Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’Unione Europea è a malapena unita | Europa | Dott..

Il 31 maggio il primo ministro ungherese Viktor Orban ha festeggiato il suo compleanno e ha ricevuto un importante dono politico dall’Unione europea. L’Ungheria, la Slovacchia e la Repubblica Ceca saranno inizialmente esentate dall’embargo dell’Unione Europea sul petrolio russo consegnato attraverso gli oleodotti.

Per settimane, Orban si è opposto con successo a sanzioni più severe contro la Russia, poiché il suo paese dipende interamente dall’oleodotto Druzhba. Attraverso l’oleodotto “Amicizia” – un nome che oggi suona un po’ antiquato – l’Unione Sovietica ha fornito petrolio agli ex alleati comunisti.

È stato raggiunto un compromesso dall’oggi al domani: il divieto di approvvigionamento, che dovrebbe essere attuato gradualmente fino alla fine dell’anno, riguarda ora solo il petrolio russo fornito attraverso i porti marittimi. Quindi Viktor Orban ha ritirato la sua minaccia di veto.

Il sesto round di severe sanzioni contro la Russia, paese che da tre mesi conduce una guerra di aggressione contro l’Ucraina, può ora essere completato. Il risultato è un sollievo per l’incontro dei Capi di Stato e di governo per il proprio vertice sull’Ucraina a Bruxelles: l’unità e la capacità di lavoro dell’Unione europea è stata preservata.

Buon poker dell’ultimo minuto

È stato “un tipico poker negoziale dell’UE che ha finito per funzionare all’ultimo minuto”, si assicurano alcuni diplomatici dell’UE. Altri vedono crepe abbastanza evidenti nell’unità di blocco. Ad esempio, il primo ministro lettone, Krisjanis Karenz, ha avvertito che in tempo di guerra l’UE non dovrebbe perdersi nei dettagli delle preoccupazioni ungheresi. Per lui, tutto dovrebbe dipendere dal “quadro generale”.

Al momento, scorre ancora: petrolio russo nell’oleodotto Druzhba in Ungheria.

Il primo ministro lettone è stato sollevato dal fatto che la decisione unanime necessaria per imporre almeno un embargo petrolifero parziale fosse ancora possibile. Tuttavia, è chiaro che solo la Russia sarà davvero interessata da un divieto energetico totale:

READ  Rohlik, il "super" online ceco ha fatto irruzione in Spagna acquistando Ulabox | Economia

“Un passo meraviglioso” nella giusta direzione, ha detto Karens. , per rendere difficile alla Russia il finanziamento della guerra.

Effetti limitati delle sanzioni

Ovviamente, anche l’impatto del limitato embargo petrolifero sarà limitato. Non avrà pieno effetto fino alla fine dell’anno. Due terzi delle esportazioni di petrolio verso l’UE dovrebbero essere perse. Il che significherebbe, secondo i calcoli di Bloomberg, una perdita di circa $ 10.000 milioni di entrate dal tesoro russo.

Ma le esportazioni petrolifere russe scenderanno solo al 10% del volume attuale quando Germania e Polonia smetteranno volontariamente di acquistare greggio dalla “conduttura dell’amicizia”, ​​è stato annunciato.

Per inciso, anche la Bulgaria e la Croazia hanno fatto eccezioni sotto i ribelli ungheresi. Avranno periodi di transizione più lunghi per rispettare l’embargo petrolifero.

Mikhail Krutykhin, un esperto di petrolio con sede a Oslo, ha detto a DW che la perdita di entrate potrebbe essere ancora maggiore per il bilancio statale russo: circa il 25%, o circa 50 miliardi di dollari, entro la fine dell’anno. Perché vendere petrolio in Asia è difficile.

Altri economisti sottolineano, tuttavia, che non esiste una relazione diretta tra il business dell’energia e il finanziamento della guerra di aggressione russa. Gli stipendi dei soldati e delle armi di fabbricazione russa continueranno a essere pagati in rubli, che il Cremlino può stampare da solo attraverso la Banca centrale russa.

L’ambasciatore dell’Ucraina in Germania Andrei Melnik ha descritto l’embargo petrolifero come “un mezzo passo”. Molto denaro proveniente dagli accordi energetici confluisce ancora nel fondo di guerra russo e i politici ucraini vengono spesso criticati. Ma quello che è certo è che a seguito dell’embargo i prezzi dell’energia continueranno a salire per i consumatori in Europa e le pressioni inflazionistiche non diminuiranno.

