Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’Unione Europea condanna la “guerra di Putin” e intende inondare l’economia russa

Ieri l’Europa si è svegliata in un mondo diverso e più pericoloso, un mondo che molti pensavano che il continente si fosse lasciato alle spalle con il 20° secolo, quando migliaia di civili innocenti hanno cercato rifugio nella metropolitana, piangendo per le strade o cercando di fuggire dal loro paese, l’Ucraina, mentre I carri armati russi avanzarono verso Kiev. I leader europei hanno denunciato un “disastro”, un “attacco barbaro sostenuto da argomentazioni ironiche”, “l’ora più buia dell’Europa dalla seconda guerra mondiale”, una “palese violazione del diritto internazionale” … Tutto questo è “la guerra di Putin”.

Leggi anche

“La posta in gioco non è solo il Donbass, non solo l’Ucraina. La posta in gioco è la stabilità dell’Europa e del sistema di pace internazionale nel suo insieme”, ha affermato la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen, che ha consigliato a Putin di “non sottovalutare” la forza delle democrazie europee La storia ha dimostrato che le società basate sulla fiducia e sulla libertà sono più resilienti e di successo, e questo è ciò che i despoti temono.

L’Unione europea intende isolare Putin e indebolire il più possibile l’economia russa fino a quando non abbandonerà i suoi piani

Lo ha detto il primo ministro ucraino Volodymyr Zelensky, poche ore prima dell’inizio di un vertice straordinario tenutosi ieri sera a Bruxelles. Il Consiglio europeo ha risposto con un secondo round di sanzioni che, secondo i risultati della riunione, “avranno gravi conseguenze” per la Russia e riguarderanno “il settore finanziario, l’energia e i trasporti, nonché la politica dei visti e l’estensione del elenco. Di soggetti soggetti a sanzioni. I ventisette hanno preferito tenere in aula alcune misure aggiuntive, per fare spazio a una risposta alle future azioni russe.Le nuove sanzioni saranno ufficialmente adottate oggi dai ministri degli Esteri.Il loro obiettivo è quello di isolare il regime di Putin e indebolire l’economia dello stato russo a tal punto che diventa impossibile attuare i loro piani.

READ  L'Ibex 35 è salito a metà sessione, superando 8.830 punti grazie alle banche

Leggi anche

La guerra aperta è tornata nelle strade d’Europa, e alcuni paesi, soprattutto quelli nell’orbita dell’ex Unione Sovietica, temono che le azioni del Cremlino non rimangano lì. “Con Putin, nulla è escluso”, ha detto Josep Borrell, capo della diplomazia europea. Polonia, Estonia, Lettonia, Lituania e altri paesi dell’est ieri hanno invocato l’articolo 4 del Trattato di Washington per richiedere assistenza alla NATO se ritengono che la loro integrità territoriale sia minacciata. La coalizione ha risposto attivando i suoi piani difensivi collettivi e annunciando ulteriori rinforzi terrestri, aerei e marittimi al suo fianco orientale.

Von der Leyen: “In gioco non c’è solo il Donbass o l’Ucraina, è in gioco la stabilità dell’Europa”

Dopo la riunione straordinaria del Consiglio Atlantico, ieri mattina, il segretario generale della Nato Jens Stoltenberg ha ricordato che “un attacco a uno di noi è un attacco a tutti”, a cui seguirà oggi un vertice a distanza dei leader alleati. Il cancelliere tedesco Olaf Scholz, che ha chiesto un tentativo di impedire che il conflitto si diffonda in altre parti del continente, ha sottolineato che “Putin non dovrebbe sottovalutare la determinazione della NATO a difendere tutti i suoi alleati”.

Borrell, l’Alto rappresentante per la politica estera e l’Unione europea, ha presentato ieri ai vertici europei il piano sanzionatorio in base al quale i suoi servizi operano da settimane nella massima segretezza, il “più rigoroso che sia mai stato adottato”. Bruxelles afferma che le conseguenze saranno “enorme per l’economia russa. In coordinamento con Stati Uniti, Regno Unito e Canada, tra gli altri paesi, l’Unione europea si prepara ad adottare misure per limitare gravemente l’accesso della Russia ai mercati dei capitali. Sta aumentando tassi di inflazione e il progressivo deterioramento della sua base industriale”, afferma. Commissione europea.

READ  Il miracolo economico italiano di Draghi

I leader europei acconsentiranno alle “sanzioni più forti” della loro storia, ma le opzioni saranno salvate

Von der Leyen ha spiegato che il secondo pilastro della strategia europea di logoramento è limitare l’accesso dell’industria russa alle “tecnologie di cui hanno un disperato bisogno per costruire un futuro” e influenzerà le aree “in cui l’élite russa guadagna di più”. . Dai componenti high-tech al software più recente. “Tutto ciò porterà in futuro al deterioramento di molti settori dell’economia russa e il presidente russo dovrà spiegarlo ai suoi cittadini”, ha affermato von der Leyen.

“Risponderemo alla Russia”, ha affermato il presidente del Consiglio europeo Charles Michel. Le reazioni di diversi paesi alle sanzioni proposte sono andate da coloro che ritengono sia giunto il momento di rilasciare l’intero pacchetto ad altri, come la Germania o l’Italia, chiedendo che alcuni siano lasciati in riserva per continuare a fare spazio a una risposta alle azioni di Putin, un situazione che alla fine è prevalsa. Il Belgio, tra gli altri Paesi, ha difeso la posizione opposta: “Il tempo delle sanzioni graduali è finito. Se non agiamo, Putin non si fermerà non appena l’Ucraina sarà sotto il suo controllo”, ha affermato il premier Alexandre de Croo. Le sanzioni sono forti .

I paesi dell’est chiedono di più. Il leader lettone, Krishanis Kariche, ha difeso “gli ucraini stanno resistendo, dobbiamo dare loro armi e munizioni per combattere, è un nostro dovere morale”. Il suo omologo polacco Mateusz Morawiecki, che ha co-firmato una lettera promossa dalla Slovenia chiedendo all’Ue di negoziare l’ingresso di Ucraina, Georgia e Moldova il prima possibile, si è difeso dicendo: “Il nostro sostegno all’Ucraina deve essere reale”. Pochi amici a Bruxelles.

READ  L'Italia implementa nuove misure man mano che aumentano i contagi