Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’Unione Europea ha deciso di imporre un caricabatterie unico per telefoni cellulari, tablet e altri dispositivi

Caricatore USB-C

Martedì i paesi dell’Unione Europea e i negoziatori al Parlamento europeo hanno annunciato un accordo per imporre un … Caricabatterie singolo universale per smartphone, tablet e dispositivi indossabili entro e non oltre l’autunno 2024.

normativo Forzerà una porta USB-C per tutti questi dispositivi Con l’obiettivo di ridurre i rifiuti tossici di migliaia e migliaia di cavi di diverse forme, e Difendere i diritti dei consumatoriora doveva assemblare diversi caricatori.

Affronta il progetto Feroce opposizione da parte del gigante tecnologico Appleche difende la connettività Lightning e la tecnologia di ricarica.

Il commissario europeo per l’Industria, Thierry Breton, ha accolto con favore l’accordo e ha affermato su Twitter che “l’interesse pubblico dell’UE ha prevalso”.

Porta mini USB-C per iPad.  (Foto: Neuf.tv)
Porta mini USB-C per iPad. (Foto: Neuf.tv)
FILE PHOTO: Bridget Cosgrave, CEO di DigitalEurope, mostra un caricabatterie standard per telefoni cellulari durante una conferenza stampa presso la sede della Commissione europea a Bruxelles, l'8 febbraio 2011. REUTERS/Francois Lenoir
FILE PHOTO: Bridget Cosgrave, CEO di DigitalEurope, mostra un caricabatterie standard per telefoni cellulari durante una conferenza stampa presso la sede della Commissione europea a Bruxelles, l’8 febbraio 2011. REUTERS/Francois Lenoir

L’accordo significa “maggiori risparmi per i consumatori Ue e meno sprechi per il pianeta”. Secondo le stime della Commissione Europea, si eviterà l’accumulo di 11.000 tonnellate di rifiuti elettronici all’anno.

In un comunicato stampa, il Parlamento europeo ha osservato che il progetto fa “parte del più ampio sforzo dell’UE per rendere i prodotti nell’UE più sostenibili, ridurre i rifiuti elettronici e semplificare la vita ai consumatori”.

Pertanto, “i consumatori non avranno più bisogno di un dispositivo e di un cavo di ricarica diversi ogni volta che ne acquisteranno uno nuovo e potranno utilizzare un caricabatterie per tutti i loro dispositivi elettronici portatili di piccole e medie dimensioni”, aggiunge la nota.

Il blocco vuole un caricabatterie universale per smartphone, tablet e dispositivi mobili entro l'autunno del 2024. EFE / EPA / OLIVIER HOSLET
Il blocco vuole un caricabatterie universale per smartphone, tablet e dispositivi mobili entro l’autunno del 2024. EFE / EPA / OLIVIER HOSLET

Il Parlamento ha inoltre confermato che la velocità di ricarica sarà “coordinata con i dispositivi che supportano la ricarica rapida, consentendo agli utenti di caricare i propri dispositivi alla stessa velocità con qualsiasi caricabatterie compatibile”.

READ  Come attivare la modalità "spia" in WhatsApp

La Commissione Europea promuove questo accordo da tredici anni, quando nel 2009 ha raggiunto un accordo volontario con i principali produttori di dispositivi mobili, che È consentito ridurre gli attuali caricatori da 30 a tre: USB 2.0 Micro B, USB-C e Lightningin esclusiva per Apple.

Tale accordo è però scaduto nel 2014 e lo scorso settembre l’Esecutivo comunitario ha lanciato una nuova proposta che oggi è andata a buon fine, in un accordo che deve ancora essere formalmente ratificato dal Consiglio dell’Unione Europea – l’istituzione che rappresenta i paesi – e dal Parlamento europeo. .

Attualmente, il caricatore singolo non sarà compatibile con laptop, smartwatch o dispositivi che misurano l’attività fisica, per motivi tecnici come le sue dimensioni.

“Oggi abbiamo reso il caricabatterie comune una realtà in Europa! I consumatori europei sono sempre stati frustrati dall’arretrato di più caricabatterie con ogni nuovo dispositivo. Ora potranno utilizzare un caricabatterie per tutti i loro dispositivi elettronici portatili”, ha affermato il relatore di iniziativa al Parlamento europeo, l’eurodeputato socialdemocratico, Alex Agios Saliba.

(Con informazioni da AFP ed EFE)

Continuare a leggere: