Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Manifattura Bulgari: il più grande stabilimento di produzione di gioielli d’Europa | Paese settimanale

All’inizio dell’Ottocento il maestro Francesco Caramura ebbe un’intuizione. Formatosi nell’arte orafa praticata fin dall’antichità a Foggera, nella natia Pavia, decise di recarsi a Valenza, paese di contadini dell’alessandrino, nel nord Italia. Lì stabilirà il proprio laboratorio di produzione, dal quale passerà ai futuri discepoli il nobile commercio dei metalli. Furono così poste le basi per quello che presto sarebbe stato considerato il centro dell’oreficeria in Europa. Oggi la regione di Valenza comprende otto comuni specializzati nella produzione di alta gioielleria e oreficeria, ed è la regione con un’alta concentrazione di orafi italiani e aziende legate al lustro. Fatto in Italia che sostiene il lavoro lento e meticoloso degli artigiani di fronte ai tempi frenetici della produzione industriale. Alla periferia della città, si distingue dal resto l’insegna di una fabbrica. Sono le lettere d’oro che annunciano l’ingresso della Manifattura Bulgari, simbolo del lusso italiano sin dalla sua creazione nel 1884. “Volevamo che la memoria dell’estetica Bulgari fosse presente da un punto di vista contemporaneo. Pochi minuti prima di visitare le sue strutture, Mauro Di Roberto, Direttore del Distretto della Gioielleria dell’Azienda, spiega Mauro Di Roberto, Direttore del Distretto della Gioielleria dell’Azienda, che si tratta di un’industria unica che trasmette l’essenza del mondo Bulgari, tra eredità e futuro.

Area della fusione a cera persa – un procedimento scultoreo per ottenere forme metalliche – presso la Manifattura Bulgari di Valenza.Vicens Giménez (© Vicens Giménez)

Con una superficie totale di 15.000 metri quadrati, l’eredità di Caramora è evidente in ogni angolo di questo stabilimento produttivo aperto nel 2017. Il suo design, dello studio di architettura Open Project, è composto da due edifici con stili diversi e ben collegati ciascuno. Il complesso più massiccio, tra i nuovi edifici, ospita i locali di produzione sotto una copertura metallica priva di barriere visibili contro la natura. Si compone di tre piani distribuiti intorno a una corte interna di circa 600 mq, una sfida architettonica che garantisce l’illuminazione naturale in ogni postazione di lavoro. Il secondo edificio, completamente restaurato e ampliato con una nuova ala vetrata, è un simbolo della città. È Cascina dell’Orefice, il podere che Caramora acquistò nel 1860 come residenza e luogo di lavoro, che ha goduto di fama internazionale. Ci sono anche riferimenti alla sua bottega sulle mappe di Napoleone. “Questo è un luogo storico. I primi gioielli sono stati prodotti qui, quindi ci è sembrato molto vantaggioso progettare la fabbrica in questo luogo”, nota Mauro Di Roberto. La fama e l’operato di Caramura, che fece di Valenza la capitale mondiale dell’oro, non sollevarlo dai debiti.Il casale fu messo in vendita dopo la sua morte Acquistato da un suo luogotenente, Piero Canti.Due secoli dopo, nelle mani dell’Impero Bulgari e come emblema del gruppo LVMH a cui appartiene l’azienda italiana , la stessa energia che Caramura ha trasmesso ai suoi studenti è ancora viva nelle viscere della più grande fabbrica di gioielli d’Europa.

Selezione del materiale.
Selezione del materiale.Vicens Giménez (© Vicens Giménez)

Lasciata l’area storica, adibita ad uffici e sale riunioni e composta da elementi comuni ai suoi negozi nel mondo (griglie geometriche, marmi e querce italiani o una stella a otto punte), si entra negli stabilimenti produttivi, un laboratorio artigianale che si muove senza soluzione di continuità tra passato e futuro il cui punto di partenza è nelle sale di modellistica. Qui tecniche ancestrali come lo stampaggio a cera, utilizzato su piccoli pezzi di poca complessità formale, si mescolano alla stampa 3D, destinata a parti più complesse. Seguono le diciotto isole che compongono lo stabilimento produttivo. Martina, 32 anni, è responsabile di uno di loro. Indossando scarpe da ginnastica leopardate e occhiali di plastica, questo ingegnere meccanico lo ha indossato in fabbrica cinque anni fa. “Qui tutti impariamo a fare tutto”, dichiara, riferendosi ad ogni fase del processo mediante il quale un pezzo d’oro preso da uno stampo viene trasformato in una gemma dagli orafi. Dal montaggio all’incisione famosa Fatto in Italia, Intarsiando diamanti, gemme o sapone. La sua metodologia segue i passaggi tradizionali impostati da orafi come Caramora, ma è supervisionata da schermi digitali.

