Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Massa nominò il nuovo Controllore dell’Autorità per l’Energia Elettrica, posto occupato dalla difficile Kirchnery

Massa con Martello

Ministro dell’Economia Serge MassaSet confermato Walter Martello In qualità di osservatore dell’Autorità nazionale di regolamentazione dell’energia elettrica (ENRE), un posto che è stato finora occupato dal kirchnerismo intransigente.

Lo ha fatto ritwittando lo stesso Martello, che pochi minuti prima aveva postato un thread sul social network per anticipare la sua data.

“Sono stato chiamato dal ministro dell’Economia, SergioMassa, a ricoprire l’incarico di revisore dei conti di ENRE, l’ente che controlla il servizio elettrico. Sono consapevole del momento difficile che stiamo attraversando e dell’importanza di garantire la trasparenza azioni delle aziende”, ha affermato Martello.

“Utilizzeremo gli strumenti che la normativa ci fornisce e faremo tutti gli sforzi personali e collettivi per andare verso un servizio di alta qualità, con una centralizzazione negli utenti e non negli utili aziendali. Non esiteremo ad andare in tribunale se la situazione lo chiede”. Segui Martello.

Il nuovo osservatore ha previsto la sua posizione sugli operatori privati ​​del settore al suo terzo posto. “Le aziende devono capire che non è possibile andare verso tariffe del primo mondo con i servizi del terzo mondo. Per noi la controversia sull’incoerenza degli interessi è già stata risolta dal giudice sin dalla sentenza del tribunale nel caso Cepis”.

Si richiama quindi alla decisione dell’Alta Corte di giustizia in cui si afferma che, a seguito di una causa di tutela promossa dal Centro Studi per la Promozione dell’Uguaglianza e della Solidarietà (Cepis), l’aumento inizialmente disposto dal Governo era stato annullato. Maurizio Macri Nel 2016, per non aver preventivamente tenuto un’audizione pubblica a garanzia del “diritto costituzionale alla partecipazione degli utenti”. Contrariamente a allora, sostiene ora il governo, le udienze pubbliche adesso non sono necessarie perché l’aumento delle bollette da settembre non sarebbe dovuto a un aumento dei prezzi ma a un “ritiro dei sussidi”.

Ritwittato da Massa dal thread tramite il social network che ha diffuso il suo messaggio di scelta per rilevare ENRE
Ritwittato da Massa dal thread tramite il social network che ha diffuso il suo messaggio di scelta per rilevare ENRE

Ciò che Guzmán non poteva

READ  L'impatto della pandemia e della guerra: l'economia

Martello sostituirà Soledad Mana’in, Che ha risposto all’ex sottosegretario al ministero dell’Energia elettricaFederico Basaldoun funzionario che ha risposto direttamente al vicepresidente Cristina Fernandez de Kirchner e Patria Institute e fu una vera pietra nella scarpa durante l’amministrazione ministeriale di Martin Guzman, che tentò – inutilmente, nonostante l’iniziale sostegno dell’allora Capo di Stato Maggiore, Santiago CafieroE lo stesso presidente Alberto FernandezÈ stato sfollato a causa della sua opposizione all’aumento dei prezzi e del suo ritardo nel rispondere alla progettazione di uno schema di frammentazione come ordinato dal ministro in tal senso.

Ad oggi, Martillo ha servito come Vice Difensore civico generale della Provincia di Buenos Aires, dove è stato responsabile dell’Osservatorio sull’infanzia e l’adolescenza del Difensore civico di Buenos Aires e capo dell’Osservatorio per le dipendenze e i consumi problematici, sempre presso il livello provinciale. Il nuovo membro della squadra economica di Massa è stato per diversi mandati consigliere del partito di Esteban Echeverria a Buenos Aires, ed è diventato il vicepresidente di quella legislatura.

Da Carrillo a Massa

Martello è stato un denunciatore sistematico dell'industria dei giochi nella provincia di Buenos Aires EFE / José Jácome / File
Martello è stato un denunciatore sistematico dell’industria dei giochi nella provincia di Buenos Aires EFE / José Jácome / File

In seguito fu eletto deputato regionale della Coalizione Civica, partito da lui fondatoS Elisa CarioE il Ha ricoperto seggi nella legislatura di Buenos Aires tra il 2003 e il 2011. Da lì, è stato un convinto oppositore dell’industria dei giochi della provincia e in particolare dell’allora governatore, Daniel Sheoli.

Martello, ad esempio, ha denunciato che le slot machine in Argentina muovono molti più soldi di quanto non facessero in altre parti del mondo, e in uno studio ha identificato, Sulla base dei bilanci globali di Cirsa e Codere, due società spagnole e i maggiori operatori dell’industria dei giochi argentina, le entrate nel primo trimestre del 2009 sono state generate dalle operazioni di gioco d’azzardo. 93,4 milioni di euro in Argentina contro 44,7 milioni di euro in Spagna. “Qui guadagnano molto di più di quanto guadagnano dalle loro operazioni in Spagna o in Italia, e molto più di quanto guadagnano in Messico, nonostante abbiano più macchine lì”, ha sottolineato. Ha anche pubblicato un libro sull’argomento.

READ  Panorama - Le aziende spagnole non hanno rispettato l'accordo di Parigi e si stanno avvicinando a 2,7°C di riscaldamento globale

Infine, Martello si è unito al fronte del rinnovamento. Il suo passaggio al Partito di Al-Massa ha una certa somiglianza con l’allora Rappresentante Nazionale di più alto livello Adrian Perez Che nel 2013 ha sostenuto e aderito al Massa Renewal Front e viene espulso dal partito Carrillo.

Continuare a leggere: