Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Marc Sevet: “Miglior partita del Real Saragozza nel baseball”

Il giocatore di baseball Mark Sevitt.

Qual è la differenza tra le competizioni in Spagna, Italia e Stati Uniti?

– È molto curioso, perché in Spagna ho giocato pochissimo, solo otto partite. In Italia ho avuto la fortuna di partecipare molto e ho finito per essere un campione. L’America è un’altra storia. La differenza principale è il livello e la presenza degli alieni. I campionati in Europa, ad esempio, vengono salvati dalla presenza di giocatori latini, che ne alzano la qualità. Senza di loro, molto probabilmente, non sarebbe possibile continuare a giocare.

La rete di riviste negli Stati Uniti è quasi incomprensibile.

Ci sono molti tornei e tutti sono di alto livello. Sono nel cosiddetto non veterano, che è superato da altre quattro competizioni. L’anno scorso sono stato nel dominicano, ma sono riuscito a salire in questa categoria. Il mio obiettivo è continuare a crescere e raggiungere il livello più alto possibile.

Sei contento dei tuoi tre anni ai Campionati Nordamericani?

– Il primo anno è stato complicato, ma ero tranquillo perché sapevo di avere un contratto sicuro per un altro anno. Con la pausa della quarantena sono andato in Italia per continuare a giocare. Sono contento dei progressi e credo che continueranno a contare su di me, in modo che io possa continuare a crescere e ad avanzare nei campionati.

– È l’unico spagnolo nelle competizioni americane. La prendi come una responsabilità?

C’è un altro ragazzo nella Lega Dominicana, ma negli Stati Uniti sono solo. Tra i miei motivi c’è quello di mostrare la qualità dei giocatori spagnoli e di insegnare in Spagna che ho uno standard elevato e che merito di entrare in nazionale. Non mi piace mettermi più pressione e non ne ho bisogno.

READ  Ramirez, l'ultimo interesse comune del Boca e del fiume

– Come valuti lo stato del baseball in Spagna?

– In questi due anni non so se l’epidemia non sia cresciuta nulla. Penso che il buon lavoro sia ancora in corso e fino a pochi anni fa il livello in Spagna era molto buono. Ci auguriamo che la situazione che prevaleva da tempo si riprenda e che i giocatori lontani possano tornare ad aiutare lo sport a continuare a crescere.

– E tra un sacco di baseball, si innamora del Real Saragozza.

– Il mio patrigno è di Saragozza e ci ha parlato della squadra, ma non molto. Sono andato una volta alla Romareda, mi sono divertito molto ma non ho lasciato la Spagna fino a quando il feeling con la squadra non è cresciuto. Quello che provo ora è incredibile.

– Fino a che punto arriva questa follia di squadra?

– Ho iniziato in una partita contro il Lorca ed era una partita poco importante ma lo stadio era pieno. Questo è ciò che mi distingue. Ho sul braccio la sagoma di un tatuaggio Pilar con la scritta “Mille bandiere sventoleranno” e sulle costole “Nobiltà e coraggio”. È qualcosa che sento e sono molto orgoglioso di tutto questo.

Baseball o Real Saragozza?

Non guardo il baseball, mi annoia, mi piace solo giocarci, preferisco Saragozza, che è la mia passione. È una sensazione completamente diversa. Penso che questo succeda a molti atleti, che trascorrono così tante ore con il nostro sport che ne siamo stanchi. Sarò sempre con il Real Saragozza, attento a tutto ciò che faccio e spero che la promozione possa finalmente essere raggiunta.

READ  Medaglie e risultati in tempo reale. Messico, Colombia, ecc.