Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Macri ha pranzato con gli ambasciatori delle sette maggiori potenze occidentali e ha parlato delle elezioni

L’intenso pranzo, organizzato presso la sede diplomatica tedesca situata nel quartiere di Belgrano, ha dato vita a un colloquio in cui la situazione nazionale e il futuro hanno avuto un posto centrale. precedente presidente Maurizio Macri Questo pomeriggio ha partecipato a un incontro con gli ambasciatori del Gruppo dei Sette maggiori paesi industrializzati e rappresentanti delle sette potenze occidentali più industrializzate.

Secondo fonti vicine all’ex presidente, e nonostante il completo silenzio su quanto accaduto tra i suoi eroi, Macri “condivide il suo punto di vista sulla situazione mondiale e sull’attualità politica ed economica della regione e del Paese”. accompagnato da Fulvio PompeoSegretario delle Relazioni Internazionali Professionali e Rappresentante Nazionale Cornelia Schmidt LermannMacri ha anche affermato che la coalizione di opposizione è “pronta” per le elezioni del 2023 in cui cercherà di tornare al potere anche se “non si è parlato” della sua possibile candidatura, e sì su Basu come un modo per risolverlo. Applicazione tra radici e macro.

Mentre come antipasti hanno assaggiato insalata con formaggio di capra, gnocchi con gamberi, carne con asparagi e dolce al cioccolato, ascolta Macri, oltre al padrone di casa Ulrico Santi (Ambasciatore di Germania), diplomatici Marco Stanley (Stati Uniti d’America); Claudia Scherer Evos (Francia); Kristen Hayes (Regno Unito); Fabrizio Lucentini (Italia); Red Sears (Canada) e Shimada Kenji (Giappone).

In un’atmosfera di “amicizia”, ​​come l’ha descritta un ristorante argentino, Macri ha risposto a domande sul “mondo, la regione e l’Argentina”, sostenendo che di solito le condivide pubblicamente, con uno sguardo critico al governo di Alberto Fernandez E le sue relazioni con molti dei suoi partner internazionali, come Russia, Venezuela o Cuba.

READ  Buona festa del papà, tranne gli uomini di Mendoza: perché?

E ha detto loro, secondo testimoni oculari, che “Insieme per il cambiamento” è “preparato per ciò che verrà”, in un chiaro riferimento alle elezioni del prossimo anno, e i suoi dubbi su “come procedere” in questa fase, con Serge Massa Nel suo primo giorno intero come ministro delle finanze. La guerra in Ucraina, l’incidente tra Stati Uniti e Cina durante il viaggio di un membro del Congresso Nancy Pelosi Anche Taiwan ha il suo posto nella conversazione.

Durante l’incontro, Macri ha ribadito agli ambasciatori (molti dei quali europei) il suo impegno per l’accordo Ue-Mercosur, firmato negli ultimi mesi dell’amministrazione Campimos, ma ancora in attesa di effettiva attuazione.

Da quando ha lasciato la presidenza alla fine del 2019, Macri è stato attivo sulla scena internazionale. Non solo per i suoi impegni con la FIFA Foundation, ma anche per i suoi legami con ex presidenti come Donald Trump, che li ha visitati negli Stati Uniti. Conosce già molti degli ambasciatori presenti, come Stanley, Sinister-Evos e Lucentini, con i quali aveva precedentemente condiviso conversazioni.

Intanto l’Ambasciatore Santi via social ha inviato una foto e un breve commento all’incontro, senza dimenticare i dettagli suggestivi: spazzare la Cancelleria guidata da Santiago CafieroCome un modo formale per “riferire” il completamento del pranzo con l’ex presidente.