storto‘, ha evidenziato un repertorio rock nazionale in una conversazione dal vivo con il direttore d’orchestra Ji Mamoon.

Lungi dal vedere lo spettacolo passivamente, il musicista ha detto che, comodamente da casa sua, suonava usando la tastiera le canzoni che venivano suonate dall’America’s Television Studio: “Guardavo la TV dal letto e Con la tastiera al mio fianco, ad accompagnarti“.

Di fronte al suo compleanno, invece, il 23 ottobre, ha detto: “Sono incinta, perché i compleanni sono sempre rari. E qualcosa succederà, sta già iniziando a succedere con il programma, ma So che mi onoreranno“.

“Ti amiamo, Charlie. È un onore parlare con te”, J ha salutato gli applausi che hanno travolto lo spettacolo.

Sotto la guida di Leto Vitali, che si trovava davanti al pianoforte, al tributo hanno partecipato diversi artisti che hanno lasciato un’impronta nella vita di Charlie: Hilda Lizarazu che ha sostenuto il canto nella compagnia del musicista tra il 1989 e il 1993; Fernando SamaliaBatterista storico. e Rosario OrtegaScelto da Charlie nel 2011 come cantante della sua band The Prostitution.

Erano presenti anche loro Leo Garcia e Benito Ceratiche ha suonato “Vampiro” con Charly in Siempre es hoy, il 4 novembre 2014, due mesi dopo la morte del padre,

READ  Libri vs. E-book: gli spagnoli scelgono i libri fisici

La prima canzone che è suonata è statagratta le pietre”, pubblicato nel 1973 sull’album Confesiones de Invierno di Farida, il suo primo gruppo a cui ha partecipato Neto Maestro.

Più tardi, Jey si unì al pianoforte e lanciò Lizarazu”Sto cercando un simbolo di pace, dall’album Parte de la Religión (1987), il quarto della sua carriera da solista.

Hanno anche spiegato Altri classici Come promesse su un bidet, non vado in treno vado in aereo, Confessioni invernali, Seminario, non sono un estraneo e continuano a picchiarci.

Oltre alla musica, c’era anche un posto per aneddoti. Da parte sua, Benito ha raccontato quello che Charlie gli aveva detto un decennio prima, quando si era tinto di rosso: “Il giorno in cui mi sono tinto, sono andato a trovarlo a Colonia, e mi ha detto ‘Cosa ti sei fatto?'” “Mi sono tagliato i capelli, li ho lasciati colorare e li ho visti di nuovo. Mi ha anche detto: ‘Cosa ti sei fatto?'”

Nel frattempo, Leo Garcia ha raccontato uno dei suoi regali di Natale che una volta gli ha fatto: “Era al Gran Rex, dove Charlie come sempre ha creato uno spettacolo che doveva essere ascoltato con le cuffie. Poi l’ho chiamato, e lui mi ha risposto e ha detto: “Sono a casa, entra. E sono andato e gli ho fatto un regalo che era un giocattolo del mago Merlino perché per me è come un mago, un oggetto di un’altra galassia”.

Inoltre, ricorda un incontro tra loro qualche anno fa: “Prima dell’epidemia, passeggiavo a Palermo, ero molto emo, persuasivo, e mi gridavano: ‘Leo! E vedo Charlie camminare e ha detto: “Hai visto come ti ho conosciuto?” Hai cambiato la mia anima, avevo poca energia e quando mi ha guardato negli occhi e ha sorriso, tutte le cose belle mi sono venute in mente”.

READ  Il podcast è anche per l'estate (ed ecco alcuni consigli)

DB