Fase di identificazione del diamante.
Fase di identificazione del diamante.Vicens Giménez (© Vicens Giménez)

La gioventù è il denominatore comune in quasi tutti i reparti. “Molti dei nostri artigiani provengono dall’estero, in particolare dal Sud Italia.Dalla nostra apertura nel 2017, abbiamo raddoppiato il numero degli operatori, da 350 ad oggi 700, e gran parte della forza lavoro è giovane, il che è un buon indicatore per noi, perché ci garantisce il futuro”, dice Mauro Di Roberto: “Queste ragazze e questi ragazzi portano molta energia, qualcosa anche di grande valore alla città”. traguardi e valore fondamentale della Bulgari Academy, liceo artistico che ogni anno accoglie nuovi studenti provenienti da università tecniche diverse per insegnare loro le diverse tecniche che compongono l’oreficeria”. Il nostro grande giorno impedimento È trovare giovani disposti a giocare e imparare la primavera di questo mestiere”, spiega Di Roberto.

Anello Serpenti Seduttori con incisione logo in oro rosa, rubellite e pavé di diamanti
Anello Serpenti Seduttori con incisione logo in oro rosa, rubellite e pavé di diamantiVicens Giménez (© Vicens Giménez)

Valorizzando lo spazio in cui lavorano gli artigiani, ha condizionato la realizzazione dell’edificio alla realizzazione dell’edificio stesso insieme a un ambizioso piano di sostenibilità che ha ottenuto la certificazione internazionale LEED Gold (Leadership in Energy and Environmental Design) assegnata a progetti a basso impatto ambientale nella loro pianificazione. “Lo spazio massimizza l’uso della luce naturale insieme all’illuminazione a LED per le strutture. Utilizza energia elettrica solo da fonti rinnovabili. Inoltre utilizza sistemi di irrigazione che consentono il riutilizzo dell’acqua, riducendo il consumo fino al 42%”, dettagli Eleonora Rizzuto , Direttore della Responsabilità Sociale per le aziende di Bvlgari.

L'EPS oggi.  Digitale.  Milano 25/10/2021 - Visita alla fabbrica di gioielli Bulgari a Valenza, Milano - (c) Vicenz Jimenez
L’EPS oggi. Digitale. Milano 25/10/2021 – Visita alla fabbrica di gioielli Bulgari a Valenza, Milano – (c) Vicenz JimenezVicens Giménez (© Vicens Giménez)

Il numero di pezzi che escono dai laboratori è inferiore rispetto alle ore di lavoro di ciascun artigiano nelle diverse fasi della produzione. “È davvero ciò che aggiunge valore alla gemma”, afferma Di Roberto. Le mani dei suoi artigiani realizzano alcuni dei pezzi più preziosi dell’azienda italiana, come le spirali sfaccettate che salutano il Colosseo a Roma nel carattere B.zero1 o la distintiva catena incernierata dei pezzi Serpenti, la più tagliente nel catalogo dell’etichetta. Scolpiti in oro bianco e riconoscibili dai due smeraldi che formano gli occhi del rettile, alcuni di essi presentano ben 82 diamanti incastonati a mano. Secondo Martina, questo compito comporta il lavoro di tre persone per un’intera settimana. Un lavoro delicato di cui è molto orgogliosa: “Prima mi dedicavo all’industria alimentare, ma questo è più interessante, sai cosa significano i gioielli per una ragazza”. L’artigianato di questa giovane cava di artigiani di Valenza si unisce al Laboratorio di Alta Gioielleria Bvlgari a Roma, alla fabbrica di accessori a Firenze e ai laboratori di orologeria del marchio in Svizzera. Un altro capitolo di questo armonioso connubio che l’azienda italiana ha forgiato con l’artigianato del proprio Paese nel corso della sua storia e questo, come i diamanti che i suoi artigiani adornano ogni giorno, per il momento sembrano infrangibili.

READ  Battaglia calcia il tabellone: ​​i quattro cambi che farà al Boca per visitare il Platense