Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Macri si esprime ai Kirchner in Brasile: “Oggi sono scioccati”

Presidente Alberto Fernández Domenica altri leader nazionali si sono espressi contro le azioni dei seguaci dell’ex presidente brasiliano Jair Bolsonaro, che hanno saccheggiato e distrutto Congresso Nazionale, Corte Suprema di Giustizia (STF, Corte Suprema Federale) e Palazzo Presidenziale (Planalto) da quel paese.

Presidente argentino ha parlato Manifestazioni che hanno avuto luogo a Brasiliala capitale del Brasile, ha riportato: “La democrazia è l’unico sistema politico che garantisce le libertà e ci obbliga a rispettare il dominio popolare”. attraverso CinguettioCommissario rinnegare I danni provocati dai militanti dell’ex presidente brasiliano condotti negli edifici governativi.

Il presidente ha dichiarato in un tweet su Twitter: “Coloro che cercano di ignorare la volontà della maggioranza, minacciano la democrazia e meritano non solo la corrispondente punizione legale, ma anche il rifiuto assoluto della comunità internazionale”. Per questo motivo, il presidente ha condannato le azioni dei bolsonariani. “Voglio esprimere la mia disapprovazione per quanto sta accadendo a Brasilia. Il mio sostegno incondizionato e il sostegno del popolo argentino a Lula da Silva di fronte al tentativo di colpo di stato che sta affrontando.pubblicato sul social network.

Inoltre, Fernandez, in qualità di presidente della CELAC e del Mercosur, ha messo “in allerta gli Stati membri affinché ci uniamo in questa inaccettabile risposta antidemocratica che sta cercando di imporsi in Brasile”. Ha aggiunto: “Manifestiamo con fermezza e unità la nostra totale adesione al governo democraticamente eletto dai brasiliani guidato dal presidente Lula. Siamo con il popolo brasiliano per difendere la democrazia e non permetteremo mai il ritorno dei fantasmi del golpe promosso da la destra.”

Nel tardo pomeriggio, Vicepresidente Cristina Kirchner Ha anche espresso la sua opinione contro i disordini. “Le foto di oggi a Brasilia replicano completamente le foto del 6 gennaio 2021 al Campidoglio di Washington. Non è un caso…”funzionario nazionale ha scritto. “Confidiamo nell’esperienza di Lula per affrontare questa vera sfida alla democrazia in Brasile”, ha affermato.

READ  I colori degli abiti che si indossano nel nuovo anno 2023

Dopo ore, L’ex presidente Mauricio Macri ha sconfessato le azioni che hanno avuto luogo nel paese vicino. In un tweet su Twitter, ha dichiarato: “Denuncia gli atti di violenza registrati in Brasile, dove una folla di persone ha preso d’assalto il palazzo presidenziale, la Corte suprema di giustizia e il palazzo del Congresso, mettendo in pericolo la pace e la stabilità democratica nel Paese. La mia solidarietà va al presidente Lula in questo momento”.

Ha anche confermato che l’episodio lo avverte La fragilità globale delle istituzioni democratiche. Ha stabilito un parallelo con la situazione nel paese. “È stato dimostrato che una folla di loro può calpestarli come in Brasile o come sta accadendo ora in Argentina con la Corte Suprema di Giustizia attraverso meccanismi politici antidemocratici altrettanto brutali”.

“Non dobbiamo dimenticare che lo stesso Kirchnerismo che è stato sconvolto oggi dagli eventi in Brasile è lo stesso che nel 2017 ha organizzato, promosso e guidato il violento attacco al Congresso della Nazione Argentina”, domanda. Ha concluso dicendo: “Democrazia e istituzioni vanno rispettate ovunque e ovunque. Perché distruggeranno prima le istituzioni e poi distruggeranno la libertà e la vita”.

