Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Maria Fox compie cento anni e ci sarà una festa all’aperto | Pioniere della danzaterapia moderna in Argentina

Coreografia pionieristica e danza moderna in Argentina, danzatrice, coreografa e insegnante Maria Fox compie 100 anni Questa domenica ci sarà una celebrazione all’aperto aperta alla comunità. Saranno le 11 all’ingresso della sua casa e studio di danza, al Callao 289, all’incirca all’angolo di Sarmiento. Gli insegnanti del centro dirigeranno un ballo di gruppo improvvisato, coinvolgendo gli studenti e chiunque desideri partecipare e godersi un movimento che trascende l’età e le limitazioni fisiche o emotive. Tale è lo spirito della celebrazione, in sintonia con l’idea che questa artista, figlia di immigrati ebrei russi, pratichi la danza e che sia stata ripresa alla maniera di Maria Fo. In questo quadro, la danza è uno strumento universalmente accessibile per lo sviluppo personale e creativo e il contributo al benessere delle persone, con l’integrazione e l’inclusione psicologica, fisica e sociale come hub centrali. La diversità è più che benvenuta!

“Maria sta molto bene: non prende nemmeno un farmaco, cammina, si muove e va anche a scuola quando ne ha voglia. Balla un po’ e resta un po’ e poi se ne va. Non è il responsabile dello studio, ma vivendo nello stesso spazio, la sua presenza respira”, dice Pagina 12 Sua nipote Irene Ashiro è una cantante. E aggiunge: “Maria sarà presente dal balcone del secondo piano: a causa della pandemia siamo costretti a limitare i contatti. Fanny Mandelbaum sarà la conduttrice, e io canterò “No One Will Leave” di Noel Shagres, perché Maria l’eredità vivrà. Poi arriva il ballo di gruppo e Maria va a spegnere le candeline”. Abbiamo il permesso dal governo della città di interrompere Callao per un breve periodo, circa 45 minuti, ma per una causa che ne vale la pena”.

READ  Pieni di rabbia, questi sono i segni che ne evidenziano la violenza

Aschero è un insegnante di canto presso il centro fondato dalla nonna, dove si insegna una formazione triennale in coreoterapia, si seguono lezioni di coreoterapia, ci sono corsi per ragazzi e ragazze e si sviluppano varie attività culturali. Il vantaggio principale è che studenti di età diverse e con abilità e limitazioni diverse convivono in classi e spettacoli. Il focus è sull’incontro e il movimento alla portata di tutti, ognuno con i propri mezzi.
Maria Fox è nata a Buenos Aires, è cresciuta nel quartiere di Caballetto e Ha iniziato a ballare spontaneamente all’età di cinque anni, alle feste di compleanno. All’età di 13 anni, ha iniziato a prendere lezioni di danza classica con la ballerina russa Ekaterina de Galanta, con sede a Buenos Aires. Ben presto, influenzata dalla lettura della biografa americana Isadora Duncan, considerata da molti l’innovatrice della danza moderna, inizia a ricercare una forma di comunicazione non verbale attraverso il corpo, associata all’emozione e alla teatralità.

All’età di 31 anni ha vinto una borsa di studio e ha continuato per un anno a prendere lezioni alla Martha Graham School di New York. Quando tornò a Buenos Aires, nei primi anni ’50, le difficoltà della figlia di un amico sordomuto la spinsero a iniziare a sviluppare la danzaterapia per bambini, adulti e persone con disabilità. Per questo la sua concezione dell’arte del movimento va oltre le performance e la perfezione tecnica: “La danza è nell’umano, in ogni uomo della strada e va scoperta e condivisa. Non balliamo per compiacere, ma per essere noi stessi, per poter essere creativi, esprimerci e dare agli altri, dall’inizio e per sempre”, sottolinea.

Come ballerina e coreografa, ha girato gran parte dell’Argentina esibendosi su palcoscenici come Teatro Colon (dove ha ballato a piedi nudi negli anni ’50), San Martin, Cervantes e Teatro del Pueblo. Lo ha fatto anche in luoghi inaspettati per questo sistema, come le miniere Zapla, Quitilipi e Charata, nel nord del paese e nel Chaco. Ha iniziato a esibirsi quando prevaleva il balletto e la danza moderna era uno stile poco conosciuto, aprendo nuove possibilità espressive, non sempre ben accolte.

READ  È così che il "Califfato" è riuscito a segnare in tre importanti ville italiane

È stata la prima ballerina argentina e la seconda ballerina non classica, dopo Isadora Duncan, a ballare nei teatri di Mosca nel 1955. Ha tenuto corsi, conferenze e seminari di formazione nel paese e all’estero, e il suo metodo si è ampliato in altre città del paese , America ed Europa. Ha pubblicato nove libri, ricevendo riconoscimenti sia a livello nazionale (illustre cittadino della Città Autonoma di Buenos Aires, premio alla carriera artistica dal National Endowment for the Arts), sia all’estero (come un diploma UNESCO per il suo lavoro di insegnamento e il riconoscimento per sua carriera alle Nazioni Unite).

Il Festival della Danza Contemporanea di Buenos Aires gli ha dedicato un tributo molto emozionante nel 2010 nella sala principale del Centro Culturale 25 de Mayo. Comprendeva una danza dal vivo dell’artista stessa, una ballerina solista del ballerino e insegnante Andrea Fernandez, che lavora anche sull’inclusione attraverso la danza; Presentava un videoclip del documentarista Pablo Tesoriri con un viaggio visivo attraverso la vita e il lavoro di Maria Fox. Il prossimo incontro con questa figura imprescindibile della danza argentina sarà domenica: un bel modo per iniziare il nuovo anno.