Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Mario Tragi: una riforma che racconta 30 anni di storia politica in Italia | Internazionale

La politica italiana ha fatto della giustizia una figura chiave negli ultimi 30 anni. Il dibattito sul potere che provoca, la velocità dei processi, la severità delle sanzioni e il suo controllo sulla classe politica e sulla corruzione ha guadagnato importanza negli ultimi decenni. Dalla Liga Norde a Silvio Berlusconi, dal Movimento 5 Stelle. L’Italia è quindi divisa in due divisioni un po’ assurde: la magistratura ei mandati. Nessuno è ancora riuscito a mettersi d’accordo con tutte le parti su come affrontare la questione. Amministratore di Mario TracyTuttavia, si prepara ad avviare una grande riforma che toccherà temi importanti come la criminalizzazione, la drastica riduzione delle pene detentive o l’eccessivo potere dell’Alto Consiglio dei Magistrati (CSM).

Questa riforma è stata un’urgente necessità dell’UE nell’ultimo decennio, che ora è diventata inevitabile come condizione per fornire finanziamenti al programma di recupero. A Bruxelles il periodo della giustizia è particolarmente preoccupante. I ricorsi di secondo grado hanno una media di 851 giorni (media europea 155) e secondo i dati del 2019 i backlink sono 260.946. Il termine per il ricorso in secondo grado è stato esteso a 1.038 giorni, secondo i dati del capo della Suprema Corte italiana (terzo grado), Pietro Curcio. Tutti questi sono presi di mira dal ministro della Giustizia Marta Cordobia e dovrebbero essere snelliti con più procedure e procedure più semplici. Ma, soprattutto, con l’elemento chiave che spiega la politica degli ultimi 30 anni: il dibattito sulla medicina.

Ulteriori informazioni

La riforma ora prevede che il periodo per il quale un imputato è “improprio” sarà più breve. Questa è la bandiera dei cosiddetti garanti e politici come Berlusconi hanno sempre sentito con interesse che sono riusciti a sottrarsi alle loro accuse ritardando i tempi dei processi. I cosiddetti giudici rappresentati dal M5S, ma anche un gran numero di magistrati antimafia, vogliono che la maggioranza dei reati non raggiunga mai quelle droghe e promettono di fare la guerra in parlamento per cambiare quel punto. Tuttavia, la guerra iniziò molto prima.

READ  Italia: La mossa renderà gestibili dipendenti pubblici e privati ​​dal 15 ottobre, quando sarà obbligatorio il pass sanitario per andare al lavoro.

Il 17 febbraio 1992, il magistrato Antonio de Pietro ha chiesto un mandato di cattura per Mario Sisa, un importante uomo d’affari e membro del Partito Socialista Italiano. Iniziò così un grande processo giudiziario contro la corruzione della classe politica nota come classe Mani E ha rimosso l’intera struttura di potere della vecchia democrazia cristiana e ha aperto la porta a tutti gli eventi politici successivi. Il problema era che il magistrato attestava il suo immenso potere e indipendenza e tutte le guerre politiche dei decenni successivi diventavano l’asse rivelato. Il magistrato Gerardo Colombo ha istruito il caso. “Sarebbe vantaggioso se la riforma attuasse tutte le previsioni. In tal modo si accelererebbe il procedimento penale, aspetto tecnico che avrebbe conseguenze politiche”, sottolinea.

L’Italia è un Paese fondato sulla base del primato della giustizia. A differenza di altri stati come la Francia o la Spagna, la politica deve sempre tener conto di questo fatto. Questo ha molto a che fare con la vecchia inerzia della Guerra Fredda e con i partiti e la pubblica amministrazione per dare poco potere al parlamento. Ma il peso della magistratura è enorme, e grazie all’aquilone conquistato dopo anni di lotta al terrorismo o alla mafia. Era un periodo in cui 21 giudici venivano assassinati e la credibilità della politica stava diminuendo. Sono infatti sfuggiti al processo alcuni vertici del Consiglio dei ministri: Prodi, Renzi, Bettino Croce, Berlusconi o Giulio Androtti.

Tuttavia, Colombo ritiene che la parte più importante della riforma sia ridurre le carceri a strumento di punizione. “Le multe dovrebbero essere rieducazione, non vendetta. La riforma va su questa linea. Ciò riduce particolarmente la fertilità della prigione. Se ciò accadesse davvero, la prigione sarebbe ancora lì”. Un’idea condivisa dall’ex magistrato e professore Luciano Violande. “La cosa più importante è che cambi il rapporto tra il cittadino e lo Stato. Il governo nel processo penale ha determinato quanto tempo dovrebbe essere in prigione e come dovrebbe essere separato dalla società. Qui il punto di vista è cambiato: la prigione è l’ultima risorsa. La funzione del giudice è quella di ricostruire il rapporto tra il condannato e la comunità. Il processo vale per i minorenni e ora si fa nella giustizia penale per gli adulti”, precisa.

READ  La Spagna affronta USA e Italia prima di Natale

Molti giudici, tuttavia, ora credono che la velocità con cui suggeriscono alcuni reati, in particolare la finanza e la corruzione, sia un salasso per i criminali. Roberto Scorpinado, Giudice Storico dei Processi Antimafia Pierre Shanti Matterella (presidente dell’Asinado siciliano per Cosa Nostra nel 1980), Generale Carlo Alberto Dalla Sisa (leader del Palermo, assassinato da Cosa Nostra nel 1982) O che lo Stato sarebbe in trattativa con la mafia, sottolineando che “la questione della riforma penale in Italia è al centro di un dissidio politico trentennale”. “Si tratta di un dibattito acceso, a volte ha provocato quasi una crisi di governo. Non accadrà in nessun altro Paese. Per capirlo, bisogna ricordare che la Procura Generale in Italia è indipendente dal potere politico. Istituzione Italiano: Senatori, dirigenti dei servizi segreti, primi ministri… così la reazione violenta di una parte della classe dirigente contro il magistrato e le riforme da essi introdotte rendono molto più difficile il procedimento penale. L’hanno estesa e, nello stesso tempo, ridotta la legge dei limiti per i reati. Per questo in Italia si stanno estirpando molti reati, soprattutto la corruzione e l’economia”, afferma.

La soluzione? Scorpinato non ha dubbi. Elimina tutte le riforme che hanno reso più complicato il processo penale, fallo in fretta, e accantona l’incriminazione per reati gravi. “Guarda, questa non è una questione tecnica legale, ma una questione politica”. Il problema di spiegare 30 anni di storia.