Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

“Manteniamo la tradizione del laissez-faire”

Mentre gli Stati Uniti, l’Unione Europea e diversi paesi della regione hanno condannato Le elezioni presidenziali di lunedì in Nicaragua sono state “illegali” per violazione delle garanzie democratiche, il governo Alberto Fernandez e Christina Kirchner Inserito all’ultimo minuto Una tiepida dichiarazione che evita il rifiuto Per rieleggere il dittatore Daniel Ortega come capo di Nicaragua.

Casa Rosada è stata meticolosamente attenta a non interrogare Ortega, osservando che “entro poche ore dalla fine della legge elettorale, Manteniamo la nostra tradizione diplomatica di non ingerenza negli affari interni di altri paesi”.. Qualcosa che non è stato rispettato nelle situazioni di conflitto vissute da paesi come Cile e Colombia, e le possibilità che i governi di Sebastian Pinera e Ivan Duque siano stati chiamati in causa rispettivamente.

La nota rilasciata dal Ministero degli Affari Esteri incaricato affermava: Santiago Cafiero.

Il presidente del Nicaragua Daniel Ortega ha vinto un’elezione controversa. Foto EFE

Palacio San Martin è a malapena Pratica un po’ di ansia Ha ribadito la sua “preoccupazione per l’arresto dei leader dell’opposizione” e “la necessità che il governo del Nicaragua garantisca il rispetto dei diritti umani di tutta la popolazione”. La preoccupazione non è la stessa cosa del ripudio o della condanna.

“In Argentina comprendiamo che democrazia significa rispetto per la diversità ideologica e partecipazione civica illimitata. Dobbiamo accompagnare il popolo del Nicaragua affinché possa ripristinare il dialogo e la convivenza democratica il più rapidamente possibile”, ha concluso la dichiarazione del ministero degli Esteri.

La polemica non è nuova. Il mese scorso, il governo argentino Astenuto dal voto sulla risoluzione dell’OAS Insistere affinché il Nicaragua rilasci i candidati presidenziali ei prigionieri politici, chiedere che avvii riforme elettorali ed esprimere preoccupazione per il deterioramento della situazione dei diritti politici nel paese. La decisione è stata approvata da 26 paesi. Altri sette paesi, tra cui Messico, Guatemala e Argentina, si sono astenuti.

READ  Corona Virus: il Paraguay supera il numero di morti per milione...

Le fonti ufficiali della Farnesina hanno approfondito l’interpretazione della posizione argentina di fronte al regime di Daniel Ortega.

Oltre a continuare la politica di “non interferenza”, hanno sottolineato che il Paese “Non taglia i legami con il Nicaragua”. Afferma anche la sua condanna del “blocco fisico e finanziario, che non fa che esacerbare le sofferenze della sua gente”.

rifiuto globale

Mentre l’Argentina ha dimostrato questa posizione, gli Stati Uniti e l’Unione Europea sono stati clamorosi nel loro rifiuto delle elezioni irregolari in Nicaragua.

È stato uno dei primi a parlare Joe Biden. “Non sono andati Né libero né giustoHa detto delle elezioni presidenziali che ha corso Lo chiamava “mormorio”.

Nelle sue dichiarazioni pubblicate dai portavoce della Casa Bianca, il presidente degli Stati Uniti ha fatto riferimento alla “reclusione di circa 40 esponenti dell’opposizione”, all'”assedio” dei partiti politici e alla chiusura dei “media indipendenti” da parte del regime di Ortega.

Da parte sua, l’Unione Europea ha sottolineato che le elezioni “completano la trasformazione del Nicaragua in uno stato”. regime autoritario“.

Nicolas Maduro con Daniel Ortega nel 2013. AFP Photo

Nicolas Maduro con Daniel Ortega nel 2013. AFP Photo

Dall’altro lato Vennero piazzati Venezuela, Cuba, Bolivia e Russia.

“La pace ha trionfato in Nicaragua! Il popolo del Nicaragua ha dato al mondo una potente lezione di democrazia. In onore della loro eroica eredità sandinista, che, con il voto, ha assegnato una vittoria massiccia all’#FSLN. Viva i Sandino! Viva il Nicaragua! Lunga vita al Nicaragua! vivi il Nicaragua! Comandante Daniel!” Nicolas Maduro, Nella festosa serie di tweet.

Era un po’ più conciso il comunicato rilasciato dal governo Bolivia. Hanno detto: “Il Ministero degli Affari Esteri saluta il fraterno popolo nicaraguense per la loro partecipazione democratica e fa appello al processo elettorale”.

READ  Vaccinazione contro il COVID-19: solo il 22% della popolazione mondiale ha ricevuto almeno una dose

Allo stesso modo è stato espresso Cuba. “Congratulazioni al popolo del Nicaragua, Daniel Ortega e Rosario Murillo (vicepresidente e moglie di Ortega) per il risultato elettorale”, ha detto il presidente. Miguel Diaz-Canel e Twitter.

Nel frattempo, la Russia è arrivata al crocevia delle questioni poste dagli Stati Uniti. Ha detto quelle critiche “inaccettabile”.

Irregolare e senza sorprese

Secondo i risultati ufficiali, Ortega è stato rieletto per la terza volta in Nicaragua tra le denunce di persecuzione dei leader dell’opposizione.

Il presidente ha vinto con il 75,92% dei voti, davanti a Walter Espinosa che ha ricevuto il 14,15%. Altri quattro partiti hanno giocato un ruolo marginale, con tra il 3,3% e l’1,7% dei voti.

Un risultato che non ha ricevuto sorprese alla luce delle manovre del regime.

Sette leader dell’opposizione sono stati arrestati Prima delle elezioni, sono stati esclusi dalla possibilità di competere con Ortega.

Christiana Chamorro Barrios, giornalista e figlia dell’ex presidente Violetta Barrios de Chamorro, è emersa come la principale candidata alla presidenza. Tuttavia, a maggio il governo ha aperto un’inchiesta sulle accuse di riciclaggio di denaro. A giugno era agli arresti domiciliari.

Arrestati, tra gli altri, anche Juan Sebastian Chamorro, Miguel Mora e Arturo Cruz Sequera.

DS