Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Madrid ‘democratizza’ la ricerca digitale archeologica con un laboratorio aperto

Notizie correlate

ricercatori da Università Carlos III di Madrid (UC3M) ha creato un laboratorio archeologico aperto il cui obiettivo è quello di Inclusione di un ampio settore di cittadini nel processo di digitalizzazione, Analisi e diffusione del patrimonio archeologico documentato nella Comunità di Madrid.

Il tentativo di democratizzare qualcosa che è stato tradizionalmente antidemocratico come la scienza, si basa su di esso Un primo passo per coinvolgere la società in un inarrestabile processo di trasformazione. Questo sembra essere l’obiettivo di questo progetto.

Questo laboratorio è stato creato Promosso dalla Fondazione spagnola per la scienza e la tecnologia (FECYT) del Ministero della scienza e dell’innovazioneDarà l’opportunità a chiunque voglia far parte del progetto di conoscere e gestire il patrimonio archeologico di Madrid.

Ma anche, e forse la chiave sta qui, Contribuire alla ricerca e alla pubblicazione gratuita e aperta dei risultati. Inoltre, offre l’opportunità ai partecipanti di ricevere la formazione di base necessaria per iniziare la ricerca in archeologia.

L’obiettivo primario, quindi, è Inclusione di un’ampia parte della comunità universitaria nel processo di digitalizzazione, analisi e diffusione del patrimonio archeologico documentato nella Comunità di Madrid Creando un laboratorio archeologico tramite un canale crowdsourcing Aperto a chiunque voglia partecipare.

Nell’ambito di questo progetto Promosso da Jesús Bermejo Tirado, dell’Istituto di Cultura e Tecnologia UC3M, è stato lanciato un programma di volontariato per far parte del Laboratorio di archeologia digitale aperto (LADA).

Si presenta come Un’attività appena iniziata e che proseguirà fino al prossimo maggio, dove le persone interessate si incontreranno per due ore alla settimana per lavorare sui materiali archeologici relativi ai vari progetti archeologici realizzati nella Comunità di Madrid.

READ  L'OMS ha esortato la Cina a rilasciare i dati sui primi casi di COVID-19: "È essenziale sapere come è iniziata l'epidemia"

Strumenti digitali e “open access”

I volontari riceveranno una formazione in vari campi come l’archeologia e le digital humanities, Archeologia nella regione di Madrid, strumenti digitali, banche dati Aprire essere capace di, software CAD (come Inkscape in formato vettoriale e GIMP in formato raster), Sistemi Informativi Territoriali (QGIS), progettazione e gestione di ricerche in formato digitale.

Tutto il lavoro svolto dai volontari Sarà incorporato nell’Open Publishing Project I tuoi sforzi saranno riconosciuti in crediti per queste pubblicazioni in modo che possano servire come documentazione della tua partecipazione.

Questo è uno dei Le ultime notizie per tutte le possibilità che si sviluppano giorno dopo giorno negli spazi dell’Università Carlos III di Madrid. Quest’ultimo tratto dell’anno è particolarmente prolifico in termini di generazione di innovazioni legate alla tecnologia.

Così, ad esempio, i ricercatori di UC3M hanno recentemente collaborato con altri ricercatori dell’Università di Roma Tor Vergata (Italia) per progettare Il nuovo sistema consente un migliore utilizzo della biomassa (come rifiuti forestali e agricoli) tramite un reattore chimico che funziona con un piccolo impianto di energia solare.

UC3M, innovazione sostenibile e salute

Questa innovazione si basa sul fatto che i rifiuti di biomassa possono diventare una valida alternativa energetica. Tuttavia, questo rifiuto biologico è caratterizzato dal suo alto contenuto di umidità Richiede un pretrattamento prima della polimerizzazione utilizzando tecniche termiche convenzionali (come pirolisi, gassificazione o tostatura a secco).

Questa non è un’opzione economica poiché una grande quantità di energia va nel pretrattamento di essiccazione. Per risolvere questo problema, la carbonizzazione idrotermale della biomassa (HTC) potrebbe essere una tecnologia interessante per il trattamento di questo residuo, poiché non è necessario alcun pretrattamento per l’essiccazione”, spiega Jesús Gómez Hernández, del gruppo di ricerca Energy Systems Engineering (ISE) nella divisione UC3M di Ingegneria Termica e fluidi.

READ  Giovedì 16 dicembre 2021 (19:00 GMT)

HTC consiste in un trattamento termochimico della lavorazione della biomassa in un reattore ad acqua calda (tra 180 e 250 gradi) ad alte pressioni (da 10 a 40 bar) per ottenere un prodotto ad alto valore aggiunto: l’idrocarburo.

Il grande svantaggio è che HTC richiede molta potenza ea questo punto i ricercatori hanno bisogno Hanno introdotto l’innovazione introducendo un’altra fonte rinnovabile: l’energia solare.

UC3M è multidisciplinare. La buona prova di ciò è che lo sviluppo dei disturbi spazia da settori come l’energia – come accennato in precedenza – o scientifico – come il laboratorio aperto di archeologia – o la salute.

In quest’ultimo settore spicca una branca dell’ateneo, Inrobics Social Robotics, che ha sviluppato un dispositivo robotico che fornisce un innovativo servizio di riabilitazione cinestetica e cognitivo, sia in ambito clinico che domiciliare.

Trattamenti con sensori 3D e robotica

Il team di imprenditorialità ha sviluppato una piattaforma a quattro componenti: un robot che interagisce con il paziente; Un sistema di intelligenza artificiale che funziona con Il sensore 3D controlla il robot; Un’app in modo che gli operatori sanitari possano configurare sessioni e fare follow-up; E un sistema di archiviazione cloud con informazioni e analisi per tutti i processi di riabilitazione.

Attraverso il sensore 3D Conosciamo in ogni momento la posizione di ogni paziente. Ad esempio, sappiamo se alza il braccio, ma anche se ruota la spina dorsale per compensare questa difficoltà. Tutte queste informazioni vengono acquisite e inserite nei rapporti clinici generati”, osserva Fernando Fernandez, professore presso il Dipartimento di informatica della UCSD presso 3M e co-fondatore di Inrobics.

L’obiettivo è Promuovere terapie riabilitative attraverso attività basate sulla tradizione e una serie di esercizi e fornire agli operatori sanitari strumenti aggiuntivi per migliorare queste sessioni.

READ  Avanzamento di due farmaci contro il COVID-19: raccomandato dagli esperti dell'OMS