Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’Unione Europea inizia lo studio di un semplice emendamento

La Spagna ha una situazione economica delicata che deriva dalla crisi pandemica così come dai suoi predecessori. Da un lato, il Giappone non ha recuperato il livello di PIL a cui si trovava prima della pandemia – in parte a causa del maggior peso del turismo nella sua economia – e dall’altro i suoi numeri di debito, deficit e occupazione sono fuori dagli standard europei . Se manca qualcosa, ora soffre di inflazione, anche se il presidente della Banca centrale europea (BCE), Christine Lagarde, si aspetta che l’evoluzione del CPI sia simile alla gobba che l’Europa ha raggiunto al suo livello più alto, una volta in 2022, inizio a Scendere la pista.

In questo contesto, l’Unione Europea (UE) ha iniziato a studiare una modifica soft, ma alla fine si tratta di una modifica mascherata in termini largamente eufemistici nello stile della terminologia sociale. Nessuno degli Stati membri vuole tornare all’austerità che ha segnato la fine della precedente crisi nel 2008, e tutti concordano sul fatto che prima di andare avanti, la pandemia deve essere superata. Poi ci sarà un nuovo modello di regole finanziarie, che è la posta in gioco, quindi ora è il momento di prendere posizione e trovare alleati di fronte a un accordo.

Per la Spagna, uno dei partner Ue che stanno affrontando più difficoltà, la favorisce la delicata situazione della Francia, perché costringe la Germania a non stringere la corda, da non confondere con il mantenimento della traversa libera negli ultimi due anni.

La Commissione europea opera su mandato del Parlamento europeo, che la scorsa estate le ha affidato un dibattito pubblico sulla revisione del quadro di governance economica dell’UE.

READ  Tre anni di governo di Bolsonaro in Brasile: un governo alla deriva | Brasile in DW | DW

Mentre il Parlamento europeo approva le conclusioni del Consiglio finanziario europeo (CFE), il nuovo quadro di bilancio ruoterà attorno a un unico obiettivo, il debito pubblico, ed è un tema che paesi come Grecia, Italia e Spagna stanno aspettando, molto – molto lontano – dall’approvato, con la consolazione di aver fermato anche la Francia. Il presidente francese Emmanuel Macron riassume: “Dobbiamo tornare alle regole del bilancio comune, ma non possiamo far finta che non sia successo nulla”.

Ciò che sembra fuori questione è affrettarsi, perché le future regole fiscali potrebbero elaborare un nuovo paradigma più completo – letto nel suo insieme – e focalizzato sul medio termine, secondo Carmen Lopez, consulente del distretto delle finanze pubbliche di Avey. In questo scenario va letta la recente mossa del governo spagnolo, che avverte che un aggiustamento “prematuro e brusco” delle regole fiscali potrebbe uccidere la crescita.

Per Nadia Calvino, Senior Vice President e principale interlocutore di Madrid a Bruxelles, è fondamentale proteggere gli investimenti da futuri tagli del debito. In qualsiasi altro scenario, l’economia spagnola difficilmente potrebbe riprendersi.

Un ritorno alle precedenti regole Ue dei suoi Stati membri – un deficit pubblico di appena il 3% del PIL e un debito fino al 60% – sembra inutile, ma tra quei livelli da sogno e quelli della Spagna (122,1%) potrebbe esserci accordo che ancora È molto indietro, come l’Italia, con il 156,3% del debito, o la Grecia con il 207,2%. Anche Francia e Portogallo, con debiti superiori al 115% del loro debito sul PIL.

In questo contesto, c’è un’idea al vaglio di Roma e Parigi che Madrid può sottoscrivere: obiettivo debito/PIL a medio termine, ma non uno per tutti, ma adeguato alla situazione di ciascuno. membro dell’Unione Europea.

READ  La Banca centrale europea inizia a ritirare il suo arsenale di stimoli per paura dell'inflazione

Tweet incorporato