Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Matias Alinovi vince il Premio Internazionale Abelardo Castillo per il Racconto | A proposito di Heidegger

Hanno vinto tre scrittori argentini Premio Internazionale Abelardo Castillo per il racconto breveOrganizzato dalla rivista essere un culto. Alla prima edizione del concorso Sono state presentate 3.064 storie da 27 paesi. Matthias Elinove Ha vinto il primo premioHa guadagnato 150.000 pesos e ha lavorato per l’artista Fernando García Corten con Heidegger. Il secondo premio è andato a “Father’s Animals” diretto da Juan Revol di Córdoba, che riceverà 80.000 pesos. Il terzo è stato vinto da Maximo Huerta, che riceverà 50.000 pesos con la frase “la rosa che portiamo dentro”.. La giuria era composta dal cubano Leonardo Padura, dallo scrittore argentino Sebastian Basualdo e dalla giornalista ed editore cubano-argentina Claribel Terry Morell, direttrice della rivista.

La giuria della prima edizione ha inoltre deciso di assegnare sei referenze a “El atropello” di Rina Ruffy. “Las Barrosas” di Juliana Gualbari; “Salvo” Marcello Petrola; “Ossetto” di Melina Ruiz-Natalie; – “Il Kroll deragliato” di Marcos Alberto Martinez; Poesia Laika venezuelana Gabriel Bayarische vive a Buenos Aires; e “La Bestia” del cileno Raul Molina Otarola. La maggior parte delle storie presentate al premio sono di attualità, senza un luogo o un paese riconoscibile; Appaiono temi come la solitudine, la crudeltà, l’abbandono, la morte e “alcune storie ottimistiche”. Un altro dettaglio importante è che molti scrittori maschi hanno partecipato sotto pseudonimi femminili.

La competizione letteraria è sempre il grido di battaglia di messaggi e domande; Terry Morell, direttore, ha dichiarato: Sii un culto. Ecco perché quando abbiamo deciso con Antonio Perabant ed Esteban de Joury, altri assistenti alla regia, di fare la chiamata nel primo anno di essere un culto E nei momenti più difficili di una pandemia, abbiamo imparato che la condivisione può essere meravigliosa». Ci sono solo due risposte. Primo: non ha senso. La seconda è proprio quella che oggi non sembra fuori moda: il senso della letteratura è immaginare un significato per il mondo, e quindi per lo scrittore che lo scrive».

READ  Con una svolta storica, la Corte Suprema degli Stati Uniti ha ribaltato la tutela del diritto all'aborto

I direttori e la giuria della rivista hanno onorato il sostegno di Silvia Ibarraguere, scrittrice e collega Abelardo Castillo, che sarà presente alla cerimonia di premiazione e di apprezzamento, che si terrà giovedì 11 novembre alle 18 in pubblico. Biblioteca Stazione Giardino. Alla cerimonia di premiazione sarà annunciata la data della Maratona Internazionale di Lettura Abelardo Castillo, un’idea di Homage Group, ideata dalla rivista, in cui lettori di tutto il mondo leggeranno le opere dell’autore Altre porte e racconti crudeliTra gli altri libri di storia.

Nello stesso anno ha vinto il secondo premio al National Endowment Arts Competition con racconti Il paradosso dei gemelli, Alinovi (Buenos Aires, 1972), laureato in scienze fisiche presso l’Università di Buenos Aires, afferma che è “una grande gioia” vincere la prima edizione di questo concorso. “Abelardo Castillo è un classico della letteratura argentina. Non c’è nessuno che non ricordi il viaggio da nessuna parte all’inizio assetato-Questo è un decadimento del microfono a lunga distanza nebbioso. Chi lo evoca lo fa come un’esperienza che riconosce, anche se non la vive, negli schemi alterati della coscienza, nello smarrimento dei sensi, nell’affondamento della nave del senso. La scena è una grande vertigine. Cioè una scena in cui Castillo non fa riferimento al mal di mare, ma piuttosto al mal di mare, si chiede l’autore dei romanzi carne alla griglia (Alfaguara) e Parigi e odio (Entropy), che ha anche pubblicato un libro per bambini Il segreto di Borges (giornale redattore).

“Heidegger”, il pluripremiato racconto, “non ha nulla a che fare con” il filosofo tedesco, predisse Alinovi. “Quest’anno ho letto i libri del filosofo argentino Nestor Cordero, che ha fatto una rilettura straordinaria della poesia di Parmenide. Cordero non simpatizza con Heidegger e, quando può, lo critica. In alcuni passaggi dice che Heidegger di solito non vede cose al loro posto per cercarle dove non sono. Ho preso la frase come una possibile iscrizione aneddotica, credendo che Heidegger potesse essere il nome di un cane. Un cane che non vede le cose dove sono e le cerca dove si trovano non sono.”

READ  Un cane ha passato 13 ore sdraiato su un alpinista ferito per tenerlo al caldo e salvargli la vita