Allo stesso modo, la presidente della PRO Patricia Bullrich era enfatica e scettica nei confronti del partito al governo: E ha scritto sul suo account Twitter: “Democratici con altri paesi e quelli al potere qui”. Ha aggiunto: “Qui vogliono impadronirsi della Corte Suprema di Giustizia e distruggere il Congresso con 14 tonnellate di pietre. Il giorno in cui ritirerai la tua richiesta di archiviazione dal tribunale, potrai esprimere la tua opinione su ciò che sta accadendo in Brasile”.

READ  Le interruzioni di corrente mettono sotto controllo la dittatura cubana: strutture obsolete, abbandono e abbandono venezuelano

In linea con il capo dell’esecutivo, il ministro dell’Economia, Sergio Massa, si è unito nel respingere le manifestazioni golpiste che stanno devastando il Brasile. Respingo fermamente gli atti di violenza e gli attacchi alle istituzioni democratiche in Brasile. Fatti come questi minacciano la democrazia e la volontà popolare. Il mio pieno sostegno a Lula e la mia solidarietà al governo e al popolo brasiliano”.

La Federazione degli industriali argentini si è unita agli oppositori dei disordini ed ha espresso la sua condanna per gli eventi antidemocratici che hanno avuto luogo oggi in Brasile. “Chiediamo rispetto per il sistema istituzionale del Paese vicino e rispetto per l’impegno e il destino comune che ci unisce nel Mercosur”, hanno affermato.

Ambasciatore in Brasile, Daniele Schulle Ha respinto la “violenza istituzionale in atto a Brasilia contro le tre potenze” e ha sostenuto il presidente Lula per il “ripristino dell’ordine democratico” in quel paese.

“Di fronte alle azioni golpiste della destra in Brasile, esprimiamo la nostra solidarietà a Lula”, ha detto il ministro degli Esteri. Santiago Cavero Attraverso il suo account Twitter, ha espresso: “Alziamo la nostra voce in difesa della democrazia brasiliana”.

capo di stato maggiore nazionale, Prospettiva Giovanni Ha condannato “l’acquisizione illegale e violenta del palazzo presidenziale, del Congresso e della Corte Suprema del Brasile” e ha aggiunto: “Siamo solidali con il presidente Lula nell’affrontare questo attacco alla democrazia e sosteniamo la piena legittimità del suo governo”.

Condanniamo il codardo colpo di stato contro la democrazia e la vittoria di Lula. Pieno sostegno al popolo brasiliano e al governo eletto con voto popolare”, ha detto il governatore di Buenos Aires Axel Kiselov, che ha anche avvertito che “in tutta la regione c’è la stessa scena: la destra violenta attacca la democrazia, attacca i diritti. È nemica della la volontà popolare e avvelenata dall’odio.” .

READ  La controversia sui 200 animali domestici evacuati dall'Afghanistan da migliaia di civili

Il capo del governo di Buenos Aires, Horacio Rodríguez Larreta, ha espresso la sua “profonda preoccupazione per l’assalto alle istituzioni della democrazia in Brasile”. Ha aggiunto su Twitter: “La mia assoluta condanna della violenza e la mia piena solidarietà e sostegno a Luiz Inacio Lula da Silva e a tutto il popolo del Brasile”.

A tarda notte, l’Associazione nazionale dei giudici e degli ufficiali giudiziari ha rilasciato una dichiarazione in cui sconfessa la violenza di domenica. Hanno esordito “Questi comportamenti antidemocratici non solo costituiscono un chiaro disprezzo per la volontà popolare e per i poteri dei poteri recentemente assunti, ma costituiscono anche un attacco alle istituzioni costituzionali di quel Paese”.

Hanno aggiunto: “Qualsiasi atto che ignori la legittimità della costituzione e l’autorità delle istituzioni è un tentativo di colpo di stato e una chiara destabilizzazione che merita la più ferma condanna”.

Hanno concluso dicendo: “Siamo solidali con i cittadini del Brasile, affinché la pace possa essere rapidamente ripristinata nel paese vicino e sanzioni imposte per gli eventi avvenuti in quella data, evitando che si ripetano in qualsiasi paese della regione .”

Nazione

Ulteriori informazioni su The Trust Project