Datenvisualisierung Ucraina Rosland Erdgas Abhängigkeit Energie Europe EN

Quando si tratta di energia, le cose si fanno serie

Sembra surreale che il presidente ucraino Volodymyr Zelensky abbia dovuto incolpare il vertice dell’UE per aver risolto la controversia sull’embargo petrolifero. “Le differenze interne non fanno che aumentare la pressione della Russia sull’Europa”, ha affermato nel suo videomessaggio all’incontro di Bruxelles.

READ  Germania e Russian Gas, di Jordi Gawal

Il primo ministro ungherese Viktor Orban ha chiamato a riflettere attentamente sulle conseguenze delle sanzioni: “L’energia è una questione pericolosa. Non è un gioco da ragazzi. Questo significa che abbiamo bisogno di soluzioni prima e poi di sanzioni. Finora abbiamo sempre deciso sanzioni fino ad allora. Pensa alle loro conseguenze e alle possibili soluzioni. Ma l’energia è rischiosa. Questo è pericoloso. “

È già stato deciso di eliminare gradualmente il carbone e il petrolio russi. Tuttavia, quando si parla di sanzioni all’importazione di gas naturale, Austria e Italia, e soprattutto Germania, dichiarano che in pochi anni sarà possibile dire addio completamente al gas russo senza causare gravi danni all’economia stessa.

Ma la Polonia e gli Stati baltici, così come l’Ucraina, chiedono un ritiro immediato delle forniture di gas russe. Secondo le informazioni ricevute dal Consiglio degli ambasciatori dell’Unione europea, è già in preparazione un settimo pacchetto di sanzioni contro la Russia. Tuttavia, questo pacchetto non includerà il gas naturale, ma più barriere commerciali e ostacoli per le aziende e le banche russe.

Africa preoccupata per le importazioni di grano

Anche il leader dell’Unione africana, il presidente senegalese Macky Sall, collegato come ospite al vertice Ue tramite collegamento video, ha invitato a riflettere sulle conseguenze delle sanzioni.

La decisione di separare la “Sberbank” di proprietà statale russa dal sistema di pagamento espresso rende difficile per i paesi africani pagare le importazioni di grano o fertilizzanti dalla Russia. Secondo Sall, ciò aggraverà la crisi alimentare in Africa, che risentirà anche della sospensione delle consegne di grano dall’Ucraina. Sall ha quindi esortato l’UE a collaborare con l’Africa per trovare una soluzione.

Da non confondere con causa ed effetto, il cancelliere tedesco Olaf Schulz ha indirettamente risposto a Sall durante la sua conferenza stampa: “C’è un motivo per cui molti cittadini del mondo hanno difficoltà a nutrirsi. Questa è la guerra dell’aggressione russa contro l’Ucraina ( …). Da È chiaro che la responsabilità dei pericoli che ci attendono ricade sulla Russia e sul suo presidente. Ecco perché è così importante intensificare i nostri sforzi per consentire l’esportazione di grano dall’Ucraina”.

Pertanto, l’Unione europea e l’Unione africana sostengono l’iniziativa delle Nazioni Unite di aprire i porti ucraini del Mar Nero, chiusi dalla Russia, alle esportazioni di grano. L’Unione europea sta lavorando per creare percorsi stradali alternativi verso l’Occidente al fine di ottenere grano dall’Ucraina. A tal fine, le procedure doganali per gli autocarri saranno ridotte al minimo, cosa che finora non ha funzionato bene nella pratica al confine dell’UE con l’Ucraina.

I magazzini sono pieni di grano in Ucraina, ma l'attaccante russo ha vietato le esportazioni.

I magazzini sono pieni di grano in Ucraina, ma l’attaccante russo ha vietato le esportazioni.

La mela della discordia per il prossimo vertice

Al prossimo vertice dell’UE di fine giugno, i capi di Stato e di governo vogliono decidere se, come e quando accogliere Ucraina, Georgia e Moldova nella società. Gli Stati membri dell’est dell’UE chiedono un’azione rapida. Ma i grandi azionisti come Germania, Francia e Italia stanno tenendo i freni. Quindi questo sarà un altro test della capacità dell’UE di raggiungere il consenso.

(rml/cp)