Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Martino ha risposto alle critiche: “Non c’è bisogno di parlare di dimissioni”.

La situazione della nazionale messicana ha sollevato diverse domande da parte dei tifosi e c’è più di una persona che non è contenta di Tata Martino. Hanno perso l’ultima partita di qualificazione CONCACAF contro gli Stati Uniti e c’è gente che chiede all’allenatore di andarsene. Tuttavia, l’argentino è stato forte e ha rivendicato la sua continuità.

Guarda anche


Questo venerdì, a Cincinnati, quelli guidati da Greg Berhalter hanno vinto 2-0 e velocemente sui social L’hashtag #FueraTata è stato installato per chiedere la sostituzione della dirigenza della prima squadra. Fino a quel giorno, mentre Martino teneva la conferenza stampa post partita, più di una persona gli urlava: “Vattene, Tata!” e “Idiota!”

Guarda anche

Perché il Messico dovrebbe aspettare otto anni per giocare di nuovo con gli Stati Uniti?

Nonostante le critiche, si difese con fermezza e rispose: “Questa è la prima partita che abbiamo perso nei gironi di qualificazione, la squadra è ancora nelle prime posizioni, e ha perso il vantaggio solo per la differenza reti. Bisogna analizzare quella sconfitta e nient’altro, non c’è motivo di parlare rassegnandomi e portando questo all’estremo, non sono andato agli estremi, mai, né quando si tratta di vincere né quando si tratta di perdere”.

Guarda anche

Mappa di tutte le qualificazioni: ci sono già undici teste di serie per il Qatar 2022

Il problema è che, sebbene la nazionale messicana sia al secondo posto nella classifica in vista del Qatar 2022, È il primo allenatore a perdere tre partite ufficiali consecutive contro la Nazionale a stelle e strisce.

“È stata una sconfitta dolorosa, sì, ma non possiamo credere che la fine del mondo stia arrivando per aver perso la nostra prima partita, dobbiamo rialzarci e adattarci. Non possiamo credere che dopo sette partite e una sola sconfitta abbiamo sono in fondo al gioco dell’abisso.Ha osservato in una conferenza stampa.

READ  Il campione del mondo con il Boca ha chiesto a Gallardo della nazionale e ha detto perché ha detto no a un suggerimento di Riquelme

Ha anche analizzato l’impatto delle critiche sulla stampa e ha ammesso di evitare di concentrarsi su ciò che i media evidenziano. “Non te lo posso dire perché non so tutto quello che viene detto, lo ripeterò, mi occupo della squadra, le espressioni mediatiche sono sotto la tua responsabilità e sei tu che le trasmetti al pubblico. Posso Non lavorare in attesa di quello che si può dire, guidati dalle risposte dei calciatori”.

Guarda anche

Argentina: vicino al biglietto e sarà testa di serie ai Mondiali

I numeri contro gli Stati Uniti non sono stati buoni quest’anno e da giugno non è riuscito a mantenere una vittoria. A quel tempo ha perso la finale della CONCACAF Nations League 3-2. Poi ad agosto è caduto 1-0 nella finale della Gold Cup, e venerdì scorso la squadra statunitense lo ha battuto di nuovo, ora 2-0, lungo la strada. al Qatar 2022.

Nonostante la competizione con gli Stati Uniti, la nazionale messicana ha un altro obiettivo questo martedì: il Canada. Ad Edmonton affronteranno il terzo classificato e l’argentino Deti sa quanto sia importante mantenere i tre punti.E ha concluso: “È trascendentale battere il Canada per evitare di subire due sconfitte consecutive, ed è per questo che è così importante vincere questa partita per restarci”.